Nuovo Consiglio Direttivo, Open Day e nuovo Anno Accademico: pronti per ripartire!
MARIO GRAZIUSO Ripresa dell’attività sociale dell’UNIPOP “A. Vallone” di Galatina Confermato il Presidente e affidati gli incarichi ai consiglieri Trascorso il lungo periodo di inattività... Leggi tutto...
Sfogliando Galatina: una iniziativa per ripartire
Dopo questi mesi di inattività forzata, l'Università Popolare ha aderito con entusiasmo a una iniziativa del Patto Locale per la Lettura di Galatina, firmando la prima delle passeggiate letterarie... Leggi tutto...
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni Dopo questo lungo periodo di forzata inattività, il Consiglio Direttivo ha trovato, grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale, la sede... Leggi tutto...
Nuova sospensione delle attività
La presenza di casi di coronavirus sul territorio di Galatina e l'ordinanza di chiusura delle scuole emanata dal sindaco ci hanno consigliato un ulteriore consulto medico dal quale è emersa ... Leggi tutto...
In memoria di Piero Manni, editore
Da qualche giorno il Salento e il mondo della cultura sono più poveri: il 22... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Lu pasticciottu PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Mercoledì 13 Luglio 2016 12:15

Era Dumineca, tenìa tridici invitati,

rriata quasi a menzatia, stracca te la fatia,

(ìa fattu le purpette cu llu sucu,

la pasta fatta a casa,

la carne mpanata e fritta,

le marangiane cu l’agghiu e la menta),

lliati de mienzu le straquenzi,

cu mme giustu lu stomacu me bbeì

nnu bbichhieri te vinu.

Era friscu e frizzantinu, parìa cchiui nnu spumantinu,

ma mmaletettu, era traditore

e me fice sentire intru a tuttu lu cuerpu

nnu buggliore.

Pisuli pisuli rriai a llu liettu

e cercai nnu picca te regettu.

Me ddurmescì e fici nnu sennu mutu stranu,

iddi nu nunnu ca me pigghiau pe manu

e me ndusse nnanti a nn’Angelu te nostru Signore

ca burberu me disse:

“Te presenti a st’ura  a Nostru Signore

senza li pasticciotti, nu sienti ca te la terra sale la  ndore?

“Quali pasticciotti, Angelu te lu Signore?”

“Nu sta bbieni te Galatina? E nu canusci

li pasticciotti te l’Andrea Ascalone?

Quandu unu more ete tradizione

ca  an paraisu

ha portare li pasticciotti te l’Ascalone,

se no an celu nu pote trasire.”

“Scusa, Angelieddhu, ma l’Andrea nun ha muertu?

Nu bbe pote dare la lezzetta?”

“Sine, ma qua subbra nu se pote cucenare,

nu tenimu lu furnu cu li putimu nfurnare.”

“Angelieddhu te lu Signore,

se subbra a lla terra me faci turnare,

moi ca lu sacciu,

quandu mueru te li pozzu purtare.

ma moi lassame scire,

li figghi mei me sta spettanu pe mangiare.”

Nu sentì la risposta

ma sentì  nna ndore de crema e cannella

ca te menà a nterra.

Aprì  l’ecchi e bbiddi l’Ornella

cu nna spasa  te buccunotti

ca puru an cielu su canusciuti

te l’Angelieddhi cannaruti.


Torna su