Programma di Novembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Martedì 5 Novembre, ore 17,45 sala Contaldo : cineforum Belle. La ragazza del dipinto, a cura di Roberta Lisi   Giovedì 7 novembre, ore 17, Lecce,... Leggi tutto...
Si ricomincia...
Dopo la pausa estiva, interrotta dall'Open Day che come sempre ci ha permesso di incontrarci e presentare le nostre attività ad amici e soci vecchi e nuovi, il nostro anno accademico 2019-20 ha... Leggi tutto...
Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Memorie di Galatina (11) PDF Stampa E-mail
Sallentina
Scritto da Giuseppe Virgilio   
Domenica 16 Dicembre 2012 21:05

[Mezzosecolo di storia meridionalistica e d'Italia, Mario Congedo Editore, Galatina 1998, pp. 69-72]

 

Agilulfo Caramia e Carlo Mauro tra storia e problema istituzionale. Il 29 marzo 1946

 

Si possono scrivere le cronache del proprio Comune o come documento vivo di orgoglio municipale o con la volontà di narrare esclusivamente cose di cui si è stati testimoni diretti. In certi casi si è indotti  anche a riportare le parole altrui, ma solo dopo averle vagliate con cura, il che ci sembra un modo onesto di porsi davanti alla storia. In ogni caso, se ricordare il passato è fare utile cosa ai posteri, quel che più importa è esporre gli eventi storici ed interpretarli nella loro concretezza reale.

Il 10 marzo 1946, e poi lungo le quattro domeniche successive, hanno inizio le consultazioni popolari per il rinnovamento delle amministrazioni comunali; è la prima consultazione popolare della nostra storia,  realizzatasi in un clima di libertà e di democrazia, se si tiene conto che nel frattempo è stato esteso per la prima volta il diritto di voto alle donne. E' incominciata così una nuova storia per il popolo italiano ed ha ripreso la sua marcia in Italia la grande rivoluzione democratica nazionale. A Galatina la consultazione è fissata il 31 marzo.

Chi ricorda per ragione di età la chiusura di quella campagna elettorale che avvia anche a Galatina l'epoca postfascista la sera del 29 di quel mese, può veramente dire di essere stato testimone, per uno spettacolo esaltante ed irripetibile di alta passione civile, dell'inizio di una nuova storia destinata a proiettarsi dal Comune alla Nazione.

Tre liste in particolare accentrano l'interesse dell'elettorato galatinese: quella dell'Orologio, ispirata da interessi trasformistico-borghesi, quella popolare socialcomunista, di netta ispirazione antifascista, e quella della Democrazia cristiana. Tuttavia l'eco di antiche battaglie, la memoria di vetuste tradizioni e gli uomini che le incarnano e rinnovano gli interessi in gioco, restringono in realtà la lotta alle prime due formazioni. Non è solo un dibattito municipale. In esso invero si intrecciano e si intersecano anche le premesse politiche e giuridiche indispensabili di un nuovo periodo istituzionale e costituzionale del popolo italiano, certamente il più rappresentativo di valori democratici a partire dalla proclamazione del Regno d'Italia.

Proprio in quei giorni del marzo 1946, infatti, è stata approvata la legge sulla Costituente che istituisce lo svolgimento del Referendum costituzionale sul tema "Monarchia o Repubblica" ed insieme l'inizio dei lavori dell'Assemblea Costituente per una Costituzione liberamente espressa per la prima volta dalla volontà popolare.

 

1. Agilulfo Caramia e lo Statuto Albertino

 

Sono argomenti di alto contenuto giuridico, costituzionalistico e storico-culturale, ma gli uomini chiamati a dibatterli sono all'altezza della situazione e, tra di essi, due in particolare sono attesi la sera di Venerdì 29 marzo dalla folla galatinese con molta ansia ed incontenibile frenesia: l'avvocato Agilulfo Caramia, dotto penalista di Taranto, per la lista dell'Orologio, e il galatinese avvocato Carlo Mauro, anch'egli penalista colto ed agguerrito, per la lista popolare di sinistra.

L'avvocato Caramia conclude il suo applauditissimo discorso in piazza San Pietro nereggiante di folla alle ore 20. Fa seguito subito dopo uno spettacolo inconsueto nella cronaca cittadina: la moltitudine come in festa, uomini, donne, giovani, vecchi, anziani, si snoda come un serpente e dalla piazza scivola via per corso Garibaldi verso piazza Santo Stefano, oggi piazza Libertà, il luogo d'incontro dei populares, nella storia cittadina, per ascoltare l'avvocato Carlo Mauro.

