Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Pindinguli, zaranguli e scisciariculi PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Scritto da Uccio Giannini   
Venerdì 28 Gennaio 2011 19:18

LA VOTTE DE LU TATA

 

Stu fattu ca vu cuntu

nun'ede nu segretu,

successe pressappocu

cinquant’anni arretu.

Intra la remessa

a n’angulu appartata

stava sula sula

la votte de lu tata.

Nun'era na beddha votte:

de forma sculumbata,

de retu era chiatta

de nanzi invece ‘nchiata.

“Difettu de quantu è nata”,

dicia lu tatu miu.

“Però lu vinu è bonu

e mi lu futtu iu”.

È veru, me recordu,

facia nu bellu vinu

de culure russu

nu pocu frizzantinu.

Però a quiddhi tiempi,

e quistu è propriu veru,

tuttu lu vinu russu

se chiamava neru.

Era forse dhu regime

ca tantu cumandava,

ca tutti li culuri

a nero trasformava.

Poi nu bruttu giurnu,

se ddunau lu tata,

ca la votte perdia

vicinu a la ripata.

Chiamau lu vuttaru

pe na riparazione,

ma quistu la guardau…

cu tanta compassione.

“Ormai è sciuta” disse,

tuccandula nu pocu,

“mo’ ca ssuca bona

mentila a lu focu”.

Lu tata miu,

guardandu mie vagnone,

li scappu na lacrima

pe la commozione.

“Lassateme sulu,

chiuditime la porta,

ca voju cu mi chiangu

quista votte morta”.

 

 

1982

 

 

 

LU SANGUNAZZU


Stava sempre mpisu

dhu sangu de sangunazzu,

se vindia a tanti parti

ca puru a Culupazzu.

De forma ncuruddhata

oppure curtu e crossu,

se pote mozzacare

percè nu tene l’ossu.

De sangu russu è chinu,

pelle tutta liscia,

ttaccatu alle do’ punte…

in modu ca nu piscia.

Lu sangunazzu è bonu

specie quandu è friscu,

piace ‘ssai a mujerama

e quistu lu capiscu.

Cosa assai importante

è lu sacci cucinare

a focu lentu lentu…

chianu l’hai girare.

Se s’ave nderizzatu

e lu sienti tostu

ssaggiali la punta…

mo’ è propriu appostu.

Se faciti comu dicu

li musi vu lliccati:

mangiati chianu chianu

cusì nu nudacati.

Lu vinu cu nu manca

pepe ssai giungiti

cusì cu nu derluttu

Tuttu degeriti.

 

1984

 

 

LU SCUPONE SCIENTIFICO


Sta battu le carte

mo’ zzicca lu sciocu.

lu cumpare se prescia

ma sulu pe pocu.

Le carte nu quarda

ca ede de manu,

se scupa nu face

nun’ede cristianu!

Li menu n’asu

e scupa nu mente

si luscia la capu

e si licca nu dente.

Suda nu pocu…

Nu tene nu re,

mena nu doi

e fannu scupa de tre.

Lu sette denari

si tene strittu,

nun ede cartaru

e se sente scunfittu.

Dopu nu pocu

si scioca na donna

e li fannu scupa…

pe’ la madonna!.

Poi lu cumpagnu

li giusta pe sette,

li scijanu tuttu…

e manda sajette.

Dice stizzatu:

“mo’ voju spariju,

cinque e tre ottu

voju me piju “.

Si giusta le carte

a mo’ d’organettu,

trattene lu fiatu

e unchia lu piettu.

Lu propriu cumpagnu

lu quarda smammatu,

vole cu rida

ma è troppu stizzatu.

Nu sape ce mena

pensa e ragiona

e mena nu sei

la carta cchiu’ bona.

E n’addha scupa

ssiu de filatu.

Se ntise nu cridu:

… ci t’ha criatu!.

‘Nsomma a do’ botte

finju lu scupone…

pijara na scoppula

de santa ragione!

 

 

 

 

 

 

LU BUSCIU STRITTU


Stu sangu de busciu

Ca strittu te trovi

nu rescu lu visciu

mannaggia li vovi.

Lu guardu, lu smirciu…

ca proriu mi serve,

me mentu d’impegnu

e l’occhiu mi ferve…

nu rescu cu trasu

me sentu scunfittu,

perciò mo’ lu zziccu

e lu tegnu derittu.

Prima lu lliccu…

poi lu ncarizzu,

sperandu almenu

cu trasa lu pizzu.

Lu nfilu nu pocu,

mannaggia la vacca,

e dha punta puntusa

de fore mi scappa.

Quando me credu

ca l’aggiu nfilatu

ste tuttu de fore

quel gran disgraziatu.

Ma porca miseria

è pocu ‘ntustatu

nu trase, nu trase…

me sentu dannatu.

Nfurcu li cchiali

provu de novu

trase nu pocu

e poi scappa de novu.

Castimu nu pocu:

quand’era carusu

nfilava e de pressa

era prontu pe l’usu.

Nfilava derittu

comu na mazza

a prima botta

e senza sputazza.

