Programma di Dicembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Lunedì 2 dicembre, sala Contaldo, ore 18,00: prof. Vincenzo Mello, Myflor e Flormart 2019: Orto-Floro-Vivaismo internazionale. Venerdì 6 dicembre, sala... Leggi tutto...
Programma di Novembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Martedì 5 Novembre, ore 17,45 sala Contaldo : cineforum Belle. La ragazza del dipinto, a cura di Roberta Lisi   Giovedì 7 novembre, ore 17, Lecce,... Leggi tutto...
Si ricomincia...
Dopo la pausa estiva, interrotta dall'Open Day che come sempre ci ha permesso di incontrarci e presentare le nostre attività ad amici e soci vecchi e nuovi, il nostro anno accademico 2019-20 ha... Leggi tutto...
Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Per una nuova etica pubblica dell'Università del Salento PDF Stampa E-mail
Sallentina
Scritto da Michele Carducci   
Mercoledì 12 Giugno 2013 21:12

In dialogo con Ferdinando Boero

 

["Nuovo Quotidiano di Puglia" di mercoledì 12 giugno 2013]

 

Ho letto con interesse l’articolo del collega Boero su Quotidiano di domenica scorsa. Ho letto anche il suo precedente, in tema di possibili condizionamenti di certe forme associative all’interno dell’Università. Il prof. Boero si interroga e interroga pubblicamente i candidati rettori su entrambi gli argomenti e dunque è giusto rispondergli da queste colonne.

Parto dalle questioni che riguardano i nuovi insediamenti edilizi. Di cosa si tratta? Non lo si è capito molto bene, e questo è un primo punto critico. Le occasioni per discutere in forma partecipata un piano da 120 milioni di euro non ci sono state. Una soltanto è stata quella aperta a tutta la comunità accademica: una Conferenza di Ateneo, celebrata di sabato, quando i fuori sede non ci sono, trasmessa in streaming per informare piuttosto che per favorire promozione di idee, contributi, verifiche alternative.

Di quello che ho compreso, si possono intravedere innanzitutto gli aspetti positivi: il gettito per l’edilizia servirà a creare nuove sedi per le facoltà umanistiche. Il bisogno di spazi funzionali è spasmodico in questi settori. Basti pensare alle condizioni del palazzo Parlangeli, giudicate da “colonia penale” anche dall’attuale rettorato. Oppure, altra urgenza prevista nel piano: la costruzione delle residenze per studenti nel complesso di Ecotekne. Su altri aspetti, il parere non può essere così automaticamente semplice: sul caso citato da Boero (la “torre” di 44 metri nella valle della Cupa), la richiesta di una valutazione di impatto estetico-ambientale, di sostenibilità e di utilità sociale sarebbe auspicabile. In generale, penso che se un conteggio scrupoloso di quanto ipotizzato nel mega-piano edilizio dovesse indicarci la necessità di forti investimenti per la manutenzione e per il funzionamento dei nuovi siti, allora sarebbe il caso di riconvocare la comunità universitaria a discutere nel merito, progetto per progetto ed edificio per edificio, perché è possibile che una oculata ristrutturazione dell’esistente sia preferibile alla nuova edificazione. Non si tratta di allungare i tempi, ma di non sprecare risorse e opportunità. Del resto, invece di invocare finanziamenti per manutenzioni complesse e indebitamenti, sarebbe preferibile chiedere alle istituzioni di collaborare con noi su fronti altamente sensibili, che vogliono dire vita o morte per l’università, in particolare per nuovi accessi di giovani docenti e ricercatori.

[Continua a leggere l'allegato]

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Carducci a Quotidiano di  Lecce.pdf)Carducci a Quotidiano di Lecce.pdf 25 Kb

Torna su