Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home Saggi e Prose Linguistica Grafia e pronuncia: il semaforo dell'ortografia
Grafia e pronuncia: il semaforo dell'ortografia PDF Stampa E-mail
Linguistica
Scritto da Rosario Coluccia   
Martedì 08 Novembre 2016 07:27

[“Nuovo Quotidiano di Puglia” di domenica 6 novembre 2016, p. 10]

 

Di mestiere faccio il linguista. Questa settimana rispondo a sollecitazioni o domande dei lettori che scrivono al giornale. Non a tutte posso rispondere adesso, ne scelgo una, altre verranno nelle prossime occasioni. Rispetterò sempre la volontà di chi scrive indicando o omettendo, caso per caso, il nome del mittente. Il nome di chi scrive comunque deve essere sempre indicato nella lettera, i messaggi vanno firmati, non si potrà tener conto di scritti anonimi.

Lino Baldi racconta un divertente episodio accaduto molti anni fa a Foggia, dove il padre, ex carabiniere, svolgeva il suo servizio. Nella cappella della caserma, su un altarino, era collocata la statua della protettrice dell'Arma, la vergine «Virgo Fidelis». Un imbianchino, su indicazione del cappellano militare, doveva scrivere sulla parete retrostante la statua mariana la dicitura latina «Ave Maria Gratia Plena». Quando ebbe finito un carabiniere che passò e vide la scritta corse subito a richiamare l'imbianchino esortandolo a modificare il testo perché aveva scritto gratia e non grazia, con «t» e non con «z». Quindi per lui aveva sbagliato. Il raccontino è reale e non c’è in Baldi alcuna voglia di irridere il solerte rappresentante del benemerito corpo dello Stato. Ma serve a introdurre la domanda. Perché si scrive in un modo e si legge in un altro? La questione non vale solo per il latino. Fa altri esempi. Perché in francese si scrive oiseau ‘uccello’ e si legge «uasò»? Perché il nome proprio inglese Philip si pronunzia «Filip»? Chiede, in generale. Cosa è successo alle lingue, perché si scrivono in un modo ma si leggono in un altro?

Cominciamo dal caso più semplice, la pronunzia del latino. Le più antiche documentazioni scritte in quella lingua sono remote, rimontano quasi agli albori della storia di Roma. Nel latino classico il nesso «-ti-» davanti a vocale (è il caso di gratia) veniva pronunziato con la vocale piena, come il «ti-» di tino. Quindi i latini del tempo di Cicerone leggevano come era scritto, con un trisillabo: «gra - ti - a», con «t» e non con «z», proprio come nella grafia; bene aveva scritto quell’imbianchino inconsapevole che il carabiniere intendeva rimproverare (a torto). Poi, con il passare del tempo, tra il II e il III secolo dopo Cristo, la pronunzia comincia a mutare lentamente, i grammatici del tempo avvertono che in «ti» si insinua un sibilus (così scrivono). Stanno mutando le condizioni storiche, Roma non è solida e potente come un tempo, si allenta la sua capacità di dirigere e indirizzare la società multiforme di un impero così vasto, anche la lingua è meno stabile. Passano i decenni. Un grammatico come Cassiodoro († 580-585 ca.), autore di un trattato De orthographia, registra il cambio di pronunzia, «ti» viene ormai pronunziato «zi». I latini dicevano ormai «grazia» (la nuova pronunzia) ma hanno continuato a scrivere nel modo di sempre, scrivevano in un modo e pronunziavano in un altro. La pronunzia di «ti» con «zi» che vige nelle nostre scuole rispecchia il mutamento linguistico; a rigore è corretta per il latino postclassico ed ecclesiastico, ma non corrisponde a quella esatta dell’epoca aurea.

Il fenomeno che abbiamo descritto non vale solo per il caso esaminato, è giusta la domanda del lettore. Un altro esempio. I latini scrivevano Cicero, nelle fasi antiche pronunziavano «Chichero», poi a partire dal III secolo quella pronunzia è stata abbandonata. Nei territori italiani si è pronunziato «Cicero», noi oggi diciamo «Cicerone». In termini generali possiamo affermare che nelle lingue storico-naturali, quelle che gli uomini adottano per comunicare tra loro, non esiste corrispondenza perfetta tra lettere e suoni (tra grafemi e fonemi, si dice in termini tecnici). La pronunzia cambia più o meno velocemente, la grafia si mantiene più stabile, conserva le vecchie abitudini scrittorie (a scrivere si impara a scuola, la scuola di norma si erge a custode delle regole).

La differenza tra grafia e pronunzia ci colpisce particolarmente quando studiamo le lingue straniere. Quale più quale meno, ci appaiono tutte caratterizzate da scarto notevole nel passaggio dal sistema grafico a quello fonetico. Si scrivono in un modo e si leggono in un altro, osserva l’attento lettore.

Vale la spiegazione già data per il latino. Per condizioni storiche e sociali la pronunzia muta, a volte velocemente. La grafia, più conservatrice, muta assai meno.

