Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Misteri prodigi e fantasie in Terra di Puglia 2. Ufficio Smarrimenti & Ritrovamenti PDF Stampa E-mail
I mille racconti
Scritto da Antonio Mele/Melanton   
Giovedì 12 Febbraio 2015 08:08

Una ‘drammatica’ cronaca barese d’altri tempi


[Tratto dal libro di recente pubblicazione Misteri prodigi e fantasie in Terra di Puglia, Capone Editore]

 

 

All’Ufficio “Smarrimenti & Ritrovamenti” di Bari, non lontano dal nuovo Teatro Margherita e dal Lungomare, c’era molta folla, quella mattina del primo agosto dell’anno di grazia 1929, e i due Impiegati facevano gran fatica a esaudire le numerose e pressanti richieste del pubblico.

 

Uno Strano Signore, completamente decapitato, agitava freneticamente verso lo sportello una fotografia che riproduceva un volto a grandezza naturale, e di tanto in tanto l’avvicinava a sé, ponendosela sul collo.

Il Maggiordomo che l’accompagnava cercava di spiegare all’Impiegato dietro lo sportello: - Vedete? il signor Conte ha perso la testa per una Ballerina… Osservate bene la fotografia e controllate cortesemente se la testa del signor Conte è stata ritrovata!

Alle loro spalle, tra sbuffi e spintoni, un Uomo col cappello sulle ventitré farfugliava rumorosamente che l’avevano mandato lì perché aveva perso la memoria, mentre un Celebre Oratore seguitava ad urlare: - Insomma, sono due settimane che vengo qua, e domani ho la conferenza… Allora, l’avete trovato il filo del mio discorso?”.

 

La confusione cresceva, finché sul posto non intervenne un burbanzoso Gendarme, con tanto di mustacchi scuri e di sciabolone alla cintola, che con voce poderosa ordinò: - Silenzio, o faccio sgombrare! Poi, con tono sarcastico, aggiunse: - Ci mancherebbe che, oltre al resto, perdiate pure la calma!

La folla zittì, e sotto lo sguardo severo del Gendarme ripresero le richieste.

 

- Io, disse una Signora Corpulenta, vengo dalla Stazione ferroviaria… Ho appena perso il treno per Foggia… Che, per caso, l’avete ritrovato?

L’Impiegato allo sportello chiese al Collega di controllare in magazzino, ma dopo qualche minuto il Collega ritornò a mani vuote, spiegando che di là c’era soltanto un treno locale per Ruvo di Puglia, e una vecchia littorina in disuso, sicché la Signora Corpulenta se ne andò via, sbuffando come una locomotiva.

 

- Lei, dica: che cosa ha perduto?”, fece duro l’Impiegato ad un Signore Calvo. “Mi sembra chiaro – disse quello – ho perso i capelli! Vede, li portavo giustappunto come ce li ha lei!”.

L’Impiegato si passò d’istinto la mano sui capelli, poi bruscamente soggiunse: “Che vuole insinuare?”.

“Oh, niente, per l’amor del cielo! – esclamò il Signore Calvo piuttosto intimorito – Cercavo solo di fornire qualche indicazione più precisa…”.

“Capelli persi, è raro ritrovarli!” – sentenziò l’Impiegato – Avanti un altro…”.

 

Si presentò un Ometto, ingessato dalla testa ai piedi, con garze e cerotti dappertutto: “E’ già la terza volta che mi succede – spiegò l’Ometto – ho perso l’equilibrio…”.

Tutti si misero a ridere, e così forte che il Gendarme dovette intervenire di nuovo per ristabilire l’ordine.

 

Intanto, cominciava a farsi tardi, e qualcuno dal fondo urlò: “E’ incredibile! In quest’Ufficio non si ritrova mai niente, ma in compenso si perde sempre del tempo!”.

Giù altre risate, e il Gendarme questa volta sguainò minaccioso la sciabola: “Vi avverto, signori, che io non ho mai perso niente, perciò guai a voi se mi fate perdere la pazienza!”.

 

Arrivò il turno del Tifoso della Squadra del Cuore: “Dica un po’: – esordì con tono arrogante, poggiando i gomiti sullo sportello e alitando forte in faccia all’Impiegato – io ho perso la bussola perché la mia Squadra del Cuore ha perso la partita… Adesso chi me li ridà i punti in classifica che abbiamo perduto?”.

L’Impiegato neanche gli rispose. Prese dal cassetto della scrivania un grosso martello e glielo batté violentemente sul cranio: “Adesso i punti se li faccia dare dal suo medico di famiglia!”, sibilò, con un sorriso sinistro.

“Ha fatto bene! – disse a quel punto un Vecchietto che si reggeva a malapena sul bastone – Quel giovinotto aveva perso le buone maniere, altro che la partita!… Comunque, figliolo, io sono qui perché ho perso la fiducia nelle Autorità, e specialmente nei Militari, che mi hanno fatto perdere la guerra… A dirla tutta, io i Militari non li posso proprio soffrire, ha capito?!”.

 

Fu a questo punto che il Gendarme, ferito nella propria dignità di soldato, perse la tramontana. E cominciò a roteare furiosamente il suo sciabolone, facendo scappare tutti a gambe levate.

 

Dietro l’angolo del palazzo, acquattato e ben al sicuro, il Vecchietto che aveva provocato tutto quel pandemonio sghignazzava compiaciuto.

“Allora, hai visto?... – diceva a un Altro Vecchietto più vecchio di lui – Hai visto che sono riuscito a fare sgombrare l’Ufficio? Hai perso la scommessa, mio caro, ma adesso che non c’è nessuno puoi entrare tranquillo e chiedere con tutta calma se hanno ritrovato la tua dentiera…”.


Torna su