Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
NOTERELLANDO... Costume e malcostume 8. Cave Dominum... PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Antonio Mele/Melanton   
Martedì 17 Marzo 2015 07:27

[“Il Galatino” anno XLVIII n. 3 del 13 febbraio 2015]

 

Ci avete fatto caso?...

Ma sì che ci avete fatto caso! Come si fa a non notare quella che ormai è un’autentica invasione (e fors’anche inflazione) degli “amici a quattro zampe”, soprattutto cani, cagnolini e cagnoloni?...

Siamo circondati. Essi cani (peraltro incolpevoli, poiché scontano gli eccessi dei loro padroni) sono ormai ovunque: per strada, sulle spiagge, d’inverno come d’estate, nei giardini pubblici e privati, affacciati con tanto di lingua pendula e insalivata, e digrignando i denti (canini, ovviamente) dai balconi e dai terrazzini di casa oppure dai finestrini delle automobili, dove sono messi forzosamente in mostra con una certa goduria. Le quali automobili, a loro volta – in specie nei giorni prefestivi e festivi –, guidate con magistrale nonchalance, ciondolano ostinatamente su e giù per il corso in cerca del nulla, scartando di tanto in tanto qualche avventuroso pedone, quindi lampeggiando, strombettando appena (per non disturbare il volume non proprio soft dell’autoradio di bordo), ruotando pigramente attorno alle rotatorie (...che l’hanno messe a fare, sennò?), e finalmente – qualora trovino, beninteso, uno straccio di posto libero per parcheggiare – calando alla conquista dei marciapiedi, insieme al loro cagnolino o cagnolone, che non vedeva l’ora di farla da tutte le parti.

E infatti la fa. Un po’ qua e un po’ là. Sotto lo sguardo vigile del padrone e/o della padrona che, sempre con nonchalance, ma stavolta anche con rara perizia di attori consumati, recitano la parte del perfetto non-vedente, non-udente, e non-me-ne-frega-niente. Pulire o raccogliere il bisognino? Ma che bisognino c’è, scusi?

Peraltro, essendo diventata una moda smodata, e di conseguenza uno status-symbol che più symbol non si può, possedere un solo cane è quasi da miserabili. Ce ne vogliono almeno due. E se proprio non vogliamo rischiare d’essere guardati con sufficienza, il numero tre, come sempre, sarebbe quello perfetto: un Bull Terrier, che gli esperti considerano il gladiatore delle razze canine, un massiccio Pastore Tedesco o Maremmano, e un caracollante Bassottino nano potrebbero essere sufficienti per cominciare a vivere decorosamente la nostra nuova vita... Se poi vogliamo aggiungere un Volpino bianchissimo e vaporoso, che attira di solito le belle signore, ma sì: aggiungiamolo pure! Vuoi mettere sedici zampe contro dodici?! Senza contare quelle del padrone, naturalmente...

*          *         *

Affinché non si pensi, indebitamente, che io non ami i cani o altri animali, dirò che ho trascorso la mia infanzia e adolescenza in casa di mia nonna Anna a Galatina, circondato da ben quattro cani da caccia, che per lo meno avevano un mestiere, e si guadagnavano da vivere (Diana, una setter bianca, di proprietà di mio padre; Tom e Bebi, che erano i due bracchi di zio Nino; e Fanny, un altro setter, fulvo, di zio Pippi); mentre a Sogliano – dove stavamo un paio di mesi in estate, fino alla vendemmia – la zia Carmeluccia, che ci ospitava, aveva un ricchissimo pollaio, vari conigli, due papere, una capretta, una bastardina nera di nome Margò (che abbaiava ai trainieri, per sentirli schioccare la frusta o lu scurisciatu che dir si voglia), gatti a profusione, e tutti gli animali non domestici che in quel paradiso terrestre villeggiavano in libertà: dalle lucertole ai gechi alle api ai colombi alle gazze, e fino a qualche volpe avventurosa… A Roma, infine, abbiamo avuto in casa (ma il loro regno era il terrazzo fiorito) due gatti stupendi – Leo, poi Mela –, che per più di vent’anni ci hanno insegnato miliardi di belle cose.

Insomma, a parte le zanzare, gli alligatori, i seccatori, e pochi altri, ho simpatie per tutti gli esseri viventi del creato.

Con qualche riserva per il genere umano (me compreso, naturalmente, pur dandomi da me di tanto in tanto qualche tiratina d’orecchi), quando finiamo col prendere strade sbagliate, che portano a imbarazzanti aberrazioni o addirittura smarrendo quel senso profondamente etico di civiltà, da tenere invece sempre a lucido, per poterlo passare ai nostri figli possibilmente migliorato da come l’abbiamo avuto dai nostri padri.

Ergo: amo i cani e non guardo in cagnesco nessuno.

Tuttavia, non posso fare a meno di notare come oggi – ormai troppo diffusamente – si ostenti il proprio “Fido” come segno vanesio di prestigio e di sterile esibizionismo. Alla benedizione degli animali a Novoli, durante la festa di sant’Antonio abate, c’erano quest’anno più cani che cristiani. Salvo poi a far soffrire la bestia o ad abbandonarla al suo destino, quando la vanità del padrone o della padrona si esaurisce.

Che il cane sia sempre il migliore amico dell’uomo è ancora sicuramente vero.

Quello che forse non è più sicuro è che sia vero lo stesso concetto a parti invertite.

Al punto che il vecchio monito latino Cave canem (Attenti al cane) andrebbe forse aggiornato e/o completato con Cave dominum (Attenti al padrone). Alla prossima.


Torna su