Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
NOTERELLANDO... Costume e malcostume 2. Le parole sono pietre PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Antonio Mele/Melanton   
Giovedì 20 Novembre 2014 20:47

[“Il Galatino” anno XLVII n. 15 del 26 settembre 2014, p. 3]


M'è capitato, in una sala d'attesa, di leggere la rivista mensile della sezione provinciale di un benemerito Ente della Sanità pubblica. Una pubblicazione piuttosto curata, devo dire. Con notizie di oggettivo interesse, pur con qualche articolo un po' sbrigativo, che un approfondimento adeguato avrebbe reso più completo e apprezzabile.

Tant'è. Viviamo in un'epoca del 'mordi e fuggi' anche nel giornalismo scientifico. Le notizie sono ormai telegrafiche, ridotte all'osso, e per radio o per tv vengono divulgate da lettori o lettrici super-velocissimi, che riescono a sciorinare dieci, cento, mille parole al secondo. Per di più, urlando.

Per capire meglio qualcosa di ciò che accade intorno a noi bisognerebbe leggere i quotidiani, che più nessuno legge, o ascoltare tre-quattro telegiornali fra loro complementari, o dare uno sguardo alle 'news' nelle pagine del Televideo. Che è diventato la fiera degli orrori, per i ricorrenti refusi, testimoni impietosi dell'ormai scomparsa deontologia e scrupolosità giornalistica radio-televisiva.

Segno dei tempi. Superficiali. Dozzinali. Tutt'altro che di grande bellezza.

In quella stessa rivista, evidenziato dentro un riquadro, ho altresì letto un pensiero a firma di Kalu Rinpoche, che il redattore - in osservanza alle brutali regole del 'mordi e fuggi' di cui sopra - non ha ritenuto di dover qualificare chi quegli sia (...se lo sapete, bene, se no v'arrangiate. Questa è la regola-base). Trattasi comunque – ho fatto delle ricerche per mio conto – di un santone tibetano del secolo scorso (1905-1989), noto anche in Europa, e pare alquanto discusso per alcune non chiare vicende sessuali.

Fatti suoi. Ciò che nella fattispecie m'interessa è il pensiero in esame, quello letto sulla rivista, che così recita: Viviamo nell'illusione / e nell'apparenza delle cose. / C'è una realtà. / Quando lo capiamo, / ci accorgiamo che siamo niente / ed essendo niente,/ siamo tutte le cose. / È tutto.

Ora, senza la minima ironia, e col massimo rispetto per il maestro, lo chiedo umilissimamente anche a voi: - Ma che vuol dire?!... Ma davvero, anche in argomentazioni serie, dobbiamo masturbarci con le parole, rendendole a bella posta misteriose, ambigue, del tutto incomprensibili e contraddittorie?

Perché, vivendo nell'illusione (chi lo dice, poi? Mi sembra un’affermazione opinabilissima), devo cercare di capire che c'è una realtà..., e finalmente, riuscito in tale impresa, mi accorgo che sono niente (sic!), e però, essendo niente, sono tutte le cose (ri-sic!). Chi glielo spiega, questo, ai tanti emarginati, malati, soli e senza soldi, che soffrono il loro stato di nullità e ignorano invece di essere ”tutte le cose”?

Ma non sarebbe più semplice (e corretto) parlare al popolo con semplicità? Che senso ha, questo vezzo dilagante di dire quello che passa per la testa senza dire un bel fico? E andare per luoghi comuni, cercare l'effetto ad ogni costo, 'abboccare' (questo vale per chi legge o ascolta) a tutto senza riflettere e ragionare?

"Le parole sono pietre" è il titolo significativo che Carlo Levi diede a un suo celebre romanzo. Le parole hanno una loro significanza e identità precise, quindi un peso e una solennità che non permettono variabili di comodo, come avviene ormai di frequente in politica, in economia, in certo giornalismo cosiddetto d'opinione ("Sono stato frainteso", si scusa regolarmente il Signor Chiunque quando viene pizzicato nelle sue castronerie...).

Certo, si può fare poesia e letteratura, con le parole. Ci si può anche giocare e suggestionare. È la nostra ricchezza e magia di animali fantasiosi e pensanti. Ma pensiamoci, appunto, qualche volta, a quello che leggiamo o ascoltiamo. Non ‘beviamo’ supinamente qualsiasi mistura che ci viene proposta, e utilizziamo sempre – cum grano salis, senza preconcetti – un po’ del nostro senso critico. Che ci aiuterà a capire meglio.

Che “L’ha detto la televisione” o “È scritto sul giornale” non significa che quella sia sempre e comunque la verità assoluta. Nel nostro mondo terreno, peraltro, la verità assoluta non esiste, come perfino Papa Francesco ha precisato, più o meno un anno fa, in una lettera pubblica a Eugenio Scalfari. Essa è fuori e sopra di noi. E maggiormente per questa ragione, abbiamo il dovere di pensare e di capire.

Alla maniera di Cartesio (Cogito, ergo sum). O anche seguendo il sommo Aristotele, che, sostenendo che "l'uomo non sopporta troppa realtà", apriva le porte al sogno.

A presto.


Torna su