Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Il taccuino di Gigi 1. Un gelato dopo Ferragosto PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Luigi Scorrano   
Giovedì 22 Settembre 2016 07:50

[“Il Galatino” anno XLIX n. 14 del 16 settembre 2016, p. 6]


Ferragosto è passato, le vacanze sono finite. Come abbiamo impiegato il nostro tempo? La frenesia della vacanza è talmente assorbente da non preparare spazi a postumi esami di coscienza, ad analisi sui nostri sentimenti e sui nostri comportamenti. Siamo d’accordo che abbiamo bisogno un po’ tutti di un periodo di riposo; l’idea della vacanza (cioè quella di un vuoto salutare che aiuti a riprendere energie) forse non ci assilla più come un tempo dovendo fare i conti con le strettezze economiche, ma nemmeno ci attira l’idea di trascorrere un po’ di tempo immersi in complicate indagini sulla vita e sui suoi aspetti più contraddittori. Vacanza significa vuoto, e la mente, talvolta, un po’ di vuoto lo richiede. Vuoto come sosta, vuoto come pausa nel ritmo incalzante e stressante della quotidianità. Un tempo per riflettere, per rimodulare progetti, per confrontarsi serenamente con gli altri e con quello che la vita giorno per giorno ci offre generosamente o ci sottrae astutamente.

Dalla vacanza vorremmo ricevere un pieno di disimpegno, la realizzazione di un’occasione mancata in tempi più tranquilli; esaminiamo perciò quelli che crediamo d’aver atteso con ansia e che abbiamo visto liquefarsi davanti ai nostri occhi come un bel cono di gelato che perda rapidamente la sua consistenza in un ambiente troppo caldo.

Il mare, la montagna, le città d’arte, le strutture alberghiere attrezzate per piacevoli passatempi, le crociere, le gite, gli incontri con gli amici che vediamo di rado, il rapporto ristabilito per un momento con parenti lontani, la curiosità di nuovi paesaggi, la certezza che in ogni giorno dell’estate  si nasconda un seme fecondo di occasioni prossime: tutto è cercato come fosse un’ultima possibilità, un approdo felice, la rivelazione di un segreto che ci riteniamo in grado di scoprire. Se abbiamo tempo per fare un esame delle nostre giornate estive, se riusciamo a spremere il succo (perché vitale) di un breve periodo dell’anno che porta nel nome l’idea di vacanza (le ferie!), cerchiamo non ciò che non abbiamo potuto godere ma ciò che ci è mancato e che desideravamo di avere. Magari non il troppo ma il piccolo sovrappiù: la dolcezza di un’ora particolare, un sapore che avremmo potuto aggiungere alla nostra memoria del gusto, una confidenza suggerita da un momento di intensa fiducia, il ricordo di una persona cara e lontana, la luce di un tramonto, una stella cadente nel terso cielo della notte… Il desiderio inappagato ci punge con una sua speciale qualità di malinconia, legato com’è a un’idea di ineluttabilità, di cosa sfuggita per sempre al nostro desiderio. C’è sempre, nella nostra gioia, qualcosa che ci manca. C’è anche in quello una vacanza, un vuoto.

Può anche accadere che la vacanza ci porti degli aspetti che non avremmo mai pensato di catalogare sotto la voce ‘vacanza’: pensiamo ai tanti disperati che approdano sulle nostre rive, venuti da rive remote, mossi dal naturale desiderio di condizioni di vita che nei loro paesi molte circostanze impediscono di realizzare. E ci sono coloro le cui menti turbate, in vacanza dalla ragione, spingono ad azioni delittuose atroci. Sono solo due esempi di una vacanza dolorosa, una ferita che cerca la guarigione, spesso invano.

La ricerca di ciò che può essere mancato alla nostra vacanza può farci riflettere sul valore che attribuiamo a certi gesti, alle nostre azioni, alle nostre parole. Ci chiediamo: che cosa è mancato alla nostra vacanza perché essa fosse piena e ricca di senso? Magari la dolcezza di un gelato che avremmo voluto assaporare nel momento migliore dei nostri giorni spensierati. Una cosa minima, un’occasione da nulla… Non è, certo, la stessa cosa mangiare un gelato dopo Ferragosto!


Torna su