Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Nel giardino dell’Eden 1 PDF Stampa E-mail
Ecologia
Scritto da Ferdinando Boero   
Domenica 06 Marzo 2011 08:26

[Si pubblicano in questa rubrica, per concessione dell'autore, gli scritti di Ferdinando Boero già editi negli ultimi due anni sul "Quotidiano" di Lecce].

Introduzione: Se vuoi la Pace custodisci lAmbiente


Il Pontefice ha finito e iniziato l’anno [2009-2010] parlando di Pace. Tutti dicono che vogliono la pace. Il problema è: come ottenerla? I romani dicevano: se vuoi la pace prepara la guerra. Questa filosofia ha avuto molto successo. E ne ha anche oggi. Barack Obama ha ricevuto il Nobel per la Pace dicendo che la pace deve essere difesa anche con guerre giuste. Non c’erano ragionamenti da fare con i popoli impazziti che pensavano di dominare il mondo spazzando via tutti i loro avversari. I popoli: se ci fossero state libere elezioni, fuhrer, dittatori e imperatori avrebbero sicuramente ottenuto un plebiscito popolare. E quindi grazie America per averci liberato dalla nostra follia. Ci sono guerre giuste. Ma sono come un intervento chirurgico, si fa, ma poi bisogna tenere uno stile di vita che porti alla guarigione. Come promuovere la Pace, allora?, in modo che la Guerra non sia più necessaria per mantenerla?

Giovanni Paolo II introdusse il tema della Giustizia. Non c’è Pace se non c'’è Giustizia. Se popoli muoiono di fame e altri popoli muoiono di sovralimentazione, la divisione delle risorse del mondo è ingiusta. Gli affamati saranno sempre un focolaio di guerra. Lo diceva anche Marx. Giustizia allora. Se vuoi la Pace promuovi la Giustizia. Nella seconda parte del suo pontificato, Giovanni Paolo II ha iniziato a parlare di ambiente, e ha lanciato moniti terribili all'’Uomo: La Natura si ribellerà! L’Uomo pensa di dominarla, di piegarla al suo volere e ai suoi capricci. Ma Lei, la Natura, si ribellerà. Benedetto XVI non usa molto la parola Natura, usa la parola Creato. Ma è la stessa cosa. Il Creato, il Giardino dell’'Eden, sono la nostra casa. Se vuoi custodire la Pace, custodisci il Creato. Il Papa parla di ecologia, di biodiversità (le creature), identificando un nesso strettissimo tra l'’Uomo e il Creato. Ecologia è lo studio della casa, della nostra casa, della natura. Se non si rispetta il Creato non ci può essere Pace. Perché la distruzione del Creato ci porterà alla rovina e alle guerre. Combatteremo per l’'acqua, si dice. Ora combattiamo per il petrolio. Ma senza petrolio si può vivere, senz’'acqua no. Quando avremo sconvolto l'’ambiente a tal punto da non avere l'’acqua, per quella risorsa combatteremo. La desertificazione che avanza è un forte avvertimento, e solo gli sciocchi possono dire: ma se ci sono le alluvioni! Il clima è cambiato, ci sono gravi siccità e poi ci sono le alluvioni. Ed è sempre più evidente che la responsabilità di tutto questo è nostra. Stiamo abusando del pianeta. Bonifichiamo le paludi, ma poi l’'acqua torna. E tutto frana.

