Programma di Novembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Martedì 5 Novembre, ore 17,45 sala Contaldo : cineforum Belle. La ragazza del dipinto, a cura di Roberta Lisi   Giovedì 7 novembre, ore 17, Lecce,... Leggi tutto...
Si ricomincia...
Dopo la pausa estiva, interrotta dall'Open Day che come sempre ci ha permesso di incontrarci e presentare le nostre attività ad amici e soci vecchi e nuovi, il nostro anno accademico 2019-20 ha... Leggi tutto...
Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
I marziani siamo noi – (30 settembre 2015) PDF Stampa E-mail
Ecologia
Scritto da Ferdinando Boero   
Giovedì 01 Ottobre 2015 20:05

[“Nuovo Quotidiano di Puglia” di mercoledì 30 settembre 2015]

 

Qualche giorno fa Stephen Hawking, grande astrostar, ci informa che stiamo distruggendo la Terra e che, per sopravvivere, dovremo abbandonarla e trasferirci su altri pianeti. Proprio una bella pensata. Dopo aver massacrato questo pianeta, togliamo il disturbo e andiamo a cercarne un altro. Dove faremo la stessa cosa.

Siamo noi la specie “cattiva” che spreme i pianeti e gli esseri che li abitano, altro che i tripodi della Guerra dei Mondi. Altro che Marziani di Mars Attacks. Così stiamo cercando pianeti abitabili. E è notizia di questi giorni che su Marte pare che ci sia l’acqua. Bé, non proprio, ma qualcosa che le assomiglia. E subito parte il sillogismo: perché ci sia vita ci deve essere acqua, e quindi se c’è acqua c’è vita. Me lo diceva sempre mia nonna: le bestie non credono in Dio, chi non crede in Dio è una bestia. Vai a spiegare la logica a mia nonna. Però gli astrofisici non dovrebbero parlare come mia nonna, no?
La NASA ci ha informato di recente che tutti gli avvistamenti di astronavi, e le autopsie di alieni atterrati a Roswell erano bufale. Le mettevano in giro, e poi le negavano. E i polli dicevano: vedi? ce lo tengono nascosto! Ma il fatto che lo neghino significa che è vero. Poi qualche frammento di informazione trapelava. Subito smentita. E i polli dicevano: non ci fregate… ecco, ci sono i marziani. Inutile negare. Si sono scritti fior di articoli su tracce di vita molecolare (qualunque cosa significhi) identificata in un meteorite caduto sulla terra e proveniente da Marte.

Poi si è detto che si trattava di una contaminazione terrestre. Ma intanto i fondi per le missioni marziane erano stati stanziati. Tra poco il sistema della ricerca italiana sarà valutato e sarà valutata anche la terza missione: i rapporti con il pubblico. Molta ricerca scientifica viene svolta con fondi pubblici, e il pubblico deve sapere come gli scienziati spendono i suoi soldi. I ricercatori spaziali conoscono alla perfezione i meccanismi della comunicazione e riescono sempre a finire in prima pagina. Basta spararle molto grosse. Come si fa a non finanziare ricerche così? Altri ricercatori sono meno smaliziati. Sul pianeta Terra si calcola che ci siano circa otto milioni di specie. Ne conosciamo a malapena due milioni. Sono queste specie a formare la biodiversità. Ed è la biodiversità che fa funzionare gli ecosistemi che ci permettono di vivere. Dovremmo sapere a menadito come funzionano, e invece investiamo pochissimo in questa direzione. Poi arriva un furbacchione che ci dice che va bene così. Inutile salvare il pianeta, ormai. Andiamo a cercarne un altro. E un altro furbacchione ci dice che c’è l’acqua su Marte. Due più due fa ventidue: andiamo su Marte. Lì sì che vivremo bene. Intendiamoci, sarei un idiota a negare la validità della ricerca spaziale, basta guardare quanta innovazione tecnologica ha sviluppato. Impiegandola proprio per salvaguardare gli ambienti terrestri. Mi chiedo però: è davvero necessario trasformare la scienza in un talk show? Dobbiamo davvero fare a gara a chi la spara più grossa? Bene, cominciamo: se continueremo le ricerche su Turritopsis, la medusa immortale, diventeremo tutti immortali. Date tanti soldi a noi medusologi e risolveremo tutti i problemi. Siamo a un passo dallo svelare il segreto dell’immortalità. È abbastanza grossa?


Torna su