Immagine
I nostri prossimi appuntamenti
  UNIVERSITA’ POPOLARE “Aldo Vallone” Galatina Programma Dicembre 2020 Videoconferenze con accesso libero Venerdì 11 dicembre, ore 18:00 Quante storie in una scatola: un... Leggi tutto...
Sfogliando Galatina: una iniziativa per ripartire
Dopo questi mesi di inattività forzata, l'Università Popolare ha aderito con entusiasmo a una iniziativa del Patto Locale per la Lettura di Galatina, firmando la prima delle passeggiate letterarie... Leggi tutto...
Si ricomincia...
Dopo la pausa estiva, interrotta dall'Open Day che come sempre ci ha permesso di incontrarci e presentare le nostre attività ad amici e soci vecchi e nuovi, il nostro anno accademico 2019-20 ha... Leggi tutto...
Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Home Galleria Video Video vari (2010/14) Il Pupazzo di Neve-Postino (La Fiaba del Capodanno)
Il Pupazzo di Neve-Postino (La Fiaba del Capodanno) PDF Stampa E-mail
Video vari (2010/14)
Lunedì 30 Dicembre 2013 08:54

Снеговик - Почтовик (Новогодняя сказка) / Snow Postman


Traduzione di Tatiana Bogdanova Rossetti

 

Dim lights Embed Embed this video on your site

 


Il primo ragazzino: “Hurrà! Domani è Capodanno!”.

Il secondo ragazzino: “Allora domani ci sarà l’abete di Capodanno!..”.

Un bimbo piccolo: “E chi ce lo regala?”...

Il primo ragazzino: “L’abete ce lo regala Nonno Gelo!”...

Il terzo ragazzino: “E lui come saprà che noi abbiamo bisogno dell’Abete?”.

Il primo ragazzino: “Noi gli mandiamo una lettera!” Mostra la lettera: A Nonno Gelo dai ragazzi,

Il secondo ragazzino: “E chi la porta la lettera?”..

Il primo ragazzino: “La lettera, la porta... eh... Il Pupazzo di Neve!!!”..

Il bimbo piccolo: “Il Pupazzo di Neve? E dove sta?”...

Il primo ragazzino: “Aha-aha! E’ molto semplice! Aha-aha! Ora lo facciamo!”...

Cantano insieme:

Pupazzo, pupazzo tu sarai il postino di noi ragazzini.

Prenderai la lettera e andrai nel fitto del bosco buio...

Nonno Gelo, ricevuta la lettera, sceglierà nel bosco un abete…

Il più bello, il più “piumoso”* e dagli aghi più verdi...

Quest’Abete porterai al più presto per tutti i ragazzi...

Il pupazzo di neve, svegliatosi a mezzanotte: “Tch... Ecco che problema mi hanno assegnato!... Andare nel bosco… Trovale Quello... E da lui portare ai ragazzi Quello”...

Un cagnolino: “Bau! Mi prenda con Lei!”..

Il pupazzo di neve: “Ah!.. E tu chi sarai?”..

Il cagnolino: “Mi chiamano Družok*! Mi prenda con Lei” - supplica Družok, - “Io l’aiuto a trovare la strada!”…

Il pupazzo di neve: “ Ehe- ehe! Giusto! In due è anche molto più allegro!”...

Arrivati nel bosco…

Il pupazzo di neve: “Dove trovi qui Qualcuno e Qualcosa?...  Dài, andiamo là!.. O no...  Ecco... lì... Ma forse... di là... o invece lì... Eheh... di lì, o di là... di là o di lì”...

Un gufo: “Uhu-uhu... uhuhuhuhuhu!!!”..

Il pupazzo di neve: “Eh! Tu, come ti chiami... Dài, dicci, per dove dobbiamo andare… per andare da Quello... com’è che si chiama?”..

Družok: “Da Nonno Gelo!”...

Il pupazzo di neve: “Noi abbiamo tanto bisogno a Lui... consegnare Questa!”..

La volpe: “ E sì, qui c’è qualcosa non senza ragione!”…

Il pupazzo di neve, mostrando la lettera: “Eccola, Questa!.. Perché stai zitto e sbatti gli occhi?!... Non conosci la strada?! Sì!”…

La volpe: “Datela a me e la porto io!”..

Il pupazzo di neve: “No, a me Questa… è più cara di ogni cosa... Per Questa, Egli  mi darà uno Così!”...

La volpe: “Un galletto?!”..

Il pupazzo di neve: “No, è molto meglio!”...

La volpe: “Un  gallo cedrone?!”...

