Sospensione attività in via precauzionale
Avviso sospensione attività Pur in assenza di casi accertati di coronavirus, nella regione Puglia sono sconsigliati (anche se non ancora formalmente vietati) gli assembramenti di persone. Per questo... Leggi tutto...
Candidati per il nuovo Consiglio direttivo
Candidati per il nuovo Consiglio direttivo dell’Università Popolare A. Vallone di Galatina (in ordine alfabetico)   1 Bozzetti Maria Rita, nata a Roma 2.Campa Antonio nato a Galatina (Le) 3 Diso... Leggi tutto...
Convocazione Assemblea per Modifica Statuto ed Elezioni del nuovo Consiglio Direttivo
Sulla base di quanto deliberato durante l'ultima Assemblea, giovedì 27 febbraio 2020 si procederà alle elezioni del nuovo Consiglio Direttivo e all'approvazione delle modifiche dello Statuto. Si... Leggi tutto...
Convocazione Assemblea Straordinaria
Convocazione Assemblea Straordinaria  dei Soci del 7 febbraio 2020       Come già annunciato nell’Assemblea precedente del 28 ottobre 2019, si ripropone la necessità di decidere in modo... Leggi tutto...
Programma di Dicembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Lunedì 2 dicembre, sala Contaldo, ore 18,00: prof. Vincenzo Mello, Myflor e Flormart 2019: Orto-Floro-Vivaismo internazionale. Venerdì 6 dicembre, sala... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Una società (mal)educante? PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Luigi Scorrano   
Martedì 29 Marzo 2016 16:54

[“Il Galatino” anno XLIX – n. 6 del 25 marzo 2016, p. 3]

 

Si riconosce, oggi, ai ragazzi una maggiore capacità di movimento, un più ampio consenso alla loro autodeterminazione. È un dato acquisito e considerato positivamente. La vita diventa sempre più dura sotto tanti aspetti; occorre perciò sviluppare al massimo le difese che aiutano a fronteggiare situazioni difficili. Fin qui va bene. C’è un risvolto, però, a questa situazione che non diremmo certo incoraggiante. Sempre più i mezzi d’informazione, qualche volta con insistenza non priva di un malato compiacimento, raccontano episodi di cui sono protagonisti dei minori o dei giovani: battitori solitari o affiliati ad un gruppo. E il gruppo, a proposito di certe azioni, si guadagna l’etichetta di ‘branco’; e quando si è a questo è chiaro che l’autodeterminazione prima favorita possa presentarsi come un fatale errore.

Si ha un bel predicare virtuosamente che è bene seguire i saggi consigli di chi ha maggiore esperienza della vita, oppure che è bene obbedire all’imperativo delle leggi: il ragazzo che si sente sicuro di sé e che trova esaltante infrangere la legge non si lascerà commuovere e preferirà rispondere al richiamo della trasgressione. Una patente appena conseguita aizza il demone della velocità, l’ebbrezza di un piccolo delirio di onnipotenza. La conclusione, spesso, è contro un albero, contro un muretto o contro un altro automezzo. E i giornali, soprattutto quelli ‘locali’, strizzano lacrime deploranti l’immatura perdita di questo o di quel giovane, bravo buono amico di tutti cuore in mano ecc. Ma perché quei giovani, che nelle notizie di cronaca e nei necrologi appaiono tutti come fiori di bontà nel momento in cui dovrebbero mostrare qualche virtù come la prudenza sfuggono al ritratto oleografico e ci appaiono in tutt’altra luce?

Così come essi sono li vuole una società che stimola le loro passioni, il loro complesso di superiorità, la certezza dell’immunità dai disastri e dell’impunità rispetto alle leggi. Così li vuole una società educante (o maleducante) che fa slittare la loro attenzione dalla saggezza (considerata, magari, come mancanza di coraggio) all’esaltazione della propria individualità: nessuno è migliore, nessuno è più grande di me.

Non solo. Altri episodi presentano un aspetto ancor più inquietante. Che cosa intende fare un’orda di ragazzini scatenati che mette a soqquadro una scuola solo perché si annoia, solo perché vuole riempire il vuoto provocato spesso dalla mancanza o dalla disattenzione della famiglia? E il ragazzino che alle elementari (non mancano esempi) affronta i suoi maestri con piglio da malvivente sperimentato dove avrà attinto l’esempio di un simile comportamento?

Sono tristi le cronache che raccontano questi fatti. E come si reagisce a questi episodi? Minimizzando, considerandoli episodi isolati, insorgenze passeggere, reazioni di soggetti “difficili” che bisogna “isolare”. Sulla base di queste belle considerazioni si assume un atteggiamento che fa il paio con quello “permissivo”: l’atteggiamento punitivo. Si pensa di dare delle lezioni “esemplari” a chi ha trasgredito, violato le regole. La concessività non ragionata è dannosa e consegue effetti disgraziati. Altrettanto lo è la volontà isolatrice, che mira a chiudere il ‘colpevole’ nel cerchio di ferro della sua trasgressione e ne stimola la tendenza alla reiterazione visto che l’azione riprovevole è quella che spesso fa concentrare l’attenzione su di lui. Che, colpevole, si sente però al centro di un’attenzione ambigua, di un’ammirazione inquietante.

Ci meravigliamo e ci scandalizziamo di fronte al verificarsi di certi fatti clamorosi capaci di turbare le nostre certezze? Siamo noi, in fondo, che abbiamo provocato un simile orientamento nell’azione comune (nella politica, nella scuola, nella vita della società in generale). Siamo noi la società (mal)educante che ha bisogno, se ne ha tempo, di fare un severo esame di coscienza. Di predisporre un nuovo progetto educativo per cancellare la noia dei ragazzi e la sconsideratezza delle azioni con le quali spesso essi cercano di riempire quel vuoto che noi abbiamo proposto loro come un segno di libertà.


Torna su