Nella Costituzione non esiste la parola Natura. Non c’erano problemi più grandi, allora, che uscire dalla guerra. Il lavoro è la base della nostra Costituzione, e l'Uomo è al centro. Siamo usciti dal bisogno, ora possiamo guardare con freddezza e distacco al mondo. E allora capiamo prima che c’è il problema della Giustizia per tutti i popoli, non solo per il nostro. E poi, ancora, ci accorgiamo che non possiamo vivere ripiegati su noi stessi. Noi viviamo perché il pianeta vive. Se uccidiamo il resto della Natura, la Natura si ribellerà. E combatteremo tra noi per raschiare il fondo del suo barile. Il cerchio si chiude. Se vuoi la Pace rispetta il tuo prossimo (la Giustizia) e rispetta la Natura (l'’Ecologia). La Guerra è chirurgia, ma Giustizia e Ecologia sono il modo per non averne bisogno. Lo hanno capito in molti, non a caso il Premio Nobel per la Pace è andato anche ad Al Gore, che ha fatto dell’'Ecologia la sua bandiera. Darwin ha rimesso l’'Uomo nella Natura. Non al centro di essa, come dominatore, ma come parte di essa. Darwin ci ha insegnato l'’umiltà in modo scientifico. A centocinquant'’anni dalla pubblicazione dell’'Origine delle Specie, scienza e religione si incontrano e ci dicono la stessa cosa. Forse il conflitto è finito. Il Papa dice che bisogna insistere sull'’educazione tesa alla responsabilità ecologica, oltre alle nozioni tecniche e scientifiche. Non c’'è Natura nei nostri curricula scolastici. Non abbastanza. Intanto, in Italia, i ricercatori che si occupano di ambiente sono sui tetti dei loro istituti. Licenziati. Continuiamo a non capire, a non ascoltare. Nessun politico cristiano riprende le parole del Papa, nessun politico laico riprende quelle di Darwin, di Marx parla Tremonti, meno male. Intanto la Natura si sta ribellando. Il futuro preconizzato da Giovanni Paolo II è ora!

Ironia della sorte, Napolitano, nel suo discorso di fine d'anno, parla di ambiente solo perché ne ha parlato il Papa. Il suo discorso è ancora legato alle visioni che hanno portato alla nostra Costituzione, dove la Natura non ha dimora. Idee e visioni importantissime, le sue, ma decontestualizzate. Il Papa, i Papi, sono più avanti. Giustizia e Ambiente sono la chiave di volta del vivere moderno. Senza tener conto di questo, non usciremo da questo periodo buio. Non sono concetti di destra o di sinistra, non hanno colore politico. Sono valori assoluti, che regolano il nostro vivere come animali sociali (la Giustizia) e il nostro essere parte della Natura (l'Ecologia).

 

Quei capodogli siamo noi


Il mare della Puglia ha lasciato [il 10 dicembre 2009], sulla costa del Gargano, nove capodogli. Non è la prima volta. Nel Museo di Biologia Marina di Porto Cesareo ci sono le vertebre di un capodoglio spiaggiato lungo le nostre coste negli anni Sessanta. Ogni tanto avviene. E ci sorprendiamo che nel nostro mare ci siano creature mitiche. Moby Dick era un capodoglio. E Melville lo dipinge come un mostro che uccide e che deve essere ucciso. Quanto è cambiata la nostra cultura. Oggi i mostri ci fanno pena, e tifiamo per loro. Oggi San Giorgio che uccide il drago sarebbe un criminale. E il drago sarebbe l’emblema di qualche associazione ambientalista. Per fortuna la cultura evolve. Giorni fa il Pontefice ha detto che chi distrugge l’ambiente è un terrorista. Parole molto forti, che aprono all’anno della biodiversità, il 2010.

Viaggiando tra Otranto e Leuca, vediamo uno dei tratti di costa più belli del nostro Paese. Scogliere a picco sul mare e, d’inverno, lo spettacolo del mare che frange è drammatico e nello stesso tempo bellissimo. Non si può restare indifferenti. Ma in quel mare ci sono cose che forse ancora non apprezziamo. Come quei nove “mostri” che saranno senz’altro passati da lì. Oggi non li uccidiamo più ma, in compenso, li facciamo morire. La differenza è sottile. I mostri del Gargano avevano gli stomaci pieni di rifiuti, plastica e vetro, dicono le prime autopsie. I capodogli scendono nelle profondità del mare e, con la mascella inferiore armata di grandi denti, “arano” il fondo per catturare i calamari giganti che abitano gli abissi marini. Hanno gli occhi piccoli, i capodogli. Non vedono quel che la loro bocca scova sul fondo. Se trovano qualcosa la mangiano. Perché sanno che il fondo del mare è ricco di cose buone, per loro. Ho usato il presente, ma avrei dovuto dire “era ricco di cose buone”. Oggi sul fondo del mare c’è la plastica. E i mostri mangiano la plastica. Fino a quando i loro stomaci si ostruiscono. Forse non saranno morti per quello, tutti assieme. Forse saranno stati disturbati da qualche sonar, o avranno un morbo che li disorienta. I grandi cetacei spiaggiano un po’ in tutto il mondo, e questo avviene da sempre, da prima che la plastica venisse lasciata cadere in massa negli abissi marini. Quel che è certo è che ora hanno un motivo in più per perdere la vita.

