Immagine
I nostri prossimi appuntamenti
  UNIVERSITA’ POPOLARE “Aldo Vallone” Galatina Programma Dicembre 2020 Videoconferenze con accesso libero Venerdì 11 dicembre, ore 18:00 Quante storie in una scatola: un... Leggi tutto...
Sfogliando Galatina: una iniziativa per ripartire
Dopo questi mesi di inattività forzata, l'Università Popolare ha aderito con entusiasmo a una iniziativa del Patto Locale per la Lettura di Galatina, firmando la prima delle passeggiate letterarie... Leggi tutto...
Si ricomincia...
Dopo la pausa estiva, interrotta dall'Open Day che come sempre ci ha permesso di incontrarci e presentare le nostre attività ad amici e soci vecchi e nuovi, il nostro anno accademico 2019-20 ha... Leggi tutto...
Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Home
Claudia Megha racconta la nostra gita culturale a Cavallino. PDF Stampa E-mail
News Università Popolare
Scritto da Beatrice Stasi   
Martedì 20 Febbraio 2018 13:08

Nel pubblicare le impressioni di una partecipante alla gita, che ringraziamo vivamente per la sua efficace e tempestiva testimonianza, alleghiamo alcune foto, dovute anche queste a Claudia Megha e alla promotrice e organizzatrice della giornata, la nostra preziosa tesoriera, Lucia De Pascalis.

Claudia Megha

Cavallino: una rivelazione!

Mi hanno positivamente colpito la cura e l'attenzione tese a valorizzare le risorse del territorio, come pure la competenza e la professionalità degli operatori dei vari settori.

Dal Museo Diffuso alla Cripta nella Chiesa del Convento dei Domenicani, passando per le visite al Castello, è stato un itinerario tutto interessante.

La ciliegina sulla torta ce l'ha offerta la signora Anna Rita Cantoro in Gorgoni, che, con squisita disponibilità, ci ha aperto le porte della sua casa, ricca di cimeli storici e di opere d'arte preziose. Mentre ce li illustrava, con tanto garbo e pazienza, si avvertiva in lei un autentico amore e un sano orgoglio per la storia di famiglia, strettamente legata alla storia del Paese/paese.

L'importanza di coltivare la memoria di eventi storici (remoti e prossimi) da trasmettere alle nuove generazioni: forse è questo il messaggio che ha voluto trasmetterci e che dovremmo cogliere.


Torna su