Programma di Novembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Martedì 5 Novembre, ore 17,45 sala Contaldo : cineforum Belle. La ragazza del dipinto, a cura di Roberta Lisi   Giovedì 7 novembre, ore 17, Lecce,... Leggi tutto...
Si ricomincia...
Dopo la pausa estiva, interrotta dall'Open Day che come sempre ci ha permesso di incontrarci e presentare le nostre attività ad amici e soci vecchi e nuovi, il nostro anno accademico 2019-20 ha... Leggi tutto...
Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home I mille racconti I mille racconti FAVOLE di EVGENIJ PERMJAK 25. Fratelli intransigenti
FAVOLE di EVGENIJ PERMJAK 25. Fratelli intransigenti PDF Stampa E-mail
I mille racconti
Scritto da Evgenij Permjak   
Domenica 30 Marzo 2014 20:19

Traduzione di Tatiana Bogdanova Rossetti

 

Velocemente dai monti Altaj correvano-scorrevano nelle terre del nord due fratelli: Katun' e Bija. Ardenti, ciarlieri, allegri, uno più bello dell'altro.

Scorrevano ognuno per conto proprio, scorrevano e a un certo punto si incontrarono. Si unirono, si fusero. Insieme fluirono nello stesso letto. Corsero-fluirono i due fratelli fiumi, Katun' e Bija, nello stesso letto e all'improvviso si misero a discutere: come si sarebbe dovuto chiamare adesso il fiume composto da loro due?

«Io correvo-scorrevo per conto mio» – disse Katun' a Bija, – «e tu mi sei sfociato dentro. Perciò adesso questo grande fiume deve essere chiamato con il nome mio – Katun’.»

Ma pure l'altro fratello apparteneva alla stessa razza, quella dei poco malleabili.

«Non sono stato io, Katun', a sfociarti dentro, ma sei stato tu ad affluire dentro le mie acque. Quindi il grande fiume dovrebbe chiamarsi come me, Bija

Avrebbero discusso ancora a lungo, agitandosi, schiumando, uscendo dagli argini, ma incontrarono un uomo. Un esploratore di terre nuove. Un uomo russo. Cominciarono ambedue i fiumi a cercare di erodere, di scavare sotto i piedi dell'uomo, volendo piegare il suo giudizio a proprio favore. Ognuno buttava per lui sulla riva il suo pesce migliore. Ognuno dei fratelli-fiumi voleva suggerirgli il proprio nome, per portarlo dai monti Altaj al mar freddo di mezzanotte e glorificare soltanto se stesso.

L'uomo russo, però, era una di quelle persone semplici. Non gli piaceva chi metteva se stesso davanti a tutto e tutti, chi rincorreva la gloria e la fama a discapito degli altri, non risparmiando perfino dei fratelli. Perciò disse ai due fiumi: «Deciderò, fratelli, la vostra contesa. Né uno né l’altro rimarrà offeso. Ob[1]: entrambi vivrete nel nome del fiume.»

Così disse e chiamò il grande fiume – Ob.

Così gli intransigenti, testardi, cocciuti fratelli, con molte rapide, fondendo le loro acque, persero i nomi loro e si misero a correre-scorrere ambedue come Ob. Un grande fiume russo della Siberia. Tutti lo conoscono, stupendo, magnifico, e di Katun’ e Bija in pochi si ricordano.

 

 


[1] Obe,f., oba, m. (russo) entrambi.


Torna su