Nuovo Consiglio Direttivo, Open Day e nuovo Anno Accademico: pronti per ripartire!
MARIO GRAZIUSO Ripresa dell’attività sociale dell’UNIPOP “A. Vallone” di Galatina Confermato il Presidente e affidati gli incarichi ai consiglieri Trascorso il lungo periodo di inattività... Leggi tutto...
Sfogliando Galatina: una iniziativa per ripartire
Dopo questi mesi di inattività forzata, l'Università Popolare ha aderito con entusiasmo a una iniziativa del Patto Locale per la Lettura di Galatina, firmando la prima delle passeggiate letterarie... Leggi tutto...
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni Dopo questo lungo periodo di forzata inattività, il Consiglio Direttivo ha trovato, grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale, la sede... Leggi tutto...
Nuova sospensione delle attività
La presenza di casi di coronavirus sul territorio di Galatina e l'ordinanza di chiusura delle scuole emanata dal sindaco ci hanno consigliato un ulteriore consulto medico dal quale è emersa ... Leggi tutto...
In memoria di Piero Manni, editore
Da qualche giorno il Salento e il mondo della cultura sono più poveri: il 22... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home Sallentina Poesia salentina La ecchiezza (De senectute)
La ecchiezza (De senectute) PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Sabato 15 Dicembre 2012 07:09

Cu llu Peppinu me fici ieri

nna cumbersazione, ni dissi

ca alla chiazza, la matina

ia ttruatu nn’amica,

la Cosimina,

ca tutta presciata m’ia cercatu:

“ comu me ttrei? m’ha dittu la Dora

ca su ringiovanita”.

 

“Nu te fidare - ni repusi –

quando nn’amica se complimenta

pe l’aria toa giovanile

ole ddire ca sta pensa

ca l’eta’ t’ha rimbambita

perce’ uei te scundi l’anni

cu nnu picca te russettu

e ricchi panni."

 

“Perce’ me sta mmini peccussine

a nterra,

cce t’aggiu fattu

cu me faci tanta guerra?”

 

 

 

“Lu veru amicu nun bbe’ quiddhu

ca te scunde la verita’

ma quiddhu ca te parla cu onesta’.”

 

Nu mme pare, dissi allu Peppinu,

ca la Cosimina

ha gratitu sta precisione

anzi aggiu uta la mpressione

ca nu bulia cchiui cu continua

la cumbersazione.

 

Ma dimme cce mportanza tene l’età?

Puru li ecchu, se rifletti

Pproanu diletti.”

 

 

"Cce sta dici – me respuse lu Peppinu -

 

La cosa cchiu’ brutta

quando ddienti ecchiu

ete ca rumani giovane

intru allu piettu.

Iti nna beddha stria

e te zzumpa lu core,

te sienti l’ardore

comu a bint’anni,

ma su fausi inganni.

 

 

Cu l’anni lu corpu perde le forze

se scatinanu tutti li tolori

tocca te privi de tutti li piaceri,

nu puei mangiare quiddhu ca uei

percè nu riesci a ddeggerire

né bbiere,

né fare l’amore

né zzumpare,

timme de echhiu cce campi a fare? “

 

“Cce sta dici?

Li giovani tenenu la spertezza,

ma li ecchi la sapienzia.”

 

“Quistu ete nn’autru  rande ngannu,

cu lla ecchiezza nu se conquista la sapienzia

ma sulu nnu picca te sperenzia.

Però ddienti suspettusu, dispettusu

fastitiusu e petulante.”

 

“Nun bbè questione te l’età:

quiddhu ca te giovane sinti

te ecchiu ddienti.”

 

“Chianu chianu nu te recuerdi nienti

te le cose presenti

e picca capisci e sienti.”

 

 

“Sulu se te lassi scire

te ecchiu pueti nfessalire,

se la mente cuntinua a lavurare

 

de tuttu te pueti nteressare:

te li problemi de lu statu

 

te l’arveru c’ha chiantatu

te quiddhu c’ha semmenatu.

Se la vita ha vissutu cu onore

ccogghi alla ecchiezza

li frutti te l’amore.”

 

“Nu me convinci

la ecchiezza ni lassa

cchiu rughe intru ca fore:

ci vive a lengu

ite mute cose

ca nu mbole.”

 

“Pe mmie è tutta sperenzia,

crisce la canuscenzia

e bbè cchiù forte te la gioentù

se cu tegna fede alli doveri nu bbae paura

e se te la morte nu se nde cura.”

 

“Eccu, sta dici buenu,

li ecchi nu se nde curanu te la morte,

percè  su  rassegnati

sannu ca alla fine te la vita

su rriati.”

 

 

“Cce ncete  te tantu grave,

cchiù te nvicini alla morte

e cchiù te pare

ca a finitu de naicare

intru allu mare tempestusu

te la vita

pe trasire finalmente a nnu portu

a ddu nisciunu rita,

addù nu pueti cchiui pigghiare

te uai nnu saccu te migghiare.

Lu bruttu ete quandu alla gioentù

Se strappa la vita cu viulenza.

 

 

Li frutti acerbi se tiranu te l’arveri

cu fatia,

quiddhi maturi catenu te suli

senza malatia.

 

 

Ete la legge te la vita,

ete comu lu fuecu:

se è forte

se stuta sulu cu nna forza avversa,

quando li cippi se  cunsumanu

trase te sulu in angunia.

 

Secutau a lengu la cumbersazione,

ognetunu, secundu la propia cuscenzia,

decia comu la penza

ma alla fine te la cummestazione

nu sacciu dicu ci ia raggione.

 

 

 


Torna su