Assieme ad Anna Miglietta, sono responsabile del Museo di Biologia Marina di Porto Cesareo. Se venite a vederlo, incontrerete lo squalo elefante. Un gigante buono che mangia il plancton. E’ un piccolo, ed è lungo otto metri. I bambini entrano nella sua sala e lo guardano a bocca aperta. Increduli che nel mare in cui nuotano d’estate ci siano animali del genere. Quando entrano nella Sala della Pesca vedono un pesce luna di due metri. Anche lui pescato a Porto Cesareo. E la tartaruga liuto, anche lei di due metri. Anche lei incappata nelle reti dei pescatori che, poi, la portarono al Museo. Non sembra vero che ci siano animali così. Non nei nostri mari. Li vediamo alla televisione e li associamo a mari lontani, ci sembra che non sia possibile che anche da noi il mare riservi queste sorprese.

Questi bestioni sono la cosiddetta fauna carismatica. Sono l’emblema della biodiversità. Quando li vediamo ci emozioniamo, hanno carisma. Le specie che abitano il nostro mare, e tutti i mari, sono milioni. Molte sono piccole, o piccolissime. Magari le calpestiamo quando camminiamo sulla sabbia e non ci accorgiamo della loro esistenza. I bestioni carismatici ci ricordano che esiste la natura e aprono la via alla conoscenza della biodiversità. I bimbi che guardano lo squalo chiedono se quella grande bocca può mangiarli. E imparano che quel gigante mangia piccoli animaletti sospesi nell’acqua, il plancton. E cominciano a capire l’intrico di relazioni che governa il funzionamento del nostro mare. I capodogli, gli squali, le tartarughe, vivono perché il mare è ricco. Se sono presenti testimoniano che ancora c’è vita, che la vita è rigogliosa. Se muoiono ci avvertono che c’è qualcosa che non va. E magari ci dicono che siamo anche noi responsabili della loro morte. Li uccidiamo con piccoli gesti, lasciando in giro le buste di plastica, o altri rifiuti, le lattine, le bottiglie. E poi li uccidiamo con le nostre industrie, con i veleni che produciamo.

Siamo tutti amanti della natura, a parole. E lo siamo molto più oggi di quanto non lo siamo mai stati. O forse no. Perché nella Genesi il Creatore ci affida un unico compito: dare il nome agli animali. Dare il nome significa conoscere. E nel Giardino dell’Eden la natura deve essere coltivata e custodita. Dobbiamo prendere dalla Natura, è nella nostra natura. Ma la dobbiamo rispettare e, per rispettarla, dobbiamo conoscerla. Giovanni Paolo II, un giorno, disse che, per lui, il frutto proibito deve essere interpretato anche come un limite posto dal Creatore al nostro uso del Giardino. Potevamo prendere QUASI tutto, ma non tutto. La cacciata dall’Eden è avvenuta perché abbiamo superato quel limite, e abbiamo voluto tutto. È strano, persino per un credente, vedere quanta premonizione ci sia in queste immagini bibliche. Quanto si applichino alle vicende di oggi. Giovanni Paolo II lanciò un altro ammonimento: la Natura si ribellerà!

