Programma di Dicembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Lunedì 2 dicembre, sala Contaldo, ore 18,00: prof. Vincenzo Mello, Myflor e Flormart 2019: Orto-Floro-Vivaismo internazionale. Venerdì 6 dicembre, sala... Leggi tutto...
Programma di Novembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Martedì 5 Novembre, ore 17,45 sala Contaldo : cineforum Belle. La ragazza del dipinto, a cura di Roberta Lisi   Giovedì 7 novembre, ore 17, Lecce,... Leggi tutto...
Si ricomincia...
Dopo la pausa estiva, interrotta dall'Open Day che come sempre ci ha permesso di incontrarci e presentare le nostre attività ad amici e soci vecchi e nuovi, il nostro anno accademico 2019-20 ha... Leggi tutto...
Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Serie A o serie B per l’Università del Salento? – (11 ottobre 2015) PDF Stampa E-mail
Universitaria
Scritto da Ferdinando Boero   
Lunedì 12 Ottobre 2015 06:42

[“Nuovo Quotidiano di Puglia” di domenica 11 ottobre 2015]

 

I commenti di Guglielmo Forges Davanzati e di Stefano Cristante alimentano la discussione su dove indirizzare la nostra Università. I sistemi di valutazione siano migliorabili: d’accordo su tutta la linea per le critiche. Ma si devono proporre sistemi alternativi di valutazione. Perché la valutazione ci deve essere. Ci sono differenze tra aree culturali, e le loro aree sono più colpite da mancanza di standardizzazione rispetto ad altre. Non facciamo di ogni erba un fascio. Le famiglie si devono mobilitare per salvare la qualità della nostra Università: benissimo. Ma in cosa deve consistere la mobilitazione? Le valutazioni tendono a identificare Università di serie A e B. Dobbiamo chiedere di essere di serie A anche se siamo di serie B? Non riesco a capire. Nelle Università di serie A, in molti paesi, si insegna e si fa ricerca. In quelle di serie B si insegna soltanto. Le Università di serie A hanno i dottorati di ricerca e i laboratori. Quelle di serie B no. Sono come un liceo. Fino a poco tempo fa tutte le Università italiane erano considerate in A, anche a fronte di risultati da B. Con le valutazioni le differenze iniziano ad evidenziarsi, e si è iniziato a poter vedere (anche se in modo imperfetto, come giustamente denuncia Forges Davanzati) che ci sono diversi livelli nella qualità della ricerca universitaria. Le valutazioni mostrano che ogni Università ha un’area A e un’area B. Se un’Università ha una valutazione disastrosa in molti settori, e questo è successo anche da noi, con strutture risultate ultime in Italia (a fianco di aree risultate prime), è ovvio che ci sarà una difesa delle posizioni che, prima, erano indiscusse, visto che eravamo tutti A. E se la maggioranza è in B, darà addosso a chi è A, visto che in democrazia vince la maggioranza. La vittoria è però effimera: mantenere livelli di serie B facendo finta di essere di serie A porta al declassamento dell’Università, e alla fuga degli studenti. Sentire in conferenza di Ateneo un Direttore di Dipartimento dire che i Nobel magari non sanno insegnare fa venire i brividi. Il messaggio è: la ricerca non conta niente, basta insegnare bene. Se questa è la strada, il nostro destino è segnato: saremo declassati a università di serie B, dove si insegna soltanto. Non credo sia questo che le famiglie vogliono. E ce lo dicono, mandando i loro figli in altre Università.

