Nuovo Consiglio Direttivo, Open Day e nuovo Anno Accademico: pronti per ripartire!
MARIO GRAZIUSO Ripresa dell’attività sociale dell’UNIPOP “A. Vallone” di Galatina Confermato il Presidente e affidati gli incarichi ai consiglieri Trascorso il lungo periodo di inattività... Leggi tutto...
Sfogliando Galatina: una iniziativa per ripartire
Dopo questi mesi di inattività forzata, l'Università Popolare ha aderito con entusiasmo a una iniziativa del Patto Locale per la Lettura di Galatina, firmando la prima delle passeggiate letterarie... Leggi tutto...
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni Dopo questo lungo periodo di forzata inattività, il Consiglio Direttivo ha trovato, grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale, la sede... Leggi tutto...
Nuova sospensione delle attività
La presenza di casi di coronavirus sul territorio di Galatina e l'ordinanza di chiusura delle scuole emanata dal sindaco ci hanno consigliato un ulteriore consulto medico dal quale è emersa ... Leggi tutto...
In memoria di Piero Manni, editore
Da qualche giorno il Salento e il mondo della cultura sono più poveri: il 22... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home Sallentina Poesia salentina "Cari frati e care soru, bongiornu..."
"Cari frati e care soru, bongiornu..." PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Mercoledì 20 Novembre 2013 06:51

Cussì Papa Frangiscu

a lli fedeli s’ha presentatu

lu giurnu ca su llu tronu

te San Pietru s’ha ssettatu.


La ggente ca nu se spettà

n’approcciu cussì a lla bbona

ha penzatu scuncertata:

“Nàh, pare unu te nui,

uei bbiti ca l’imu nduenata

e ca lu papa neu

ndrizza le cose torte

e chiude le porte

a llu malaffare

e sape ccenca ha fare

cu lli potenti

cu iuta li nullatenenti?”




Ppena l’hanu elettu

ha lassatu ogne prelatu

interdettu:

cu le scarpe scarcagnate

ha camenatu pe tutte le strate

e cu rande costernazione

ha cangiatu puru abitazione,

passa securu a mmienzu la ggente

mbrazza e ncarizza lu sofferente.


Se scagghia contru li potenti

ca nu sse curanu mancu pe nienti

te le desgrazie te le ggenti,

cunta contru lu sprecu te li

alimenti,

e contru li randi te la terra

ca pe li propri interessi locali

portanu guerra e destruzione

a qualunque nazione,


Ha dittu ca suntu li sordi

lu diu loru,

e ca pe interesse

ccìtenu l’amore

e scatinanu l’odiu

intru a ogne core.

Rretu a nna guerra ncete

lu peccatu te l’idolatria,

ncete lu sfruttamentu

te la debbulezza te li populi,

te la malatìa.


Ha dittu ca

ete disonestu e fausu lu corrottu

te iddhu stessu adoratore

cu palore ngannatore

face critere a lla ggente

tuttu quiddhu ca iddhu ole,

ma cchù tristu è lu corruttore.


Lu corrottu e lu corruttore

stannu sempre a mmienzu a nnui

ma nu suntu comu a nnui.

Simu tutti peccatori

ma nu simu corruttori.


Parla poi Papa Frangiscu

te la rande indifferenza

ca è presente fra de nui

a riquardu te la Fede,

puru quiddhu

ca dice ca crede.


Scire a lla Chiesia

la dumineca,

dire crisciu, crisciu in Diu

nu te rende nu veru credente

lu cristianu veru

ete quiddhu

ca apre la porta te lu core

puru a llu miscredente.


“Sepurchi mbiancati”

chiama ci se finge benefattore,

beddhu te facce ma bruttu te core,

rrecalare a lla chiesia

e a llu statu rrubbare

ole ddica ddo fiate ngannare.


Li cristiani su petre vive,

suntu cristiani sempre,

no a intermittenze,

ogne giurnu intru a ll’atti quotidiani

imu musciare ca simu cristiani.


“Cari frati e care soru,

quante cose se potenu dire

senza parlare.

Cu l’ecchi

se pote dire te ogghiu bene

o te odiu,

se pote puru rimproverare

musciare invidia, superbia o sçelusìa,

misericordia o simpatia.

Statibu ttenti quandu uardati

percè cu l’ecchi comunicati.”


Dice ca la Chiesia l’ha creata

Nostru Signore

cu stipa nu rande tesoru:

la Sacra Scrittura e li Sacramenti

cu li fazza canuscere a tutte le ggenti.

Ete comu nnu fiume ca scurre

intru a llu mare te la storia

ca te Gesù Cristu rria fenca a nnui,

Cristu ete la Surgente

cu bbìa tanta ggente.


Lu caminu te la chiesia

è statu lengu e travagliatu

ma tra cadute e debbulezze

tra problemi e difficoltà

n’ha fattu canuscere la Verità.


“Cari frati e care soru,

precamu pe ci soffre

pe lla malatia,

iutamu ci ni manca la fatia

damu nna manu

a cci ae besegnu

confortamu ci ha rumastu sulu

senza sostegnu.

Pigghiatibbu la metecina

ca se chiama Misericordina,

è nna metecina spirituale

intru a 59 granieddhi intracordiali,

ete nnu iutu spirituale cu rinforza

intru a ogne core

l’amore pe l’umanità

e lu sentimentu te fraternità.

Intru a ogne confezione

ttruati la prescrizione

te quanti pinnuli bbu iti pigghiare

cu bbu putiti fortificare.

Cristu ete la garanzia

te comu se pote combattere

te l’indifferenza la malatìa.

Bonasera!”


Torna su