Nuovo Consiglio Direttivo, Open Day e nuovo Anno Accademico: pronti per ripartire!
MARIO GRAZIUSO Ripresa dell’attività sociale dell’UNIPOP “A. Vallone” di Galatina Confermato il Presidente e affidati gli incarichi ai consiglieri Trascorso il lungo periodo di inattività... Leggi tutto...
Sfogliando Galatina: una iniziativa per ripartire
Dopo questi mesi di inattività forzata, l'Università Popolare ha aderito con entusiasmo a una iniziativa del Patto Locale per la Lettura di Galatina, firmando la prima delle passeggiate letterarie... Leggi tutto...
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni Dopo questo lungo periodo di forzata inattività, il Consiglio Direttivo ha trovato, grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale, la sede... Leggi tutto...
Nuova sospensione delle attività
La presenza di casi di coronavirus sul territorio di Galatina e l'ordinanza di chiusura delle scuole emanata dal sindaco ci hanno consigliato un ulteriore consulto medico dal quale è emersa ... Leggi tutto...
In memoria di Piero Manni, editore
Da qualche giorno il Salento e il mondo della cultura sono più poveri: il 22... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home Sallentina Poesia salentina Traduzione in vernacolo leccese del sonetto 66 di William Shakespeare
Traduzione in vernacolo leccese del sonetto 66 di William Shakespeare PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Venerdì 17 Gennaio 2014 17:26

 

Stancu de tuttu cercu la pace de la morte

Stancu cu bisciu ci mmereta scire sempre demertu

e li  bueni a nulla sempre a festa parati

e la fede cchiù pura continuamente tradita

e l’alti onori spergugnatamente dati a cci nu sse li mmereta

e la virtù certa catisciata e l’onestà delusa

e ci ole agisca bbattutu da cuerpi a tradimentu

e l’arte de ci ni cumanda costretta a llu silenziu

e a llu geniu date recule de parte de pacci ignoranti

e la semplice virtù scangiata pe semplicità

e lu bene in servitù e lu male ca la face de patrunu

stancu de tuttu ulia me ndiau,

ulia lassu tuttu

se nu bbera ca murendu lassu sulu l’amore miu.


Torna su