Programma di Dicembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Lunedì 2 dicembre, sala Contaldo, ore 18,00: prof. Vincenzo Mello, Myflor e Flormart 2019: Orto-Floro-Vivaismo internazionale. Venerdì 6 dicembre, sala... Leggi tutto...
Programma di Novembre
UNIVERSITA' POPOLARE ALDO VALLONE GALATINA Martedì 5 Novembre, ore 17,45 sala Contaldo : cineforum Belle. La ragazza del dipinto, a cura di Roberta Lisi   Giovedì 7 novembre, ore 17, Lecce,... Leggi tutto...
Si ricomincia...
Dopo la pausa estiva, interrotta dall'Open Day che come sempre ci ha permesso di incontrarci e presentare le nostre attività ad amici e soci vecchi e nuovi, il nostro anno accademico 2019-20 ha... Leggi tutto...
Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
VIA FEDELE ALBANESE 12 PDF Stampa E-mail
Poesia
Scritto da Antonio Mele/Melanton   
Mercoledì 02 Novembre 2011 06:45

Adesso che sono qui fermo di fronte

al numero 12 di via Fedele Albanese

dentro un meriggio d’agosto

slavato perfino da una pioggia minuta

che a malapena irrora

la memoria rappresa

sulla facciata stinta dell’antico rossore,

al balcone rimando i miei pensieri,

e vedo

nei vasi la menta rifiorire

mentre brucia il respiro indovinando

i lieti passi, i sorrisi, e quelle voci

del mio tempo prestato ad altro tempo.

 

 

 

Il portoncino è forse da rifare,

ma tiene ancora questo legno nodoso,

col battente di ferro ancora saldo

come i sogni di ieri,

la scala che c’è dietro è sempre pronta

a raccogliermi e andare,

sui gradini rivolti al paradiso,

nel mentre che risalgo

a profumi di cibi, a mani, a volti

aperti e stesi nelle stanze ordinate

tra sussurranti penombre di dolcezza.

 

E giù per strada,

nelle corti fiorite di basilico,

con obese cicale all’aria del favonio,

eccoli che risorgono in saluto

i nostri padri bambini,

e donne aurore,

e finanche il carretto adagio sale

dall’angolo coi frutti di stagione:

tutto è pronto a morire

per vivere di nuovo.

 

Raduna ultime lacrime d’amore

il vecchio sole

nel pluviale malmesso,

e al silenzio dischiude un altro cielo.

 

Galatina, agosto 2008


Torna su