Nuovo Consiglio Direttivo, Open Day e nuovo Anno Accademico: pronti per ripartire!
MARIO GRAZIUSO Ripresa dell’attività sociale dell’UNIPOP “A. Vallone” di Galatina Confermato il Presidente e affidati gli incarichi ai consiglieri Trascorso il lungo periodo di inattività... Leggi tutto...
Sfogliando Galatina: una iniziativa per ripartire
Dopo questi mesi di inattività forzata, l'Università Popolare ha aderito con entusiasmo a una iniziativa del Patto Locale per la Lettura di Galatina, firmando la prima delle passeggiate letterarie... Leggi tutto...
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni Dopo questo lungo periodo di forzata inattività, il Consiglio Direttivo ha trovato, grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale, la sede... Leggi tutto...
Nuova sospensione delle attività
La presenza di casi di coronavirus sul territorio di Galatina e l'ordinanza di chiusura delle scuole emanata dal sindaco ci hanno consigliato un ulteriore consulto medico dal quale è emersa ... Leggi tutto...
Ripresa attività e nuova data per assemblea ed elezioni
Dopo un consulto medico, il Consiglio Direttivo ha deciso di riprendere le attività lunedì 2 marzo alle ore 18, con la conferenza del prof. Mario Graziuso “L’ultima rappresentazione sacra del... Leggi tutto...
In memoria di Piero Manni, editore
Da qualche giorno il Salento e il mondo della cultura sono più poveri: il 22... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Riparte il cineforum: il film di ottobre recensito da Roberta Lisi PDF Stampa E-mail
Scritto da Beatrice Stasi   
Sabato 20 Ottobre 2018 16:39

IL DIRITTO DI CONTARE regia di Theodore Melfi

(Lunedì 22 ottobre, ore 18, sala Contaldo)

Recensione di Roberta Lisi

 

Film drammatico del 2017 ha ottenuto una tripletta di candidature  tanto ai Premi Oscar, quanto ai Golden Globes, senza dimenticare quella presso la prestigiosa Bafta  (British Academy of Film and Television Arts) e il successo al botteghino in Italia, dove ha incassato 2,9 milioni di euro. Il diritto di contare è una parabola di emancipazione femminile che sfoglia una pagina sconosciuta della NASA a cui si aggiunge la lotta quotidiana per il riconoscimento dei diritti civili degli afroamericani.

Il film mette in scena efficacemente il razzismo e il sessismo ordinario dei bianchi, concentrandosi sui drammi silenziosi che muovono la Storia in avanti e segue l'esplorazione spaziale americana attraverso lo sguardo di tre eroine intelligenti e ostinate che hanno cambiato alla loro maniera il mondo.

Nella Virginia segregazionista degli anni Sessanta, la legge non permette ai neri di vivere insieme ai bianchi. Uffici, toilette, mense, sale di attesa, bus sono rigorosamente separati: da una parte ci sono i bianchi, dall'altra i neri.

La NASA non fa eccezione: i neri hanno i loro bagni relegati in un'area lontana da tutto, bevono il loro caffè, sono considerati una “forza lavoro flessibile” di cui disporre a piacimento.

Katherine, Dorothy e Mary sono la brillante variabile che permette alla NASA di inviare un uomo in orbita e poi sulla luna. La prima matematica, la seconda supervisore di fatto (ma non ufficialmente) di un team di “calcolatrici” afroamericane e la terza aspirante ingegnere si battono contro le discriminazioni (sono donne e sono nere!), imponendosi  poco a poco sull'arroganza di colleghi e superiori. Confinate nell'ala ovest dell'edificio, finiscono per abbattere le barriere razziali con grazia e competenza.

I calcoli necessari all'esplorazione spaziale sono eseguiti manualmente dalle “colored computers”: un team di donne nere che “contando” aiutano i loro colleghi uomini a scrivere la Storia. Reclutate a buon mercato dalla NASA per volare più forte e più in alto, restano a terra e isolate. Lavoratrici indefesse e visionarie, le protagoniste del film devono provare due volte la propria competenza, messa in discussione dal genere e dal colore della pelle. A guidarle, sulla luna e in terra, c'è il “capo gruppo” Al Harrison per il quale la missione non ha colore, così come il genio: è al suo fianco che Katherine combatte contro la discriminazione, l'ingiustizia e trova l'equazione per toccare la luna con un dito.

(Fonti utilizzate: https://www.mymovies.it/film/2017/hiddenfigures/; http://www.cinemaesperiabastia.it/films/il-diritto-di-contare/)


Torna su