Programma di Dicembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Lunedì 2 dicembre, sala Contaldo, ore 18,00: prof. Vincenzo Mello, Myflor e Flormart 2019: Orto-Floro-Vivaismo internazionale. Venerdì 6 dicembre, sala... Leggi tutto...
Programma di Novembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Martedì 5 Novembre, ore 17,45 sala Contaldo : cineforum Belle. La ragazza del dipinto, a cura di Roberta Lisi   Giovedì 7 novembre, ore 17, Lecce,... Leggi tutto...
Si ricomincia...
Dopo la pausa estiva, interrotta dall'Open Day che come sempre ci ha permesso di incontrarci e presentare le nostre attività ad amici e soci vecchi e nuovi, il nostro anno accademico 2019-20 ha... Leggi tutto...
Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Prodi Salentini PDF Stampa E-mail
Sallentina
Scritto da Luca Carbone   
Martedì 09 Luglio 2013 11:09

[Le immagini nel Pdf allegato sono di Angela Serafino]

 

Possiamo, e dovremmo, essere doppiamente grati al Presidente Prodi, per averci ricordato che il Salento è uno dei più interessanti spicchi del pianeta, grazie alla stratificazione di millenni di civiltà, a portata non di click, ma di pedale di bicicletta – e per averci autorevolmente ricordato che la “risorsa” turismo richiede competenza, cultura, ed innovazione: lu sule lu mare lu ientu – e le chiacchiere – non bastano (Pdf pag 1). Troppo spesso, infatti, gli sferzanti innovatori diventano d’improvviso cantori dell’antico “fai-da-te” – familistico e famigerato – non appena odono il solo sussurro della voce che nomina i “costi della qualificazione dei servizi e dell’offerta culturale”; nonché nostalgici dei salari del bracciantato latifondista quando si tratta di retribuire le professionalità “che fanno la differenza”. Come mostra, invece, la pagina odierna (9/luglio/2013) de il Messaggero (Pdf pag 2), quando la qualità viene coltivata sul medio termine, e non mirando solo a fare cassa a breve, e ciò accade più spesso di quanto non s’immagini, o non si voglia vedere, da parte di singoli imprenditori e ricercatori, ci porta a riconoscimenti almeno nazionali, senza eccessivi sforzi.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Prodi Salentini.pdf)Prodi Salentini.pdf 4045 Kb

Torna su