Nsistu de novu,

cu tuttu lu core

lu mpizzu nu pocu

e poi esse de fore.

Mantegnu la calma,

riprovu de novu

vulia cu lu ‘ntostu

comu nu chiovu.

Ma appena li toccu

dhu busciu ristrettu

se torce tuttu

pe fare dispettu.

Propriu nu vole

stu filu puntusu

cu trase derittu

allu giustu pertusu.

Senza quist’acu

prontu pe l’usu

comu aggiu fare,

dimmi, cu cusu…?

 

1989

 

 

 

 

 

 

LA PRESUNZIONE


Alla mantagnata,

arretu alla mureddha,

nu zangone stia

vicunu na cicureddha.

Stise lu zangone

pe longu na fujazza

pe na dichiarazione

ca vulia li fazza.

“Me voi?”, li disse,

“tie mi piaci tantu,

su nu zangone bonu,

…mai pe vantu”.

“Camina” respuse

superba la cicureddha,

“iu nu su pe tie,

iu su troppu beddha.

E poi zangone

è sinonimu de fessa,

luntanete de mie,

e sbricate de pressa”.

Passau de dhai na capra,

e senza complimenti,

tirau la cicureddha

cu li quattru dienti.

“Futtite mo’”,

disse lu zangone,

“pesciu ti merati

pe dha presunzione.

E quando la capra

poi te degerisce,

pijati ci voi

e ci te gradisce;

nuì certo propriu mie,

percè nu’ si la stessa:

zangone suntu sì,

ma nu su tantu fessa…!

 

1994

 

 

 

 

 

 

Lu trenu


Tu…tun…tu…tun…

Quasi nnujatu

lu trenu se move:

dha fore nziddhiscia….,

anzi, sta chiove.

Tutù..tutun..tutu..tutun...

Fusce nu palu,

poi n’addhu ancora

fusce na casa

tinta de viola.

Poi su allu vitru

chianu chianu

le nziddhe se ngrossanu…

Se secutanu.

Tutù..tutun..tutun..tutun..

Sta me ‘lluntanu…,

mi se stringe lu core,

mentre dha fore

sempre sta chiove!

Chiudu l’occhi

e cu lu pensieri

me visciu ancora

allu postu de ieri.

Tu..tutun..tu..tun..tu..,

ce sta succede…

… sta chiangu de veru…

o m’aggiu sunnatu???.

 

 

1997

 

 

 

 

LE LANCETTE DELL’OROLOGGIU


La lancetta curta

decise, na matina,

cu rivolga la parola

a quiddha longa e fina.

“Fusci bella minchia,

fusci, fusci…fessa,

ci ti la face fare

cu vai cusì de pressa?.

Te stracchi e te mmalazzi,

ti vene poi l’affannu

e, bona cu ti vegna,

ncapuzzi a ncapu all’annu”.

Ma quista capitisa

facendo tic e tacca,

fice mille giri

senza mai se stracca.

“Be’ sia, cu fazza diu:

ma lassame cu fazzu

lu mestieri miu”.

Poi sienti ancora,

ma senza presunzione,

almeno na fiata all’annu

aggiu soddisfazione;

quando pe l’annu novu

manca nu mumentu,

lu mundu, tuttu quantu,

mi quarda lu movimentu.

E poi… la ncapuzzata

la facimu in compagnia;

nun esiste quiddha tua

diversa de la mia.

Se si scijglia lu cungegnu

de paru ne fermamu,

sia ca vai fuscendu,

oppure se vai chianu,

ca quando è giunta l’ora,

ti lu dicu in italianu,

insieme la pijamu

intru lu deretanu.”

 

1997

 

 

 

 

 

NA BUSTA DICIA…


“Ah…sorta mia…”

na busta dicia:

“Ci sape percene

ciuveddhi mi crede

ca me sentu femmana

de marciapiede.

Ci me lluscia nu pocu,

ci puru ncarizza,

ci me strapazza…

ca è tanta la stizza.

E poi cu dhe mane…

Me toccanu tutti,

me volenu perta

dhi gran farabutti.

E speru cu aggiunu

la lingua siccata…

senò ve finire

ca me tocca lliccata.

Ca sulu cu vidi

dhe lingue raspuse

ca essenu a punta

de vucche vavuse…

Poi l’ultimu toccu,

e quistu è destinu,

lu molla dirittu

lu vecchiu pustinu”.

E lu francubollu

ca stava ncuddhatu:

“Puru iu me lamentu,

e me sentu annullatu…

sapessi e lliccate

ca m’aggiu buscatu!.

Ma voju ti dicu…

Su cchiù maltrattatu

pe le botte ca tira

quel gran disgraziatu.

Dhu timbru ca rriva

derittu o de latu

mi ntrona la capu

ca m’ave mmbrattatu.

Ma la cosa schifosa,

e quista è sventura,

è ca sciamu a finire

… a la spazzatura!

Mia cara cumpagna

de quista sventura,

facimuni forza…

è la vita ca è dura.

Ma tie nu si zoccula,

percè quiddha vera

nu face sta fine,

ma face carriera.

