Nuovo Consiglio Direttivo, Open Day e nuovo Anno Accademico: pronti per ripartire!
MARIO GRAZIUSO Ripresa dell’attività sociale dell’UNIPOP “A. Vallone” di Galatina Confermato il Presidente e affidati gli incarichi ai consiglieri Trascorso il lungo periodo di inattività... Leggi tutto...
Sfogliando Galatina: una iniziativa per ripartire
Dopo questi mesi di inattività forzata, l'Università Popolare ha aderito con entusiasmo a una iniziativa del Patto Locale per la Lettura di Galatina, firmando la prima delle passeggiate letterarie... Leggi tutto...
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni Dopo questo lungo periodo di forzata inattività, il Consiglio Direttivo ha trovato, grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale, la sede... Leggi tutto...
Nuova sospensione delle attività
La presenza di casi di coronavirus sul territorio di Galatina e l'ordinanza di chiusura delle scuole emanata dal sindaco ci hanno consigliato un ulteriore consulto medico dal quale è emersa ... Leggi tutto...
Ripresa attività e nuova data per assemblea ed elezioni
Dopo un consulto medico, il Consiglio Direttivo ha deciso di riprendere le attività lunedì 2 marzo alle ore 18, con la conferenza del prof. Mario Graziuso “L’ultima rappresentazione sacra del... Leggi tutto...
In memoria di Piero Manni, editore
Da qualche giorno il Salento e il mondo della cultura sono più poveri: il 22... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home Saggi e Prose Storia e Cultura Moderna I ‘capitani coraggiosi’ e le loro ‘imprese produttive’
I ‘capitani coraggiosi’ e le loro ‘imprese produttive’ PDF Stampa E-mail
Storia e Cultura Moderna
Scritto da Antonio Monte1   
Giovedì 10 Ottobre 2013 09:01

[In Catalogo della Mostra "Qui... dove la terra finisce e il mare comincia". La memoria e l'immagine dell'impresa", Brindisi, Palazzo Nervegna 10 aprile-14 maggio 2011, CRACE, Narni (TR) 2011, pp.16-38].

 

L’immagine economica della Puglia è legata ad un’agricoltura ricca che, fin dall’età moderna, si proietta sui mercati nazionali ed internazionali. Si è parlato spesso di una “Puglia laboriosa”, figlia di un “popolo di formiche” che ha costruito l’identità pugliese. La sua popolazione era «prevalentemente agricola, marinara e artigiana» con «braccia operose e menti imprenditrici », che già a partire dall’ultimo quarto del XIX secolo si caratterizza per una spiccata vivacità industriale.

Ma accanto ad una Puglia agricola e contadina ne emerge un’altra, quella di “capitani coraggiosi”: ingegnosi imprenditori che sono stati i protagonisti di importanti trasformazioni nell’economia pugliese, padri della modernizzazione, di nuove sperimentazioni tecnologiche e di grandi investimenti industriali. Così alcune città pugliesi, in particolar modo nel periodo successivo all’Unità d’Italia e nel corso dei primi decenni del Novecento, da piccoli centri in cui ferveva la vita rurale e contadina divennero veri e propri centri urbani in cui l’artigianato assumeva la fisionomia di piccola industria. Si delineava una Puglia dinamica e moderna che si proponeva agli occhi dello Stato nazionale appena costituito come volano dello sviluppo del Mezzogiorno d’Italia e come salda cerniera fra Oriente ed Occidente.

La prima industrializzazione in Puglia, in particolare nella città di Bari, risale alla prima metà del secolo XIX ed è legata, nella sua fase iniziale, all’iniziativa di imprenditori stranieri e, in seguito, italiani, prevalentemente attivi nel campo dell’industria di trasformazione alimentare. Furono i primi a portare significative esperienze già maturate in altre grandi città e con i loro insediamenti produttivi portarono ingenti capitali che investirono in Terra di Bari e successivamente anche in Terra d’Otranto. Essi furono spinti a tali investimenti dalla realizzazione della linea ferroviaria Adriatica Bologna-Otranto (1864-1872) e, successivamente, dalla Bari-Taranto (1868) che garantivano sia l’approvvigionamento delle materie prime che la vendita, verso i mercati italiani e stranieri, dei prodotti finiti.

 

[Continua a leggere l’allegato]

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (I Capitani coraggiosi e le loro imprese produttive-A.Monte.pdf)I Capitani coraggiosi e le loro imprese produttive-A.Monte.pdf 452 Kb

Torna su