Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Il Principe dei Medici e il Corpo del Principe PDF Stampa E-mail
Sallentina
Scritto da Luca Carbone   
Giovedì 24 Marzo 2016 19:56

Il PowerPoint qui pubblicato (leggi allegato), rielaborazione di una presentazione pubblica, è un lavoro di carattere essenzialmente ‘divulgativo’, con qualche parziale approfondimento di qualcuno dei ‘temi’ accennati. E si propone semplicemente: a) di mettere in evidenza l’apporto di uno studioso di origini salentine, Giovanni Paolo Mongiò, ad uno dei grandi snodi della ‘cultura’ e della ‘scienza’ universali, la ‘traduzione’ in Occidente del Canone di Ibn Sina, più noto da noi come Avicenna; inserito di recente da uno studioso tra i cinquanta libri più importanti della Storia delle Civiltà; e b) di suggerire una delle possibili ‘radici storiche’ (non l’unica, e nemmeno necessariamente la principale) della formazione filosofico-scientifica di Mongiò, Otrantino di nascita, ma di famiglia galatinese; e di riflesso l’importanza del Salento come terra di incroci e mediazioni culturali in area mediterranea, nel ‘passato’.

Una relativamente vasta e duratura messe di studi sul periodo storico di cui si tratta e sulle figure ed opere cui si fa cenno è ormai disponibile, anche se pare non essere diventata ancora patrimonio condiviso e comune della cittadinanza salentina. Basti qui fare un cenno agli studi dei compianti prof. Aldo Vallone e prof. Papuli, dei compianti Mons. Antonaci, forse il primo studioso sistematico dell’opera di Marc’Antonio Zimara, e Padre Benigno Perrone, di Michele Paone e Michele Montinari; del Prof. Vetere e dei suoi validi collaboratori e collaboratrici, Massaro e Petracca tra le più attive, con i loro preziosi scavi d'archivio e le puntuali ricostruzioni; del Prof. Giancarlo Vallone che da decenni studia e valorizza il Medioevo e l’Umanesimo ‘galatinese’, del Prof. Jacob, del Prof. Coluccia, che dirige il progetto ADAMAP per la restituzione ‘virtuale’ al Salento dei suoi antichi manoscritti; di Luigi Manni, Luigi Galante e Luigi Vincenti, di Pietro Congedo, del Prof. Ennio De Bellis, studioso del Nifo, della Prof.ssa  Luana Rizzo e della dot.ssa Alba Paladini, studiose dell’opera dello Zimara e la seconda, anche dell’opera di Pietro Galatino; del compianto dott. Cassiano, del dott. Alessandro Laporta, della Prof.ssa Specchia, della dott.ssa Rugge, del dott. Daniele Arnesano, del Prof. Houben, che ha ricostruito e continua a ricercare, coi suoi collaboratori, la presenza dei Cavalieri Teutoni in Puglia; del Prof. Lelli, che forse per primo ha curato una prima magistrale sinossi della presenza culturale ebraica in terra salentina; per non citarne che sparsamente alcuni, tra gli studiosi più recenti, e senza alcuna pretesa di esaustività. Parrebbe auspicabile che al fervore degli studi si accompagnasse una maggiore e migliore consapevolezza da parte di noi tutti, abitanti del Salento, del notevole, se non immenso, patrimonio culturale ‘immateriale’ creato ed affidatoci dai nostri avi.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Il Principe dei Medici ed il Corpo del Principe.pdf)Il Principe dei Medici ed il Corpo del Principe.pdf 2283 Kb

Torna su