Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Memorie Narranti: l'Università Popolare aderisce all'iniziativa del Patto per la Lettura in occasione della giornata della memoria
Si riproduce il comunicato ufficiale sull'evento: MEMORIE NARRANTI – Giornata della memoriaIn occasione della Giornata della memoria, celebrata a livello internazionale il 27 gennaio, il Patto... Leggi tutto...
Programma gennaio 2021
Programma Gennaio 2021 Martedì 5 gennaio, ore 18,00 – replica della performance del Laboratorio Teatrale dell’Università Popolare Aspettando Gesù, musica e pièce di Michele Bovino  ... Leggi tutto...
Home
FAVOLE di EVGENIJ PERMJAK 25. Fratelli intransigenti PDF Stampa E-mail
I mille racconti
Domenica 30 Marzo 2014 20:19

Traduzione di Tatiana Bogdanova Rossetti

 

Velocemente dai monti Altaj correvano-scorrevano nelle terre del nord due fratelli: Katun' e Bija. Ardenti, ciarlieri, allegri, uno più bello dell'altro.

Scorrevano ognuno per conto proprio, scorrevano e a un certo punto si incontrarono. Si unirono, si fusero. Insieme fluirono nello stesso letto. Corsero-fluirono i due fratelli fiumi, Katun' e Bija, nello stesso letto e all'improvviso si misero a discutere: come si sarebbe dovuto chiamare adesso il fiume composto da loro due?

«Io correvo-scorrevo per conto mio» – disse Katun' a Bija, – «e tu mi sei sfociato dentro. Perciò adesso questo grande fiume deve essere chiamato con il nome mio – Katun’.»

Ma pure l'altro fratello apparteneva alla stessa razza, quella dei poco malleabili.

«Non sono stato io, Katun', a sfociarti dentro, ma sei stato tu ad affluire dentro le mie acque. Quindi il grande fiume dovrebbe chiamarsi come me, Bija

Avrebbero discusso ancora a lungo, agitandosi, schiumando, uscendo dagli argini, ma incontrarono un uomo. Un esploratore di terre nuove. Un uomo russo. Cominciarono ambedue i fiumi a cercare di erodere, di scavare sotto i piedi dell'uomo, volendo piegare il suo giudizio a proprio favore. Ognuno buttava per lui sulla riva il suo pesce migliore. Ognuno dei fratelli-fiumi voleva suggerirgli il proprio nome, per portarlo dai monti Altaj al mar freddo di mezzanotte e glorificare soltanto se stesso.

L'uomo russo, però, era una di quelle persone semplici. Non gli piaceva chi metteva se stesso davanti a tutto e tutti, chi rincorreva la gloria e la fama a discapito degli altri, non risparmiando perfino dei fratelli. Perciò disse ai due fiumi: «Deciderò, fratelli, la vostra contesa. Né uno né l’altro rimarrà offeso. Ob[1]: entrambi vivrete nel nome del fiume.»

Così disse e chiamò il grande fiume – Ob.

Così gli intransigenti, testardi, cocciuti fratelli, con molte rapide, fondendo le loro acque, persero i nomi loro e si misero a correre-scorrere ambedue come Ob. Un grande fiume russo della Siberia. Tutti lo conoscono, stupendo, magnifico, e di Katun’ e Bija in pochi si ricordano.

 

 


[1] Obe,f., oba, m. (russo) entrambi.


Torna su