Nuovo Consiglio Direttivo, Open Day e nuovo Anno Accademico: pronti per ripartire!
MARIO GRAZIUSO Ripresa dell’attività sociale dell’UNIPOP “A. Vallone” di Galatina Confermato il Presidente e affidati gli incarichi ai consiglieri Trascorso il lungo periodo di inattività... Leggi tutto...
Sfogliando Galatina: una iniziativa per ripartire
Dopo questi mesi di inattività forzata, l'Università Popolare ha aderito con entusiasmo a una iniziativa del Patto Locale per la Lettura di Galatina, firmando la prima delle passeggiate letterarie... Leggi tutto...
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni Dopo questo lungo periodo di forzata inattività, il Consiglio Direttivo ha trovato, grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale, la sede... Leggi tutto...
Nuova sospensione delle attività
La presenza di casi di coronavirus sul territorio di Galatina e l'ordinanza di chiusura delle scuole emanata dal sindaco ci hanno consigliato un ulteriore consulto medico dal quale è emersa ... Leggi tutto...
In memoria di Piero Manni, editore
Da qualche giorno il Salento e il mondo della cultura sono più poveri: il 22... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home Sallentina Poesia salentina La festa de San Pietru
La festa de San Pietru PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Venerdì 29 Giugno 2012 16:27

[La poesia in dialetto galatinese, intitolata La festa de San Pietru, è apparsa nelle pagine de "Il Titano", n. 12 del 26 giugno 2008, p. 39]

 

San Pietru ede ‘na festa de culori,

de luci, de profumi  e de sapori;

quantu mi piace quandu ‘rriva la stagione

e bbisciu muntare la parazione!

De ‘nu viculu a ll’addhru, de ogni vanda,

se sentanu le note de la banda :

ogni  loggia e balcone a ll’apertu

diventa comu ‘nu grande concertu;

ogni corte, ogni chiazza, ogni via,

se anima d’incantu e de magia.

Ede comu nu sentimentu già pruvatu,

ca ritorna de lu tiempu passatu.

 

Lu cchiù speciale pe’ ogni famija,

ede lu giurnu de la viscija:

lu vintottu giugnu, dopu la funzione,

de la Chiesa Mathre esse la prucessione

e ‘rriva  finu a lle casine cchiù luntane

lu sonu festosu de le campane.

Monaci, prevati, confratelli e consorelle

de le cungreche, chierichetti e verginelle

ca s’anu fattu la prima comunione,

vanu secutandu la prucessione.

 

Lu bustu de San Pietru, de lu Seicentu,

lu dese Don Lorenzu Mungiò, tuttu d’argentu,

e la statua de San Paulu, è statu  stabilitu,

la porta a spaddhra  ‘na famija de Culumìtu.

A rretu a lli santi, cu tutti l’onori,

l’autorità, lu sindacu e l’assessori;

mmienzu a lli tamburi, de l’addhra vanda,

ave lu scemu ca secuta la banda

e lu sacrestanu,  cu ‘nu buccacciu, de retu,

ccoje l’offerte  pe’ San Pietru.

 

‘Na fiata venìanu ddhre povere cristiane

ca la taranta  pizzacava sotta a lle suttane,

quandu a campagna, cu lla fagge a mmanu,

sotta a llu sole ccujìanu lu cranu.

Scapiddhrate, su lli thraìni, la matina

le purtavanu a San Paulu, a Galatina,

cu lla speranza ca pe’sta discrazia

lu Santu li putìa fare la crazia.

Ci l’ave viste comu se sturtijàvanu,

dice ca suffrìanu de veru, e nu cabbàvanu!

Se vidìa unu cu lla camisa culurata,

comu ‘na diavula ssìa ‘na tarantata

de la cappella d’umidu e de tanfa,

e se menava cu llu scaranfa !

Se dice puru mòi, quando unu stè agitatu,

ca la taranta l’ave pizzacatu!!!...

 

A lla funzione, le cristiane la matina

si fannu vientu cu ‘na cartulina;

‘na zzingara crida finu a llu schiaccu:

“Ci vole le cuceddhre pe llu tabaccu!?!”.

E a ci la farina sape ‘mpasta,

li vinde li fierri pe lla pasta.

“Coccu friscu, cupèta, passatiempi,

scapèce, lupini, nuceddhre, semienti!!!”.

Lu “cratta-cratta”, cu ll’essenza culurata,

ìnchie li bicchieri de cremulata.

De coste a lla bancarella de nuceddhre,

ficurìne, ventaji, zacareddhre:

tante fileddhre russe, gialle, verdi, vianche,

comu li culori de le tarante!

 

La sera de San Pietru, pe’ tradizione,

a Galatina se mangia lu spumone.

Ma fra tutte, la cchiù antica usanza

ede cu sse bacia la pethra santa,

a ddhru San Pietru se ssettau, sfinitu,

cu sse riposa, fore a Santu Vitu.

Ogni famija, pe’ soddisfazione,

si mangia li primi frutti de stagione:

su lla banca, tajatu a feddhre, friscu friscu,

tene lu primu sargeniscu

e li primi culumbi de lu sciardinu,

ccoddi la matina prestu, cu ll’uncinu.

 

A menzanotte, lu meju spettaculu

se dduma a ncielu comu pe’ miraculu

e se scatena tra le luci e li rumori

‘na cascata de mille culori.

Ogni fiuru se apre a ncielu e poi scumpare

comu ‘na stella cadente inthru mmare,

finché l’urtimu focu sparatu

vene ‘nghiuttutu de lu cielu stellatu!....


Torna su