Convocazione Assemblea Straordinaria
Convocazione Assemblea Straordinaria  dei Soci del 7 febbraio 2020       Come già annunciato nell’Assemblea precedente del 28 ottobre 2019, si ripropone la necessità di decidere in modo... Leggi tutto...
Programma di Dicembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Lunedì 2 dicembre, sala Contaldo, ore 18,00: prof. Vincenzo Mello, Myflor e Flormart 2019: Orto-Floro-Vivaismo internazionale. Venerdì 6 dicembre, sala... Leggi tutto...
Programma di Novembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Martedì 5 Novembre, ore 17,45 sala Contaldo : cineforum Belle. La ragazza del dipinto, a cura di Roberta Lisi   Giovedì 7 novembre, ore 17, Lecce,... Leggi tutto...
Si ricomincia...
Dopo la pausa estiva, interrotta dall'Open Day che come sempre ci ha permesso di incontrarci e presentare le nostre attività ad amici e soci vecchi e nuovi, il nostro anno accademico 2019-20 ha... Leggi tutto...
Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Noterellando… Costume e malcostume 34. Casa mia. Elogio del provincialismo PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Antonio Mele/Melanton   
Martedì 17 Maggio 2016 11:36

[“Il Galatino” XLIX n. 9 del 13 maggio 2016, p. 3]


Benché tutto sia sempre migliorabile, e per tutto intendo proprio tutto: dai luoghi alle persone, alla politica, alle leggi, all’economia, alle scuole, al clima, al cibo o a quanto di più immaginifico possa venire in mente, ebbene confesso di sentirmi – oggi come ieri – sempre personalmente orgoglioso di essere galatinese e salentino.

Sia detto e inteso, naturalmente, senza alcuno spirito di presunta preminenza campanilistica (come potrebbe peraltro suggerire la pittoresca nomea di “carzilarghi”, nel senso comune di ‘orgogliosi guasconi’, attribuita al popolo della città di San Pietro) ma, più semplicemente e affettuosamente – com’è naturale per i ‘nativi’ di tutti i grandi o piccoli paesi del mondo – per un legittimo e insopprimibile amore alla terra dei padri.

È facile, in fin dei conti. E di generazione in generazione si perpetua ovunque, per tutte le diverse patrie, pur con qualche curiosa o fatale singolarità.

È accaduto un po’ di anni fa, in una certa occasione, che mi sia trovato a non riconoscere quasi più un mio vecchio compagno di giochi, completamente ‘milanesizzato’, il quale, con malcelata alterigia, in una cena a casa di comuni amici, d’estate, nella zona di Santa Maria al Bagno, aveva preso a trattarci con una cert’aria di scostante distacco. Tanto che, guidato da un senso coerente, semplice, e anche un po’ ironico, degli eventi, l’ho perfino ‘maltrattato’, in un improvvisato e divertente battibecco dialettico. Con l’effetto – vivaddio! – di farlo (per un po’, almeno…) rinsavire da quella specie di stregonesco torpore che gli aveva stravolto l’antica naturalezza e freschezza di amico gioviale, essendosi evidentemente insinuato in lui un certo ‘rigetto’, e facendolo comportare peggio del peggior ‘provinciale’. Di quelli, cioè, che – come recitano (improvvidamente) i nostri dizionari – hanno una “mentalità e atteggiamento caratterizzati da conformismo, arretratezza e limitatezza culturale, con mediocrità di gusto e di giudizio”, e simili autentiche cretinerie.

Mi oppongo con tutto il mio essere a un simile concetto, che è innanzitutto arcaico oltre che eticamente e culturalmente inesatto, non essendo peraltro applicabile tout-court a tutte le persone che vivono in provincia.

Di solito, il ‘provinciale’ è più riflessivo, e possiede l’ineguagliabile capacità di osservare – criticamente, e con innato e squisito senso dell’humour – il mondo che lo circonda. Soprattutto l’uomo. Le persone. E i sentimenti che intorno alle persone ruotano, in una ‘coreografia’ di confrontodiretto e immediato, e di massima condivisione e integrazione esistenziale.

Pur nella sua umile (o in apparenza umile) condizione sociale, il provincialismo – che nell’evoluzione tecnologica di oggi è raramente “chiuso, limitato, immaturo o senza grandi orizzonti” come becera retorica vorrebbe –, spesso rappresenta, al contrario, una fonte preziosa di sapere, di idee, di contributi artistici e culturali, di vivaci fermenti sociali.