Il pupazzo di neve: “ Ma che dici?! E’ molto più piumoso! Ahi!”…

La volpe: “Non sarà mica un grosso tacchino!”- parlando col Gufo, la volpe: “Quindi, in cambio di questa lettera, Nonno Gelo darà qualsiasi cosa!”…

Il gufo: “Uhu-uhu-uhu... E se noi questa lettera gliela soffiamo?!”...

La volpe: “E chiediamo a Nonno Gelo per questa lettera per noi stessi ogni cosa migliore!”...

Il lupo: “Che cosa stai portando, comare-Volpe? Spartiamocela! Aha!”.

La volpe: “Non voglio spartire...  a me stessa serve!”...

Il lupo: “Non vuoi condividere?! Allora ti prendo tutto!”..

L’orso: “Dove, dove stanno i cani?! Non sarà mica una battuta?! Ah! Ecco chi si è permesso di svegliarmi!”..

Il pupazzo di neve: “Ma noi non volevamo svegliarLa!.. Noi stiamo cercando Questo... Ma come si chiama Questo?!”..

Družok: “Bau!.. Nonno Gelo! Noi non sappiamo dove abita!”...

L’orso: “E a che cosa lui vi serve? (E per quale motivo lo state cercando?)”...

Il pupazzo di neve: “I ragazzini mi hanno fatto e mi hanno detto a Quello, portare Questa!”..

L’orso: “Una lettera!”…

Il pupazzo di neve: “Sì, sì! E’ Questa proprio! Ma dove dobbiamo andare, noi non lo sappiamo!”...

L’orso: “M..sì... Si vede che la faccenda è importante! Bene, allora andiamo, vi accompagno io!”...

Il pupazzo di neve: “Grazie... Lei mi ha salvato! Ohi, ma dove sta Questa... Questa... ma come è che si chiama?!”...

L’orso, tirando il Pupazzo fuori dalla buca nel ghiaccio: “Uno, due.. issa, uno due... issa!”...

Nonno Gelo: “Per chi è?.. E’ per me, volpe?.. A Nonno Gelo! Eh! Dai ragazzini! Molto bene bene... Vediamo, vediamo... Caro Nonno Gelo, mandaci, per favore, un..”...

La volpe: “Un galletto... Un  gallo cedrone...”..

Il gufo: “Un leprotto...”…

Nonno Gelo: “State zitti… zitti!”...

Il lupo: “Un capretto...”…

Nonno Gelo: “ Zitti, vi sto dicendo... Mandaci, per favore, un Abete!”...

La volpe: “Un Abete?”…

Nonno Gelo: “Mandaci, per favore, un Abete, ne abbiamo tanto bisogno... La lettera ti porterà il Pupazzo di neve... Aha-aha-aha... E chi è di voi, chi sarebbe il Pupazzo di neve?.. Ah!”…

Il pupazzo di neve: “Ehe-ehe! Mi hanno fatto e mi dissero... che dovevo portare Questa... com’è che si chiama?..”…

Družok: “La lettera!”..

L’orso: “Invece questi qua… La lettera...”…

Družok: “L’hanno rubata!”...

Nonno Gelo: “Ah, ecco di che cosa si tratta... Ah, voi così vili e cattivi! La prossima volta vi passerà la voglia di fare altrettanto! Ecco!... Invece a te, Pupazzo di neve, il coraggioso postino dei ragazzini,… Darò un Abete Stupendo e un sacco con dei regali... Li porterai ai ragazzini e dirai loro: - “Nonno Gelo fa tanti auguri a tutti a Capodanno per il Nuovo Anno!!! ”...

I ragazzini parlano fra loro: “Venite qua, ragazzi, presto... Ma guardate quanto è stato bravo il Pupazzo di neve... E sì, ha fatto il proprio dovere... Nonno Gelo in persona, glielo ha dato!.. Il migliore!... Il più piumoso! Tutto pieno di aghi verdi!”...

FINE

Ndt: Družok è un nome che spesso si dà ai cagnolini in Russia, che significa Piccolo Amico.

Ndt: Sono stati adattati gli animali piumosi al genere maschile dell’Abete in italiano, in quanto in russo il sostantivo Abete è del genere femminile. Non potevo conciliare il “piumoso” Abete con la gallinella, l’anatra e l’oca che si immaginava di avere la volpe russa!  :)

 

* L’Abete “Piumoso” (Пушистая ёлка, ag.f+st.f.) è un termine improprio che si usa in russo per dire di un abete in questo caso (non solo riferito agli abeti) ricco di rami e di aghi verdi e consistenti. Da cui nasceranno gli equivoci...

* Družok, è amichetto in russo, tantissimi cagnolini in Russia hanno questo nome!


Torna su