Noi pensiamo di poterla dominare, di poter fare quel che ci pare. E alcuni hanno letto nella Bibbia una giustificazione del nostro uso del Giardino. La Natura è lì perché noi possiamo trarne vantaggio. È vero, ma non dobbiamo abusare di lei. Stiamo abusando. Ce lo ricordano anche quei nove mostri, morti lungo le nostre coste. I grandi del mondo si riuniscono per decidere del futuro del Pianeta. Ma al rispetto per la natura, vengono fatte prevalere le leggi dell’economia. E pochi ricordano che le leggi della Natura sono superiori rispetto alle leggi dell’economia. Come si può essere così folli da pensare che le nostre leggi siano superiori alle leggi della Natura? Ci stiamo mettendo fuori della Natura e, così facendo, ci troviamo soli a fronteggiarla.

La nostra specie non può vivere senza il resto della Natura. Non possiamo pensare di abbattere tutte le foreste per farne dei campi coltivati. Non possiamo pensare di prendere tutti i pesci del mare. Poi non resterà più nulla.

Se si guarda il mare da lontano, dalle scogliere di Otranto, tutto sembra sempre uguale. Sembra che sia difficile, per noi, rovinare quella maestosità, e invece possiamo. Con piccoli gesti e con grandi scelte.

Oggi tutto si sta radicalizzando. E sembra che difendere l’ambiente sia una posizione di sinistra, retrograda, mentre chiedere il “progresso” sia una posizione di destra. Chi dice che il clima si sta deteriorando è di sinistra, e quindi se si è di destra bisogna negarlo. I Papi sono di sinistra? La Bibbia è di sinistra? Non c’è destra e non c’è sinistra. I capodogli non sono né di destra né di sinistra. Gli economisti ci dicono che tutto deve crescere. Sia quelli di destra, sia quelli di sinistra. Lo prevedono le leggi dell’economia. Le leggi della Natura dicono che non è possibile la crescita infinita in un mondo finito. La Natura è di sinistra? Ma poi i più grandi distruttori della natura sono stati i governanti dell’Unione Sovietica e, oggi, quelli della Cina. Invidiamo la crescita della Cina e siamo tanto ciechi da non vedere che quella crescita si paga con la distruzione dell’ambiente. Vorremmo poter crescere anche noi così.

La Natura ci insegna che le specie a crescita tumultuosa vanno incontro a tracolli drammatici (come le zanzare) mentre altre specie crescono fino a un certo punto, e poi alla crescita segue la stabilità, come avviene per i grandi alberi delle foreste. Noi abbiamo il libero arbitrio, e possiamo scegliere. Possiamo scegliere la crescita tumultuosa, ma dobbiamo sapere che poi dovremo fronteggiare tracolli altrettanto tumultuosi. Oppure possiamo scegliere la stabilità. Le altre specie non sanno, ed è la selezione naturale ad governarle. Noi sappiamo, e possiamo scegliere. Possiamo scegliere perché, a differenza di tutte le altre specie, il Creatore ci ha regalato la possibilità di dare il nome agli animali, ci ha dato la possibilità di conoscere. Io, veramente, non sono credente. Ma mi piace moltissimo questa immagine. Dovrebbe mettere tutti d’accordo, perché porta alla stessa conclusione sia quelli che ragionano con la scienza sia quelli che ragionano con la fede. Se mi si chiede la mia posizione, io sono un relativista. Perché non credo nelle verità assolute. Ma questa mi pare una verità assoluta: le leggi inventate dall’uomo non possono superare le leggi della Natura. Spetta a noi trovarle, spetta a noi interpretarle e rispettarle.

L’uomo non ha mai saputo così tanto, non è mai stato così potente, e carico di informazioni. Ma le informazioni sono conoscenza, e la conoscenza non è saggezza.

Voi state leggendo un giornale e, di solito, sono gli economisti a dire a tutti quel che si deve fare. Espongono le loro leggi e le propongono come verità assolute. È molto raro che chi si occupa di ambiente abbia lo stesso seguito, e la stessa considerazione. Se il Ministro dell’Economia dice una cosa e il Ministro dell’Ambiente ne dice un’altra, vince il ministro dell’Economia.

È sbagliato!

