Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Fildiluna. Ballata per due funamboli PDF Stampa E-mail
Poesia
Scritto da Antonio Prete   
Sabato 02 Luglio 2011 08:59

“Una casa pensile in aria sospesa con funi a una stella”

 

 

 

(Leopardi, Zibaldone , 1 ottobre 1820)

 

 

Fildiluna,

quaggiù sui rovi sugli spini scendi,

tra i merli delle torri ti distendi.

 

Fildiluna,

gli alberi ti trattengono tra i rami

perché la brina faccia i suoi ricami.

 

Fildiluna,

le ombre t’accolgono sulla collina,

sbrogliano, tessono fino a mattina.

 

Fildiluna,

nell’ora che laggiù l’oriente imbruna

 

t’insinui silenzioso nella cruna.

 

 

 

 

Fildiluna,

intorno ai faggi e ai pini ti ravvolgi

poi lungo il dorso dei poggi ti svolgi.

 

Fildiluna

che vedi ansia,  spaurimento, ferita

fai leggero chi s’affanna in salita.

 

Fildiluna,

la solitudine dello straniero

allieva col sorriso sul sentiero,

anche se invece d’oasi e  di palmizi

c’è solo asfalto tra grigi edifizi.

 

Fildiluna,

sospendi le atrocità che la terra

in ogni dove distribuisce  e sferra.

 

Fildiluna,

tutti i destini in una rosa aduna,

sosta, ruota agile della fortuna,

sul seggio d’un sovrano assente,

sulla porta  d’un mondo inesistente.

 

Fildiluna,

aerea spada che sciaboli il vento,

fatata musica dal  suono spento,

bianco gomitolo fatto di niente,

resta, luce di luce, tra la gente.


Torna su