Il francese attuale corrisponde assai poco al francese antico. Con lo scorrere del tempo molte innovazioni fonetiche provenienti da Parigi si sono diffuse in tutta la Francia, fanno parte della norma del francese, ma la grafia non registra i mutamenti del parlato. Un esempio per tutti. Le classi popolari parigine pronunziavano «oi» come «uà» fin dal XVI secolo, ma questa pronunzia non veniva accettata dal francese ufficiale. Le cose cambiano con la rivoluzione del 1789: le classi popolari (i sans-coulottes) vanno al potere, l’aristocrazia e il clero sono spodestati, i sovrani e molti nobili sono ghigliottinati, ecc. La pronunzia delle classi popolari si impone. Il popolo pronunziava «ruà» la parola roi ‘re’, risultato della evoluzione del lat. regem (non cito i passaggi, non serve per il nostro ragionamento); con la rivoluzione la pronunzia «uà» per le forme scritte con «oi» si generalizza, diventa di tutti. Oggi quella è la pronunzia standard, la grafia continua tradizionalmente ad essere roi. Lingua e società in collegamento, come sempre, così vanno le cose. Ecco la risposta alla domanda iniziale, ecco perché in francese si scrive oiseau ‘uccello’ e si legge «uasò».

Ancora più forte è lo stacco tra grafia e pronunzia nell’inglese, lo sanno bene coloro che cercano di apprendere quella lingua, oggi la più universale. E il fenomeno continua. Uno studio dell’università di York prevede che tra qualche decennio il suono “interdentale” di «th» in mother sparirà dall’inglese, è troppo difficile per i molti stranieri che imparano quella lingua, sarà sostituito forse da un più facile «v», si dirà «muver», anche se si continuerà a scrivere mother. Io non so se quelle previsioni di avvereranno, chi può assicurarlo? Le previsioni in linguistica sono più difficili di quelle in meteorologia (e anche i meteorologi falliscono). Ma so per certo che la grafia di quella lingua resterà relativamente stabile, pur se la pronunzia sarà attraversata da molte novità determinate anche dall’incrociarsi di parlate diverse.

Nel corso della storia ogni lingua evolve secondo linee proprie di svolgimento. Tra le lingue romanze (così si chiamano quelle derivate dal latino), l’italiano è la lingua in cui la grafia meglio si collega alla pronuncia. Un notevole numero di lettere (i linguisti dicono grafemi), 11 su 21, indica stabilmente un sol suono (i linguisti dicono fonema). Il sistema non è rigido, la corrispondenza tra grafema e fonema non è assoluta. Ecco qualche esempio, altri potrei aggiungere. Nello scritto usiamo a volte una sola lettera per due suoni diversi, usiamo indifferentemente per cane e per cena, per gatto e per gelo, per casa (va pronunziato con la sorda) e per paradiso (va pronunziato con la sonora), per zio (va pronunziato con la sorda) e per zero (va pronunziato con la sonora). E altre “imperfezioni” potrei enumerare.

 

L’architettura del modello scritto oggi in uso viene stabilita nel Cinquecento, pur se oscillazioni e selezione delle diverse possibilità continuano a manifestarsi nei secoli seguenti. La relativa “imperfezione” del nostro alfabeto si spiega con l’evoluzione storica della nostra lingua, con le scelte collettive fatte da chi scrive. Ricordate? Fino a qualche decennio fa il plurale di un aggettivo come vario poteva scriversi varii (con due -ii), varî (con accento circonflesso), vari. Ormai abbiamo scelto, scriviamo solo vari.

In conclusione. Neanche in italiano esiste perfetta corrispondenza tra grafia e pronunzia (pur se nell’italiano lo scarto è assai inferiore rispetto a lingue europee vicine come il francese o l’inglese). Ce ne accorgiamo meno, abituati a scrivere come ci è stato insegnato. Ma facciamo attenzione. Dobbiamo rispettare rigorosamente le regole dello scrivere, non sono tollerabili deviazioni rispetto alla norma grafica corrente, in questo campo non esiste democrazia, non si può agire “ognuno come gli va”. Fabio Marri, che insegna a Bologna, spiega ai suoi studenti che l’ortografia è come un semaforo, a volte appare un po’ noiosa e quasi una perdita di tempo, ma per comunicare efficacemente dobbiamo rispettarne le regole. Vale per la lingua, vale per la società: dobbiamo rispettare le regole.

 

p.s.: Alcuni lettori mi scrivono, fanno osservazioni, pongono domande. Per quanto possibile rispondo ai singoli, ma a volte non ce la faccio. In accordo con «Nuovo Quotidiano» vi proponiamo questo. Scrivete a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . I quesiti più stimolanti e di interesse generale saranno da me commentati su questo giornale.

 

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (2016Rubrica7Quesiti1.pdf)2016Rubrica7Quesiti1.pdf 199 Kb

Torna su