Nella mente e nel cuore di ogni cittadino vibra ancora la parola lucida per razionalità e di timbro scattante dell'avvocato Caramìa il quale ha anche il dono di trovare talora nelle pieghe oratorie forme mimetiche di teatralità che, rigirandosi su sé medesime, rintronano l'anima e stordiscono l'ascoltatore. Agilulfo Caramìa in gioventù ha studiato presso il Liceo "P. Colonna", ospite di alcune famiglie facoltose di Galatina. E' un massone e, secondo i testi delle diverse Costituzioni massoniche pubblicate a partire dal secolo XVIII, l'affiliato alla massoneria in fatto di religione è obbligato dalla sua professione ad obbedire alla legge morale; egli, per il magistrato civile, deve essere il suddito pacifico, sottomesso ai poteri civili del luogo dove risiede e lavora, e non deve immischiarsi in complotti contro lo Stato. Coerentemente con questi princìpi, che appaiono come un regolamento atto a proteggere il potere regio e ad impedire la facoltà di cospirare contro di esso, tutto il discorso di Caramìa, la sera del 29 maggio 1946 a Galatina, è stato una difesa della monarchia attraverso la difesa dello Statuto albertino. Di questo Statuto l'avvocato Caramìa ha esaltato l'elasticità, che ha permesso, secondo l'oratore, in un primo tempo il consolidarsi in Italia di una forma di governo costituzionale - parlamentare, nonostante che nel testo dello Statuto medesimo essa forma non sia stata affatto contemplata, e tanto meno sia stata nelle intenzioni del legislatore. A partire dai primi anni del nuovo secolo, lo Statuto avrebbe consentito un progressivo allargamento delle basi della vita pubblica italiana in una direzione più democratica, e cioè il suffragio elettorale, dapprima ristrettissimo come nel 1882, poi assai vicino al suffragio universale con la riforma del 1912 ed un ulteriore allargamento nel 1918, restandone tuttavia sempre escluse le donne. Il sistema della proporzionale del 1919, infine, ha contribuito a sua volta a rinvigorire la lotta politica, che troppo spesso si è venuta esaurendo per l'innanzi, in molte parti d'Italia, in meschine competizioni di persone e di cricche locali.

La folla che ha ascoltato Caramia comprende in sé una buona parte di tutto quanto le vecchie classi dominanti hanno potuto mobilitare di arretrato, di non educato al dibattito delle idee e di conservatore in una grande disgregazione sociale e politica, tutto il peso, insomma, di una tradizione secolare di soggezione, di miseria e di ignoranza che giunge fino al limite della sottomissione del lavoratore al padrone; che può apparire quasi spontanea, in certe condizioni di disorganizzazione sindacale e politica, proprie di vaste zone meridionali, Galatina non esclusa. Non solo il padrone chiama il contadino, l'operaio, il servo, e gli dice come si vota e per chi si deve votare; di più, il servo stesso va dal padrone, e chiede per chi deve votare, perché già suo padre ha votato per chi ha detto il padrone.

 

2. Gli argomenti dialettici dell'avvocato Carlo Mauro

 

Così le classi abbienti e conservatrici, paurose di ogni trasformazione progressiva ed ossessionate dallo spettro di una rivoluzione che crei maggiore giustizia nel rapporto tra ricchi e poveri, tra sfruttatori e sfruttati, si sono presentate portando nella lotta come elementi essenziali dell'organizzazione non soltanto i quadri delle Forze Armate e dell'apparato dello Stato, ma anche i quadri della Chiesa cattolica, i vescovi, i sacerdoti, dappertutto schierati a difesa dell'istituto monarchico e decisi a fare uso ed abuso, per questa difesa, dei mezzi spirituali a loro disposizione. E l'eco di questa ossessione rimbalza nella musa dialettale, se il vecchio maestro elementare Cesare Monastero, immaginando un dialogo in piazza tra due popolani, viene poetando così:

Cumpare, se de nu latru passi

a nu latrone

ci è mmeiu tte cumanda?

E senza mancu ppensu a lla  raggione,

"lu latru, dissi, corpu de na bbanda!"

dove il ladro figurerebbe il re, ed il ladrone il misterioso e di là da venire grande ufficiale della Repubblica. Chi ben rifletta, sente vibrare nei versi dialettali l'anima popolare che, Monarchia o Repubblica, vive come il suo stesso respiro, come il ritmo normale della sua stessa vita, la sua condizione di subalternità. Perciò tra le centinaia di lavoratori presenti nella piazza San Pietro a Galatina la sera del 29 marzo 1946 durante il comizio di Caramìa, uomini e donne, noi ricordiamo di averne osservati molti, alcuni attenti e diffidenti, altri chiusi e riservati, parchi negli applausi ma fermi, con una volontà ostinata di comprendere e di essere convinti. Il compito di stabilire quel contatto umano, indispensabile oltre tutto ad operare una reciproca comprensione, è toccato quella sera all'avvocato Carlo Mauro, allora Consultore nazionale ed Alto Commissario per l'epurazione fascista in Puglia.

E' l'ultimo discorso dell'uomo, quello che chiude la sua milizia e la sua vita spesa tutta in difesa dei lavoratori. Egli infatti muore nel giugno di quello stesso anno.