A patto che il Ministro dell’Ambiente sia una persona responsabile. Ma se anche il Ministro dell’Economia è una persona responsabile, dovrebbe capire che le leggi della Natura sono superiori a quelle dell’economia.

Nella nostra Costituzione non esiste la parola Natura. Non fa parte dei nostri valori fondanti. I Padri Costituenti avevano altri problemi, e non si possono denigrare per questo. A quei tempi i capodogli erano ancora mostri. Ma oggi non lo sono più. La cura del nostro ambiente, il rispetto Francescano dei viventi, devono entrare nella nostra cultura. Perché ancora non ci sono. I programmi delle scuole non lo insegnano. E noi guardiamo dalle scogliere ma non capiamo quel che vediamo, e quando qualcosa di quel mondo finisce sulle nostre spiagge, restiamo sorpresi, increduli. Increduli che esistano davvero quelle creature, increduli che siano così vulnerabili, così fragili.

Siamo ancora in tempo, ma dobbiamo capire, dobbiamo imparare a guardare. Il Salento ha fatto passi da gigante in questa direzione. Dieci anni fa le Aree Marine Protette erano viste come una minaccia al progresso e alla libertà, oggi sono viste come un’opportunità di sviluppo. Venti anni fa distruggevamo le nostre scogliere sommerse per prelevare i datteri di mare, perpetrando un disastro ambientale fatto di piccoli gesti: ogni piatto di linguine con i datteri era una martellata sul naso della statua della Natura. Oggi capiamo che la bellezza dei nostri fondali, certificata dall’istituzione delle Aree Marine Protette, è una ricchezza che potrà portare altra ricchezza, a patto che si comprendano i limiti al suo sfruttamento. I limiti non sono limitazioni alla libertà, sono limitazioni alla sopraffazione arbitraria.

Possiamo uccidere i capodogli, o farli morire. Possiamo distruggere le nostre coste, cementificarle e portualizzarle, in nome del progresso economico. Ma poi perché verranno a trovarci? Per gli alberghi? Per i porti? La costa tra Otranto e Leuca ha una valenza ambientale grandissima, perché lungo gran parte di quella costa non c’è niente. Niente. A parte la Natura. Il fatto che non ci sia niente è un patrimonio grandissimo e lo dobbiamo salvaguardare. Se riempiremo quel litorale di strutture recettive avremo distrutto la gallina dalle uova d’oro. Avremo un bell’arrosto, e niente più uova. D’oro. Cosa è “progresso”?

Nella nostra Costituzione c’è la parola Paesaggio. Inteso come “bel panorama”. La costa tra Otranto e Leuca è un bellissimo paesaggio, e i panorami sono stupendi. Dobbiamo salvaguardarli dallo scempio speculativo. Ma non basta. Dentro i paesaggi vivono le specie, la biodiversità. Ne fanno parte. Dai datteri di mare ai capodogli. Quando guardiamo quel panorama dobbiamo sapere che “dentro” ci sono i nostri compagni di viaggio, anche se di solito non li vediamo. La sorpresa di questi giorni, di fronte ai nove mostri, ormai buoni, e non perché morti, denota la nostra ignoranza. Sarebbe come sorprendersi se, da una scuola, a un certo punto uscisse una folla di bambini. La conoscenza della Natura, nonostante gli imperativi biblici, non fa parte della nostra Cultura. Ed è questo limite culturale che ci porta a violentare la Natura, perché non siamo ancora preparati a comprenderla. La formazione di una nuova Cultura, affiancata a quella delle poesie e delle formule, dovrebbe diventare una missione per il nostro sistema scolastico. La nostra Università cerca di dare il suo contributo con il piccolo Museo di Biologia Marina di Porto Cesareo. Ogni anno visitato da undicimila persone, di cui la metà sono studenti. Abbiamo scelto di mostrare i grandi animali carismatici perché i visitatori restano fortissimamente colpiti dall’incontrarli. Come è successo con i capodogli del Gargano. I bimbi degli asili infantili “parlano” con il loro sguardo. Probabilmente quel mostro di otto metri sarà il primo ricordo della loro vita. Probabilmente quell’incontro li segnerà per tutta la vita, e diventeranno cittadini migliori, anche se andranno a dirigere una fabbrica potenzialmente inquinante. La bellezza di quelle forme meravigliose, come le chiamò Darwin, resterà per sempre con loro, e li ammonirà. Non con dotti discorsi scientifico tecnici, come quelli che potrei fare io, e che annoierebbero tutti i lettori. Ma con il sentimento che far morire i mostri è male. Che non si deve fare.