Abbiamo le risorse per uscire dal pantano. Abbiamo l’Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare, con un enorme edificio per gli alloggi. Va agganciato alle lauree magistrali, facendo sapere all’Italia intera, e non solo, che esistono Lauree Magistrali di alto livello presso il nostro ateneo. Queste si identificano attraverso i risultati ottenuti e, se le valutazioni non sono sufficientemente accurate, come denunciano sia Forges Davanzati sia Cristante per le aree di loro competenza e portando casi personali, migliorandole in tutti i modi possibili. Questa deve diventare l’offerta didattica di serie A, basata su solida ricerca scientifica, e deve attirare i migliori studenti, da tutta Italia e non solo. Li deve attirare con le selezioni ISUFI, visto che i selezionati potranno seguire i corsi senza pagare, avendo vitto e alloggio gratuiti. E una piccola borsa. Avendo la possibilità di conseguire un dottorato. Se l’iniziativa sarà opportunamente promossa, porterà la nostra Università in primo piano in Italia. E si inizierà a modificare lo stato reputazionale dell’istituzione. Poi si deve lavorare per alzare il livello di chi può “farcela” a fare una Magistrale di alto livello ma ha ancora qualche carenza. C’è un solo modo per farlo: incentivare il merito. Le Lauree Triennali appartengono all’area di solo insegnamento, in cui far operare soprattutto chi non ha buone valutazioni nel campo della ricerca. Innescando nel frattempo processi di forte premialità per ogni avanzamento qualitativo di chi ancora non è in serie A. Il piano di riordino deve essere negoziato a livello ministeriale. Non tagliateci le risorse, promettiamo di innescare processi virtuosi. Valutateci periodicamente e verificate se stiamo migliorando oppure no. Lo scoppio della bolla studentesca (da trentamila a ventimila studenti a causa di un dissennato aumento dell’offerta formativa, poi sgonfiatosi) e l’imminente scoppio della bolla edilizia (abbiamo costruito per centinaia di milioni di euro e ora non sappiamo come mantenere il patrimonio realizzato) stanno portando al calo di finanziamenti: corriamo il rischio di perire. O si innescano processi di risanamento radicale, o saremo declassati pesantemente. E l’Università sarà solo un ammortizzatore sociale per chi non può permettersi un’istruzione di serie A e non ha prospettive di lavoro: un parcheggio per disoccupati. Se questa è la strategia, è bene che le famiglie lo sappiano. E’ questo che vogliono dalla loro Università? Ha ragione Cristante: lo stato ha bloccato lo stipendio dei professori universitari. Prima, ogni due anni, avevamo diritto ad un aumento stipendiale. Automatico. Ora lo hanno tolto a tutti. Che siano produttivi o no. E’ una profonda ingiustizia, come era prima una profonda ingiustizia darlo a tutti. L’incentivazione del merito è anche questo: produci bene? contribuisci al punteggio della tua Università con le valutazioni del tuo operato? Avrai lo scatto stipendiale! La tua valutazione è bassa? Magari la integro con altre valutazioni più mirate, ma se rimane bassa…niente scatto stipendiale! Per protestare contro il blocco degli scatti automatici, alcuni docenti stanno proponendo di non sottoporsi a valutazione, capitanati da chi ha ottimi risultati e ritiene ingiusto venire penalizzato. Sul carro dei meritevoli puniti salgono molti che vogliono solo non essere valutati, e che restano in silenzio perfetto. Se ci sottrarremo alle valutazioni la nostra Università finirà ancora più in basso nelle classifiche nazionali. Nel frattempo si propone di aprire nuovi corsi di laurea, per attirare più studenti, in modo da ricevere più soldi dal Ministero. Ma siamo davvero sicuri che verranno, a fronte di valutazioni scadenti? La strada da intraprendere, secondo me, è un’altra. Ci vorrà del tempo, si deve innescare una inversione di tendenza al miglioramento che non si otterrà da un giorno all’altro. Ma abbiamo l’ISUFI e abbiamo una buona base qualitativa in diversi settori. Altri sono in condizione di migliorare. Bisogna guardare molto bene le credenziali scientifiche di chi fa proposte, per valutarne la credibilità. Se chi propone ha valutazioni basse, è pensabile che non persegua strategie virtuose. Noi siamo quello che abbiamo fatto, non quello che promettiamo di fare. Che ogni settore dica quali criteri adottare, se i criteri correnti non vanno bene, ma non si può pensare che siamo davvero tutti uguali. Non lo siamo, come non lo sono i giocatori di calcio: non si può pensare di vincere un campionato di serie A con una squadra di serie B. Lasciando in panchina i giocatori di serie A.

 


Torna su