L'esordio di Mauro ripete il più classico degli accorgimenti retorici, quello che riprende l'ultimo argomento dell'interlocutore per dimostrarne l'inconsistenza e vanificarlo. La peroratio di Caramìa centralizza l'elasticità dello Statuto albertino come forma e strumento di evoluzione democratica, ma, argomenta Mauro, se l'elasticità dello Statuto ha consentito il consolidarsi di una forma di governo costituzionale-parlamentare nel Regno d'Italia, ha permesso anche, per converso, l'instaurazione della dittatura fascista, la quale ha potuto sovvertire a poco a poco i tradizionali princìpi democratici e sostituire al sistema parlamentare la tirannide dell'esecutivo e giungere fino all'introduzione dell'ordinamento razziale, alla soppressione di ogni forma elettiva per la Camera e per gli enti locali, senza dover mai abrogare il vecchio Statuto.

Siamo appena all'esordio. Subito dopo Mauro si addentra in una rivisitazione storica della genesi e delle origini dello Statuto albertino. Esse, egli dice, sono segnate dal conflitto tra iniziativa regia ed iniziativa popolare, se è vero che lo spirito con cui Carlo Alberto ed i suoi consiglieri, o parte di essi, si sono decisi ad emanarlo, è stato uno spirito di ansia e di angoscia di fronte al crescere e al dilagare della spinta rivoluzionaria in ogni parte d'Italia.

 

3. La fuga del re

 

E' mancata quindi allo Statuto una consacrazione popolare, trattandosi di una carta che i costituzionalisti chiamano octroyée, cioè concessa graziosamente dal sovrano di sua iniziativa e senza alcuna ratifica popolare, a differenza di quelle che si presentano invece come il risultato di un accordo, quasi di un contratto, tra principe  e popolo. E' vero che ci sono stati i plebisciti, ma il movimento plebiscitario per la formazione del Regno d'Italia ha presentato come elemento centrale  e dominante l'annessione, non già l'opzione in condizioni di libertà idonea a determinare una forma di governo a preferenza di un'altra, senza dire che la proclamazione stessa del Regno d'Italia è avvenuta a Torino nel 1961 per opera di un Parlamento eletto a suffragio molto ristretto, e Vittorio Emanuele è rimasto secondo e non è stato chiamato primo, come pure hanno voluto larghe correnti della pubblica opinione, circostanza questa assai importante perché ha segnato la volontà di dare continuità al principio legittimista.

Il lettore si avvede trattarsi di argomenti di alto livello intellettuale a cui sarebbe ingiusto credere che non abbia corrisposto il livello medio di razionale partecipazione dell'uditorio.

D'altra parte Carlo Mauro, rotto a tutte le scaltrezze ed audacie tribunizie, riserva per ultimo la trattazione dell'argomento idoneo a suscitare in una platea di cultura media , nonché consenso, immediata e diretta adesione. Alludiamo all'argomento della fuga del re da Roma a Brindisi con tutta la famiglia reale, la corte e Badoglio nell'estate del 1943.

Mentre Caramìa ha piegato la sua parola a tutte le esperienze dell'arte oratoria idonee a vivificare la psicologia della folla, per esempio ricorrendo ad un'opulenza di suoni e di colori verbali, Carlo Mauro, invece, fa ricorso all'umorismo che scaturisce sempre da fede profonda. Dove invero manca questo centro etico, l'umorismo rischia di diventare civetteria o bizzarria, ma dove esso è assorbito con sensibilità e scaltra sollecitudine da una humus letteraria, non perde mai il suo equilibrio e diventa un fatto sempre più umano. Nella parola di Mauro la folla sente inverarsi e trascendere il potenziale riscatto della propria subalternità.

Così quella sera è accaduto che nell'anima popolare galatinese il re in fuga è passato attraverso la reminiscenza manzoniana delle brache di Ambrogio il sagrestano, dove quelle brache di per sé non sono state ridicole nella loro intimità, ma lo sono diventate perché hanno richiamato a sé l'attenzione degli ascoltatori, assai più della persona stessa che le indossa. Se poi, come fa Mauro, quell'arnese - le brache - si accoppia ad altra reminiscenza letteraria, quella tassoniana del Conte di Culagna che, significando il re

"aveva quasi perduto la parola,

e per tanti rimedi era già lasso;

quand'ecco un'improvvisa cacarola

che con tanto furor proruppe a basso,

che l'ambra scoppiò fuor per li calzoni

e scorse per le gambe in su i talloni"

l'umorismo diventa comicità grassa e scurrile, ma con un suo particolare rigore, perché le brache nelle parole di Mauro sono molto più grandi del re a tal punto che il contrasto necessariamente si risolve in una gioiosa ma anche feroce risata di tutta la straripante folla in ascolto. E quel riso, che ancora oggi simboleggia per noi la natura sana, schietta e spontanea della parte migliore del nostro popolo, quella che prontamente reagisce all'inganno - in questo caso all'inganno del re contro i suoi sudditi -, quella che nella parola di Mauro ha sentito vibrare le ragioni ed i moniti di una cultura mai destituita di un sentimento morale della vita, ed anzi sempre pronta a denunziare chi si fa complice della iniquità e strumento di oppressione e di incoraggiamento al servilismo, quel riso chiude quella memorabile tornata elettorale che ha segnato certamente il momento più alto della storia civile di Galatina nel corso di questo secolo.

 


Torna su