Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
NOTERELLANDO... Costume e malcostume 22. Che Italia è? Che Italiani siamo? PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Antonio Mele/Melanton   
Domenica 15 Novembre 2015 18:04

["Il Galatino" anno XLVIII n. 18 del 13 novembre 2015]

 

Non mi piace il catastrofismo.

Non mi piace essere fra quelli che puntano il dito sempre e soltanto contro ciò che non va. Un conto è la protesta o lagnanza o disapprovazione a ragion veduta (guidata, quanto meno, da un po’ di spirito propositivo e costruttivo), un altro è il mugugno per il mugugno, come se noi fossimo perfetti e gli altri tutti imbecilli o inetti. Proprio no!

Pur essendo attentamente, e all’occorrenza anche aspramente, critico su alcuni oggettivi misfatti e depravazioni della politica e del costume sociale, mi piace comunque, e mi rallegra perfino, fornendomi speranze e nuove convinzioni, vedere e ricordare che – oltre le cose che non vanno e che vanno migliorate – c’è anche un po’ di bello e di buono, nella gente, nelle istituzioni, nella vita di tutti i giorni.

Certo, in questi tempi così amari e contraddittori che viviamo e soffriamo, gli spiragli di speranza e di luce sono sempre più affievoliti e più rari. Come si fa a disconoscere, ad esempio, che vent’anni dopo Tangentopoli (con la susseguente scesa in campo di nuovi sedicenti ‘salvatori della patria’), la corruzione nel nostro Paese è altrettanto, e forse ancor più, dilagante?

Scrivo queste note fra il 30 e il 31 ottobre anno corrente. Il “Televideo” – che di buon mattino è il mio primo abituale e aggiornatissimo corrispondente – mi passa queste stringate informazioni, che approfondirò con successive letture: Fisco: 65 mila mancate dichiarazioni IVATangenti in appalti-Arresti in SiciliaMessina da giorni senz’acqua Crolla solaio Aversa-Morto un operaioSparatorie a Roma, Napoli, TorinoRagazza 17enne uccide la mamma per le sgridate...

Non proseguo oltre. E anche se viene ironicamente e legittimamente da chiedersi: Ma che Italia è questa?, dico che non bisogna demordere.

Bisogna, anzi, e con sempre maggiore condivisione, difendere e promuovere – ognuno nel proprio ambito – il rispetto delle regole. Partecipando con convinzione e con l’esempio, e non lavandosene pilatescamente le mani, e tirando avanti come se frodi, tangenti, evasioni, corruzioni, ammazzamenti, non fossero affar nostro.

Non intendo, ovviamente, far carico al singolo, delle responsabilità di un ‘sistema’ ampiamente malato e da risanare, e mi rendo altresì conto di promuovere un invito che ad alcuni può apparire risibile e utopistico. Tuttavia, è mio convincimento – suffragato da precisi e costanti riscontri personali – che la singola attenzione responsabile e la partecipazione non semplicemente epidermica alla vita sociale in ogni suo aspetto, è sempre, per quanto apparentemente piccolo, un importante seme virtuoso.

Non essendo, ovviamente, mio intendimento sollecitare un qualsivoglia senso di colpa (semmai, una riflessione cosciente e costruttiva), chiedo anticipatamente scusa a tutti voi che mi leggete per il concetto che sto per esprimere.

Se analizzassimo con onesta fermezza i guasti della nostra società attuale – come fatalmente accade a chi conserva una naturale e serena coscienza civile – riconosceremmo probabilmente, in tale analisi, anche alcune nostre individuali omissioni o distrazioni o indolenze o assuefazioni a certo malcostume (magari anche soltanto minime) che rischiano di diventare rapidamente abitudine. Di solito: ‘cattiva abitudine’...

Quando sono arrivato a Roma, dove risiedo ormai da quasi mezzo secolo (pur “vivendo” sempre e con gioia nella mia Galatina e nel mio Salento), ero un giovanotto di belle speranze. Mi sono inserito presto e soddisfacentemente in quella che – se i tanti guasti più o meno recenti non la mortificheranno ancora – resta pur sempre la più bella capitale del mondo. Erano i tempi in cui tutta l’Italia era anche il più bel Paese del mondo, con le sue straordinarie bellezze paesaggistiche, le città d’arte come Firenze o Venezia o Napoli, e la moda, il cinema, la cucina, i prodotti enogastronomici...

Si direbbe che oggi abbiamo perduto quello smalto, quella fantasia, quella vitalità. E tuttavia, qualche bel fiore spunta ancora, in questo nostro Bel Paese. E a questo desiderio e volontà bisogna ispirarsi.

Non si può, ad esempio, disconoscere il grande e meritato successo dell’Expo 2015 di Milano. Una scommessa stravinta. Un’impresa grandiosa, che agli occhi del mondo ha ridato finalmente un po’ d’immagine e di apprezzamento alla nostra Italietta, della quale dobbiamo ancora andare fieri, forse scegliendo meglio i nostri uomini-guida, ma anche responsabilizzandoci in prima persona come cittadini. Imparando, soprattutto, ad essere più attivi e partecipi. Con i propri diritti, ovviamente. E (altrettanto ovviamente) con i propri doveri.

Resta, infine, da chiedersi perché, e come, siamo arrivati ai brutti estremi di oggi.

È davvero solo e soltanto colpa della politica e del malaffare? Non vorrei farla – a me, prima che a voi, cari Lettori – la domanda che mi risale adesso, e che mi sgomenta, e mi annichilisce, sollecitando tutta la mia compassione di uomo e di genitore: - È solo e soltanto colpa della politica e del malaffare che una figlia adolescente ammazzi con un colpo di pistola la propria madre per essere stata privata del telefonino?

È nostro dovere operare e seminare il meglio possibile. In famiglia e in società.

Meditiamo, amici. Meditiamo un po’ più spesso. Non può farci che bene.


Torna su