Fa parte del nostro patrimonio culturale il pensare che qualcuno si debba sacrificare per favorire gli altri. L’emblema di questo sacrificio è Gesù. Morto per noi, per farci diventare più buoni. Morto perché ucciso. Non vorrei essere frainteso, non dico che quei nove capodogli siano paragonabili a figure sacre. Ma il loro sacrificio non sarà inutile se rinforzerà il nostro senso di responsabilità verso la Natura, sembrano quasi un segno nei giorni in cui i grandi del mondo decidono, a Copenhagen, se privilegiare la crescita economica o il bene della Natura.

Torniamo sulle nostre scogliere, allora, e guardiamo il mare con altri occhi. Non sorprendiamoci dei suoi esseri, sorprendiamoci se non ce ne sono più. Se muoiono inutilmente.

La cacciata dall’Eden coincide con la condanna al lavoro. Nel Giardino non dovevamo lavorare, bastava allungare una mano per cogliere i frutti della Natura. Quello stato rappresenta davvero un periodo della nostra storia, quando eravamo cacciatori e raccoglitori. Ora siamo agricoltori e allevatori, e lo siamo perché la Natura non può più offrirci quel di cui abbiamo bisogno. Dobbiamo forzarla. In mare no. In mare siamo ancora cacciatori, anzi pescatori. Il mare è l’ultimo Eden. Ma abbiamo superato il limite anche nel mare, e stiamo passando dalla pesca all’acquacoltura. Lo stiamo facendo perché ormai i pesci sono sempre più rari. Non bastano più. Abbiamo ricommesso il peccato originale, e il passaggio dalla pesca all’acquacoltura è la cacciata dall’Ultimo Eden. Non ce ne sono altri.

Certamente saremo puntiti se continueremo per questa strada. La Natura si ribellerà. Nella Bibbia ci sono altre immagini. La biodiversità deve proseguire, e l’Arca di Noè rappresenta la sopravvivenza della biodiversità ai disastri provocati dall’uomo. Resta da chiedere: visto che siamo così stupidi, ci sarà posto per noi nella prossima Arca? E ancora, a quanti esseri impediremo di accedere alla prossima Arca?

L’Università del Salento ha anche il Museo dell’Ambiente, diretto da Livio Ruggiero, dove opera il paleontologo Angelo Varola. Angelo ha trovato un antenato del capodoglio, rinchiuso nella pietra leccese. E lo ha tirato fuori. Aveva i denti nelle due mascelle, e non solo in quella inferiore, come i capodogli di oggi. Quei capodogli non ci sono più, si sono estinti. Si sono estinti quando la nostra specie non era ancora arrivata a far guai su questo pianeta. È normale che le specie si estinguano, come è normale che gli individui muoiano. Ma un conto è morire o estinguersi per cause naturali e un altro conto è se la mortalità viene provocata, perché allora si tratta di un delitto. L’evoluzione e l’ecologia ci insegnano lezioni molto forti, e solo alcuni individui (che non voglio qualificare) si ostinano a ignorarle, o addirittura a negarle. Nulla è eterno e immutato. Le specie si estinguono, e altre evolvono, a prendere il loro posto. Come gli antichi capodogli che vivevano nei nostri mari e che ora sono nelle nostre rocce, sostituiti dai capodogli di oggi, che vengono a morire sulle nostre spiagge. Noi non siamo testimoni di questi eventi, noi siamo protagonisti e siamo anche responsabili di quel che avviene oggi. Quei capodogli siamo noi.


Torna su