Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
NOTERELLANDO… Costume e malcostume 28. Il terminale della Bellezza? PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Antonio Mele/Melanton   
Venerdì 19 Febbraio 2016 06:49

[“Il Galatino” anno XLIX n. 3 del 12 febbraio 2016]

 

Mi addolora moltissimo scriverne. Di quale argomento specifico, lo dirò più avanti.

Mi sanguina davvero il cuore, ma non si possono sminuire – e men che meno sottacere – le sempre più evidenti incongruità e inadeguatezze né l’ignavia di chi dovrebbe essere preposto a controllare e a intervenire di fronte a turpitudini di vario genere, che danneggiano ormai sistematicamente, agli occhi nostri e del mondo, l’immagine delle città e dei luoghi dove viviamo.

Né si possono accantonare le evidenti assenze dei più, comprese quelle di noi stessi: distratti o indolenti cittadini, che sembriamo avere smarrito non dico il senso del dovere civico (merce che si fa sempre più rara), ma neanche la dignità e l’amor proprio per reclamare e ribellarsi alle frequenti e progressive turpitudini, ignoranze, sciatterie, e ai vandalismi (quasi sempre impuniti) che concorrono inevitabilmente, e proditoriamente, a violentare e deturpare la nostra ‘casa comune’: che sia essa Roma, Palermo, Milano o Lecce o Galatina.

Come sanno benissimo gli amici – lettori e non – risiedo da molti anni a Roma. Ma pendolo volentieri, e ora più frequentemente che in passato, tra la Capitale e l’amato Salento. Ci torno ogni volta con la massima gioia, e quasi sempre viaggiando in auto. Un po’ guido io, un po’ Teresa, mia moglie, di sicuro più attenta e concentrata di me, che spesso – e soprattutto quando la meta si fa più vicina – sono portato a incantarmi dal mare, dagli ulivi, dalle masserie sparse nelle campagne, e infine dall’aria, e dalla luce speciale, che solo in questo estremo lembo orientale d’Italia riverbera con riflessi quasi di magia.

Di recente, un mesetto fa, Teresa ed io siamo venuti in treno. Freccia Argento Roma-Lecce, in meno di sei ore.

Oggi non si fanno più i lunghi e tormentati viaggi in treno di una volta. Intanto, i treni sono molto più veloci e sicuri. E poi, non c’è più bisogno di risalirli tutti, vagone per vagone, alla ricerca di un sospirato posto a sedere. Ricordate?  «…Libero?», «No: occupato!». Scompartimento dopo scompartimento riprovavi: «…Libero?», «No: occupato!». Magari, girando e rigirando, uno o due posti liberi ti apparivano come un miraggio, e alla fine li trovavi. Ma trovavi anche un certo tizio dallo sguardo finto-mortificato che, alla tua richiesta, poggiava subito sul sedile una valigia o la giacca, attestando che quel posto, in apparenza libero, era riservato per la vecchia nonna che era andata in bagno, o per il cugino, che era sceso a comprare le sigarette…

Vabbè. Roba vecchia. Furberie d’altri tempi.

I treni di oggi garantiscono a tutti i viaggiatori un posto a sedere e ogni altro confort. Sono comodi, veloci, belli, e perfino puntuali.

Anche puliti, naturalmente. Una magnificenza.

Poi, finalmente, arrivi a destinazione: Lecce! L’Atene delle Puglie. La Firenze del Barocco. La Capitale italiana della Cultura 2015. La Patria di Quinto Ennio. La Città che nel Regno di Napoli fu per secoli considerata una seconda Capitale.

Sei dunque nel cuore del Salento. E – ahimè! ahinoi! – comincia subito la sorpresa. L’inquietudine. La delusione.

Se arrivi sul primo binario sei fortunato/fortunata. L’uscita è a due passi.

Se il treno ferma su qualsiasi altra rotaia sono dolori. Perché, per raggiungere l’uscita, si è in tal caso obbligati a scendere nel sottopassaggio, a fare una passeggiatina, e poi risalire. Naturalmente, la stazione ha le scale. Ma non le scale mobili, né tapis-roulant. Devi fare da te, ti devi arrangiare gradino per gradino, anche se sei pluri-bagagliato. In fin dei conti, è una stazione ‘democratica’. Vale per tutti: ricchi e poveri, laureati e analfabeti, uomini e donne, giovani e vecchi, sani e malati.

Per esempio, una mamma che porta il figlioletto in braccio e tira la valigia con l’altro, prima scende dal treno, poi scende dalle scale, e poi le risale. Che ci vuole?… E se ha due figlioletti e una valigia oppure due valigie e un figlioletto? Beh: o ha la fortuna di essere dotata di tre braccia oppure deve fare due viaggi… E se gli rubano una valigia? E se piove? Eh, ma allora, questa mamma qui è proprio sfigata, scusa!

 

*   *   *

 

Chiedo scusa anch’io. Per averla presa forse con troppa ironia. Ma la situazione è davvero seria e importante.

Non è peraltro una novità il sempre crescente numero di denunce dei media sull’incuria e il degrado urbano del capoluogo salentino, anche in zone centrali o semi-centrali della città, che parlano di erbacce sui marciapiedi o di cassonetti per la raccolta di vestiti usati, diventati ricettacolo di ratti e affini.

Quanto al degrado specifico della stazione ferroviaria – dove peraltro sono divelti e inesistenti molti sedili nelle zone d’attesa dei viaggiatori, e i bagni pubblici sono in uno stato a dir poco anti-igienico e deplorevole – è di alcuni giorni fa (fine gennaio scorso) un video che ha girato la scrittrice siciliana Catena Fiorello, che non ha mancato di suscitare polemiche.

Fa, insomma, molto male vedere con i propri occhi questo bruttissimo ‘biglietto da visita’ per chi arriva nella nostra terra meravigliosa in treno. Un involgarimento ingiusto e insostenibile, al quale nessuno sembra voler porre riparo.

Siamo davvero arrivati al capolinea, al terminale della Bellezza?


Torna su