 

 

1997

 

 

 

 

 

L’APPARENZA


Na cisterna nova

rivolta a nu vecchiu puzzu,

disse a mezza voce:

“Si’ vecchiu e puru suzzu.

Tieni la vucca perta

e all’anguli è singata,

si’ tuttu chinu d’erva,

nu sulu alla rripata!”

“E no, cara mia”

lu puzzu rispose,

“ti lu dicu chiaru

comu stanno mo’ le cose”.

“De fore sì, su vecchiu,

e ammettu, su sgangatu,

ma lu intra è novu…

no, nun è cangiatu!

L’acqua mia è pulita,

linda è sempre frisca,

nu fazzu nuddhu sforzu…

de intra cu mi crisca.

Eccu, dimme tie,

ca si’ nova e pitturata,

comu na signura

vestuta e mbellettata,

dimme tie, ce tieni

intra a quiddha panza?

Acqua mezza suzza

(parlando cu crianza).

Tutto poi ti scinde,

e ti nghiutti de dha fore,

nu manca qualche verme

e depositi de ciole.

E guarda ce ave intru,

sienti, aggi pacenza…,

ca quiddhu ca è de fore

e sulu apparenza”!

 

2001

 

 

 

 

 

VULIA


Vulia cu stau a ncavaddhu a na cumeta

cu visciu le nuveje de vicinu,

cu sentu lu fischiettu de li runduni

ca vénenu tantu stracchi de luntanu,

cu sentu poi risate de vagnuni!

Vulia cu nu sentu le castime

de gente ca se llitica pe nienti,

cu nu visciu sangu pe le vie

cu nu visciu lacrime e lamenti!.

Vulia cu tegnu l’ale de gabbianu,

cu saju susu susu, quasi a ncielu…

poi cu scindu lentu, chianu chianu….

cu scansu e me le luntanu de stu sfacelu.

Vulia, turnandu a nascere,

cu eggiu aquila o sparvieru,

cu nu visciu le brutture

de 'sta miseria umana,

percè sulu a ncielu

se pote respirare aria sana.

 

1999

 

 

 

 

 

DIGNITA’ E SUPERBIA


Disse lu trattore:

“Scansate, cu passu,

va’ retirate, rebbambitu,

caru miu cavaddhu,

ormai tu si’ finitu.

Sotta a quistu cofanu

de cavaddhi tegnu centu!.

mi parenu trecentu”.

Lu cavaddhu scunsulatu

torse nasu e musu,

ngucciau la capu affrantu

pe via de dhu vavusu.

Ma lu trattore ancora,

sputandu luta e terra,

“matusa“ li cridau,

“tra pocu schioppi nterra“.

Rispose lu cavaddhu:

“forsi è propriu veru,

tocca me ritiru;

mo’ famme cu me fermu

cu piju respiru“.

Ma tocca cu rispetti

ci t’ave precedutu,

va be’, si’ ncora giovane,

e iu su menzu sciutu“.

Sapessi quanta terra

aggiu aratu iu…!

e sempre gratu fue

lu patrunu miu.

Te auguru longa vita,

cu campi senza affanni,

cu li cavaddhi toi

almeno pe vint’anni“.

“Ma se sta nfannisciu

è ca tegno na certa età,

nu tocca cu me offendi,

tegnu ancora dignità”.

Lu trattore lu scansau,

li fice nu surrisu,

rumbau forte lu mutore,

e disse: è meju se mori ccisu!”

Ma dopu centu metri,

brum… trac… a na botta

lu trattore se fermau…

lu fumu essia de susu e sotta.

Se ngrippara li pistoni,

culava l’oju nivru e maru

lu mutore s’era fusu

senza ripa né riparu.

Lemme lemme lu cavaddhu

rrivau senza nu rumore,

vulia cu li rispunda…

ma poi rise cu lu core.

Cotulandu capu e cuda

mise forte nu respiru

e pe compassione disse:

“Cu nu nzartu mo’ te tiru.

Mo’ pozzu murire ccisu

ma la vita mi dè ragione

ca la superbia è sulu

ignoranza e presunzione”.

 

2002

 

 

 

 

 

 

LU TURDU


“Ma ce t’aggiu fattu,

percè m’hai sparatu?,

m’hai spezzatu n’ala

e sta moru dissanguatu”.

Cull’occhi scardassati,

cu lu core ormai distrutto,

quardava lu cacciatore….

E tremulava tuttu.

“E mo’ ce vo’ faci”,

replicau lu cacciatore,

“la caccia è na passione,

dicimu ca è nu sportu;

tuccava cu ti sparu

e cu te visciu mortu“.

Facendu crande sforzu,

lu turdu, ormai a ncroce,

fissau lu cacciatore

e disse a menza voce:

“Se è veru, comu dici,

ca sparare pe ccidire,

pe tie è na passione,

quarda mentre moru….

rrussisci, scornate

e aggi compassione”.

Sbattiu nu pocu n’ala,

vitte lu celu neru,

apriu poi lu beccu….

E vulau derittu a ncelu.

 

 

2002


Torna su