Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Noterellando… Costume e malcostume 33. In moto stat virtus PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Antonio Mele/Melanton   
Lunedì 09 Maggio 2016 11:38

["Il Galatino" a. XLIX, n. 8 del 29 aprile 2016, p. 3]

 

Fra le buone – e, anzi, ottime – abitudini dei galatinesi (e più in generale di un gran numero di salentini, nelle rispettive piazze dei loro grandi o piccoli centri), c’è ancora quella di fare i rituali “quattro passi alla Villa”…

Giri su giri intorno ai sempre splendidi giardini di Piazza Alighieri, un tempo Fontana, parlando del più e del meno – spesso del meno –, strusciando pigramente le suole delle scarpe per terra (da cui deriva per l’appunto il lemma napoletano strùscio, ormai ovunque diffuso per definire l’abituale e un po’ pigra passeggiata in andirivieni sulla principale via o piazza cittadina), tra ordinarie chiacchiere di sanguigno sapore provinciale, schietti sorrisi, e qualche immancabile pettegolezzo o malangu.

Era questo, un tempo, l’abituale ‘vizio’ cittadino. Di tutti: studenti temerari e ardite studentesse che marinavano la scuola, compassati professionisti e briosi artigiani, combriccole di buontemponi, arguti vecchietti con coppola, sigaro pendulo e bastone, perfino qualche gruppetto di compassate dame chiacchierine, o gente semplice del popolo minuto.

Oggi, per la verità – in un sempre pigro carosello rallentato ad arte –, intorno alla “Villa” si gira più frequentemente a bordo delle auto, in una sorta di vanesia e frivola vetrina dello status sociale: chi ce l’ha più grossa la vuol far vedere a tutti!

 

*   *   *

 

Periodicamente, e in un recente appello, l’Organizzazione Mondiale della Sanità invita la popolazione adulta a praticare almeno 150 minuti a settimana (in media 20/25 minuti al giorno, dose che raddoppia per giovani e bambini) di attività fisica aerobica: una buona abitudine, ed anzi un sano obbligo di educazione ed esercitazione motoria, propedeutica alla tonificazione del sistema cardiovascolare, e di conseguenza al benessere del nostro corpo, bilanciando in misura ottimale – secondo i più accreditati dettami salutistici – il rapporto massa muscolare-massa grassa.

Non mi addentro più di tanto, nello specifico, giacché mi sembra fin troppo evidente il beneficio che tutti possiamo trarre dalla bella abitudine di fare i proverbiali ‘quattro passi’, come appunto si faceva un tempo, intorno alla “Villa”. Anche da soli, se ci va. E meglio in compagnia. Specialmente se la compagnia è buona. Non è soltanto il fisico, in tali occasioni, che si rigenera, ma anche il nostro ‘umore’, la mente, il pensiero, e ogni altro aspetto più strettamente intimo e spirituale.

Sicché, escludendo ovviamente che la parola “moto” del titolo possa riguardare la motocicletta, lo scooter o qualsivoglia altro mezzo di locomozione che non siano le nostre preziose e valide gambe, dovremmo accettare all’istante l’invito dell’O.M.S., e riprendere quindi la sempre valida e intramontabile “buona abitudine” di fare quattro passi (e quattro chiacchiere) con gli amici.

Il primo esercizio fisico-mentale, da considerarsi il più salutare e benefico di tutti – e che si conforma di per sé al concetto di virtù – è di alzarsi dalla comoda poltrona (dove siamo solitamente stravaccati in fronte a quella scatola tentacolare che si chiama TV, che il più delle volte ci ipnotizza e frastorna), e uscire di casa a prendere un po’ d’aria e a fare un po’ di moto. Ne guadagniamo noi. E ne guadagna probabilmente anche ci sta intorno.

Anche noi, come le “automobilone” di cui parlavo all’inizio, abbiamo bisogno, in definitiva, di rifornire e lubrificare adeguatamente il nostro motore psico-fisico e di provvedere periodicamente al ‘tagliando di manutenzione’ per avere tutto in ordine: controllando la pressione e l’efficienza dei vari circuiti elettro-dinamici, verificando il livello e la pompa dell’acqua, la marmitta, il tubo di scappamento, e quant’altro necessario.

Né possiamo restare fermi troppo a lungo in parcheggio o in garage, favorendo l’invecchiamento, rischiando di scaricare la ‘batteria’ o, peggio, lasciando arrugginire – nelle parti più delicate e vitali – il nostro ‘motore’.

Siamo, insomma, una ‘macchina’ speciale.

Probabilmente la più perfetta dell’universo. O, forse, anche la più imperfetta: essendo spesso indocili, insoddisfatti, ansiosi, indefinibili, impenetrabili, curiosi, dubbiosi, e sempre bisognosi di certezze, purtroppo rare a trovarsi.

Contrariamente a un ulivo o a una farfalla, o a un delfino, una pietra, o alla pioggia, al vento, al sole, alla luna, e a tutto quello che vediamo e non vediamo, nella nostra specie homo sapiens albergano tutti gli opposti possibili: dall’amore all’odio, dalla carità alla ferocia, dalla gioia al dolore, dall’ira al coraggio alla viltà, dalla capacità di creare la musica o la poesia o d’inventare mirabilie come il computer o le sonde interplanetarie all’ideazione e fabbricazione di orribili ordigni distruttivi.

Divagazioni più o meno filosofiche, che appaiono slegate dall’argomento specifico di questo nostro incontro, ma che non lo sono affatto. Accanto a tutto quello che l’uomo è – che ciascuno di noi è, come singolo individuo – c’è anche un senso etico-pratico della vita, che supera l’egoismo e si dispone alla condivisione, e che si potrebbe compendiare nel motto: “vivere bene per se stessi per vivere meglio con gli altri”.

L’invito è proprio quello di volersi più bene, e di guardare maggiormente alla nostra salute, muovendosi anche con adeguata frequenza. Insomma, più che la mela (frutto eccellente che, comunque, e a buona ragione, s’è per primo guadagnato il beneficio del vecchio e salutare proverbio) è una bella passeggiata al giorno che leva il medico di torno! (Non senza le nostre riguardose simpatie al medico, naturalmente, per il quale conserviamo sempre l’affetto e la nostra massima stima).

Bene. Adesso è tempo di salutarci. Sono almeno un paio d’ore o tre che sto fermo e seduto davanti al computer, a battere queste righe, a leggerle, correggerle e completarle, per vostro piacere, e mio. Fra un po’ vado a raggiungere un paio di vecchi amici, che mi aspettano davanti al Colosseo. Non è proprio vicino a casa mia, ma con questo splendido sole di primavera ci andrò sicuramente a piedi.

Buona passeggiata anche a voi.


Torna su