Programma di Novembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Martedì 5 Novembre, ore 17,45 sala Contaldo : cineforum Belle. La ragazza del dipinto, a cura di Roberta Lisi   Giovedì 7 novembre, ore 17, Lecce,... Leggi tutto...
Si ricomincia...
Dopo la pausa estiva, interrotta dall'Open Day che come sempre ci ha permesso di incontrarci e presentare le nostre attività ad amici e soci vecchi e nuovi, il nostro anno accademico 2019-20 ha... Leggi tutto...
Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Un viaggio alla ricerca di se stessi in una società distratta, tra narrativa e poesia PDF Stampa E-mail
Recensioni
Scritto da Pompea Vergaro   
Giovedì 31 Ottobre 2013 07:23

NERONOTTE” ROMANZA DI AMORE E MORTE DI PAOLO VINCENTI

 

 

[in www.Corrieresalentino.it 4 ottobre 2013]


“la notte faceva il suo corso, ma in qualche modo lui sapeva che quella era una notte diversa, sentiva che doveva compiere delle scelte, o quella notte le avrebbe compiute per lui”…

 


La scrittura è una vertigine, una sorta di maladie per Paolo Vincenti, una necessità imprescindibile per la sua stessa esistenza, così, dallo scorso mese di maggio, è in libreria il suo ultimo lavoro editoriale “NeroNotte” Romanza di amore e morte, per le edizioni Libellula.

Il giovane scrittore e giornalista  salentino, penna scorrevole e immediata,vanta già  una ricca produzione letteraria, tra pubblicazioni e collaborazioni con riviste del settore.

Uno dei segreti del successo di questo libro, come lo dimostrano i commenti critici di competenti penne, è la scrittura che come  un fiume in piena, in costanti cambi di ritmi e tempi, si propone tra avvicendamenti di narrativa, poesia e prosa, tenendo allacciato il lettore fino all’ultima pagina. Il linguaggio dotto, arricchito da citazioni artistiche e musicali, letterarie e latinismi contribuiscono a incuriosire e, nel medesimo tempo, ad ampliare il bagaglio culturale di chi si appresta alla lettura.

L’autore, nelle pagine di guardia, offre una dedica insolita, che rivolge ai suoi futuri lettori: Ai lupi della steppa e ai quali, ovviamente, ne consiglia la lettura dell’omonimo libro di Hermann Hesse, per chi ancora non l’abbia fatto.


Il canovaccio del libro è costruito su una  intera notte vissuta dal protagonista Ermanno il quale si interroga sul senso della propria vita non priva di ambiguità e dalle figure che, in un certo senso, lo hanno segnato: dalla famiglia, genitori e  moglie, all’amante e agli amici, toccando nel vivo la sfera affettiva, esistenziale e sociale.

Ermanno, in una apparente ricerca spasmodica e confusa di una presa di coscienza, non trova la forza di reagire,  è posseduto, in realtà, da una rassegnazione di fondo, dove né l’amore per una donna,  né per il figli, né le sue passioni per la scrittura  e l’arte, forse  le uniche opportunità di salvezza, e non sono poche, riescono a preservarlo, anzi lo intrappolano. Egli vede, così, scorrere, come in fotogrammi, davanti ai suoi occhi, la propria esistenza colma di fallimenti, di errori e fragilità, dalla separazione della moglie e dai figli alla perdita del lavoro.

Vincenti  tesse intorno al protagonista, che fa strada al lettore, lungo la sua notte, una rete di perdenti in una società distratta: Gerry, che conduce vita da barbone, Marco che ha tradito la sua amicizia, Elena, l’amante che lo ha abbandonato.

Ognuno rimane chiuso nel proprio guscio, dove non vi è posto per i sentimenti, perché, tutto sommato, vi è una difficoltà di fondo che è quella di non saper amare.

Quella di Ermanno non è una storia eroica, ma vissuta sul dejà vu e sulla quotidianità che può essere quella di ognuno di noi; una storia contemporanea, ma antica, che, inesorabilmente, in questa, nera notte, si ripete all’infinito: eros, amore e amicizia, morte e tradimento, illusione, disprezzo e umiliazione, dove, in sostanza, tutte le passioni, anche le più  bieche, trovano una inevitabile ineluttabilità spaziale e temporale.

In realtà Il TEMPO, passione e ossessione per lo scrittore, come nei suoi altri scritti, in “NeroNotte”, è categoria sovrana e protagonista indiscusso.

Ah questo tempo!  vede scorrere lungo i secoli  gli uomini che ancora non possiedono la capacità di comprenderlo e farselo amico!

Il titolo NeroNotte su copertina a sfondo nero è un aforisma, un gioco simbolico ed estetico,  dove stretto è il legame  tra forma e contenuto, tra significato e  significante.

Il termine romanza, che l’autore adotta da sottotitolo, induce il lettore a pensare al genere musicale e non narrativo. È quanto accade  in “NeroNotte”.

In realtà le pagine sono percorse da un ritmo, in  continui cambi di tempi, tra pause e note, le quali  scorrono come una vera e propria partitura che, come in una composizione musicale, necessita  dell’utilizzo di diversi strumenti.

L’autore, abilmente, ha assegnato alla scrittura le peculiarità della romanza: la narrativa ora cede il passo alla poesia ora alla prosa, per poi riprenderselo, e cederlo ancora in  una alternanza giocosa e invitante, ritmata e scandita da regole ben definite dove  il lettore viene condotto e indotto, piacevolmente, a sprofondare nella lettura, senza, però, la necessità di seguirla fedelmente, perché la narrativa viaggia separata e indipendente dalla poesia.

In alcune pagine  le parole si propongono in  un modo vorticoso e incalzante che, come un fiume in piena, rotolano e srotolano per cui il lettore deve porre attenzione per non restarne travolto, perdere l’orientamento ed essere trascinato, piacevolmente, come da un vento teso.

“NeroNotte”. Racconto crudele, che offre numerosi spunti di riflessione sulla condizione umana, dove la possibilità di salvezza viene inesorabilmente schiacciata dalla difficoltà di comunicare e dalle passioni vissute in forma alterata, priva di quella  forza grazie alla quale il protagonista potrebbe prendere la vita nelle proprie mani.

Ma, ancora e soprattutto, dalla non flessibilità verso la vita e mancata consapevolezza che, tutto sommato, il più delle volte il proprio destino è tracciato  dalle  nostre mani e che solo a ciascuno di noi è dato il potere di “assoluzione”, così Ermanno: “cercava inconsciamente un’assoluzione  da quella notte, e una sacerdotessa di Priapo, una cortigiana, un’etera, disposta a concedergliela generosamente”. -pag. 10-.

Il racconto si chiude con  un colpo di scena ma, come in un giallo, lungo le pagine,  l’autore lascia degli indizi anche se non si sa, se consapevolmente!

“NeroNotte”. Centocinquantasei pagine avvincenti che si consiglia di portare con sé, perché, dopo aver letto e conosciuto la storia, ogni qualvolta si sfoglieranno, troveremo ad attenderci la poesia per ri-proporsi in nuove emozioni e inaspettati svelamenti.

 

 

 

 


Torna su