Qualche anno fa, in un’intervista che un po’ scorreva anche intorno alla mia più che cinquantennale attività artistica – sviluppata prima a Milano, poi a Roma, dove risiedo da molti lustri, ma anche in ambiti internazionali (scusandomi per l’autocitazione, che serve solo a supporto e conforto delle argomentazioni di cui trattasi) –, un giornalista e storico dell’arte si meravigliava che io avessi dichiarato di sentirmi ancora, e orgogliosamente, ‘provinciale’. Dove, per provinciale – precisavo –, al contrario di sedimentate e improprie convinzioni, deve intendersi tutta la vasta ricchezza e positività del termine, che somma i molti pregi storici, etici, tradizionali e culturali del ‘piccolo luogo’ ad alcune ‘visioni’ lungimiranti, e di natura più prettamente metropolitana o universale.

Analogamente all’episodio del mio amico ‘milanesizzato’, mio padre don Pietro Mele (come lo conoscevano e chiamavano rispettosamente e affettuosamente tutti), raffinato maestro d’ironia, portava ad esempio l’aneddoto del figlio di un contadino, che fu chiamato alle armi in servizio di leva, presso una lontana caserma del Nord. Costui partì, e dopo parecchi mesi, o forse un anno e più, tornò a casa in licenza. In tutto quel tempo, il giovane si era molto civilizzato: aveva scoperto l’acqua corrente, la pulizia quotidiana, il vestire a modo, le buone maniere, e il parlar forbito (o quasi).

Sicché, quando rifece capolino nelle patrie e allora poverissime terre, fra i vecchi contadini del paesello, umili e analfabeti come suo padre, lui (convinto d’essere ormai svezzato e ripulito di tutto punto) si sentiva decisamente ‘superiore’. Tanto da guardare tutti dall’alto in basso, fino al punto che, appena entrato in casa, salutando la madre, i fratelli e le sorelle, e vedendo un’altra persona, contorta dal freddo e accovacciata accanto al focolare, chiese arrogantemente, in un’approssimativa lingua italiana: «Chi è quel troncone di sotta il focaio?»… Non aveva più riconosciuto lu tata, suo padre!

 

*   *   *

 

Delle mie molte primavere ho trascorso la maggior parte soprattutto a Roma e, periodicamente, in altre grandi città metropolitane. Ma Galatina e il Salento sono e restano “il mio paese”, casa mia. Che amo a prescindere, come direbbe il mitico Totò.

Un legame e richiamo civile-culturale, che non è soltanto, né banalmente, nostalgia. È il riconoscimento sincero della ‘bella provincia’ (com’è stata, ed è ancora, anche quella di Arezzo o Perugia o Tolentino, o Montelupone e Macerata, dove spiego ancora le mie ali). È la provincia ‘viva’, del rapporto umano, costante, emotivo, sanguigno, fatto d’incontri leali, pur senza disconoscerne malesseri o malumori, e più di qualche contraddizione.

In città non ci si parla mai o quasi. La gente si attraversa in silenzio. Muoversi in auto è diventato quasi impossibile. Viaggiare in metro è spostarsi da una solitudine a un’altra. I volti non sono persone. Spesso non hanno luce né anima. Nel nostro pur bellissimo condominio, da trent’anni e più, ci salutiamo con un frettoloso e annoiato cenno del capo – a volte senza neanche quello –, accompagnato da una specie di grugnito, e comunque dandoci del ‘lei’. Forse per rispetto. Più probabilmente per ipocrisia.

Certo, a Roma come a Milano, e nelle grandi città del mondo, ci sono i musei, i parchi, i teatri, i grandi eventi d’arte o di sport, le imperdibili partite di calcio nello stadio gremito, i raduni e le manifestazioni con folle oceaniche. Ma bisogna essere costantemente pronti, attivi, forti, capaci, possedere energie e risorse molteplici.

E, infine, c’è da considerare il tempo. Il preziosissimo tempo, che in città non hai quasi mai. Ma che nella ‘bella provincia’ – talora perfino pigra – scorre con i suoi giusti ritmi, e puoi goderlo in abbondanza.

E puoi donarlo perfino agli altri. Spesso e volentieri con un sorriso.

Che è la distanza più breve tra due persone.

 


Torna su