Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Memorie Narranti: l'Università Popolare aderisce all'iniziativa del Patto per la Lettura in occasione della giornata della memoria
Si riproduce il comunicato ufficiale sull'evento: MEMORIE NARRANTI – Giornata della memoriaIn occasione della Giornata della memoria, celebrata a livello internazionale il 27 gennaio, il Patto... Leggi tutto...
Programma gennaio 2021
Programma Gennaio 2021 Martedì 5 gennaio, ore 18,00 – replica della performance del Laboratorio Teatrale dell’Università Popolare Aspettando Gesù, musica e pièce di Michele Bovino  ... Leggi tutto...
Home
Raffaele Spongano e il suo Salento PDF Stampa E-mail
Sallentina
Martedì 06 Settembre 2011 08:08

[in Da Dante a Croce. Proposte, consensi, dissensi, Congedo Editore, Galatina, 2005, pp. 163-169. Pubblicazioni del Dipartimento di Filologia, Linguistica e Letteratura dell’Università di Lecce]

 

A Raffaele Spongano

per i suoi cento anni.

 

Sento un certo disagio nell’iniziare a scrivere questo pezzo non so se di ricordi o di cronaca o di storia, in onore di Raffaele Spongano. Come farò a parlare di lui e del suo, del nostro, Salento, per festeggiare i suoi cento anni, io che ne ho soltanto dieci di meno (anzi nove e cinque mesi), senza parlare di me, salentino come lui?, e che mossi, ancor ragazzo si può dire, i primi passi d’italianistica sotto lo sguardo rigoroso, severo, ma anche affettuoso e incoraggiante di lui, mio professore di italiano nella seconda classe del Liceo classico “Colonna” a Galatina? Si era nel 1932-33, ed egli ne aveva vent’otto, di anni, fresco professore di ruolo nei Licei, ed io diciotto, fra i banchi di fronte a lui, studentello curioso, avido, caotico autodidatta, e per giunta discoletto e pronto alla battuta pungente. Difficile davvero, per me, fermare senza emozione nel tempo e sulla carta il lungo e operoso impatto di Raffele Spongano con il suo Salento. Eppure, quando, col caro Pasquini, si progettò questa iniziativa per il centenario che rapidamente s’appressava, io di botto e con immediatezza assoluta formulai per me l’argomento: “Spongano e il suo Salento”, senza rendermi conto che fatalmente quel “suo” si sarebbe mutato in “nostro”. Ma ormai tant’è; e così sia.

Per continuare a leggere, clicca qui.


Torna su