Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home Sallentina Poesia salentina
Poesia salentina
Lu pasticciottu PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Scritto da Giovanna Scaramella Barone   
Mercoledì 13 Luglio 2016 12:15

Era Dumineca, tenìa tridici invitati,

rriata quasi a menzatia, stracca te la fatia,

(ìa fattu le purpette cu llu sucu,

la pasta fatta a casa,

la carne mpanata e fritta,

le marangiane cu l’agghiu e la menta),

lliati de mienzu le straquenzi,

cu mme giustu lu stomacu me bbeì

nnu bbichhieri te vinu.

Era friscu e frizzantinu, parìa cchiui nnu spumantinu,

ma mmaletettu, era traditore

e me fice sentire intru a tuttu lu cuerpu

nnu buggliore.

Pisuli pisuli rriai a llu liettu

e cercai nnu picca te regettu.

Me ddurmescì e fici nnu sennu mutu stranu,

iddi nu nunnu ca me pigghiau pe manu

e me ndusse nnanti a nn’Angelu te nostru Signore

ca burberu me disse:

“Te presenti a st’ura  a Nostru Signore

senza li pasticciotti, nu sienti ca te la terra sale la  ndore?

“Quali pasticciotti, Angelu te lu Signore?”

“Nu sta bbieni te Galatina? E nu canusci

li pasticciotti te l’Andrea Ascalone?

Quandu unu more ete tradizione

ca  an paraisu

ha portare li pasticciotti te l’Ascalone,

se no an celu nu pote trasire.”

“Scusa, Angelieddhu, ma l’Andrea nun ha muertu?

Nu bbe pote dare la lezzetta?”

“Sine, ma qua subbra nu se pote cucenare,

nu tenimu lu furnu cu li putimu nfurnare.”

“Angelieddhu te lu Signore,

se subbra a lla terra me faci turnare,

moi ca lu sacciu,

quandu mueru te li pozzu purtare.

ma moi lassame scire,

li figghi mei me sta spettanu pe mangiare.”

Nu sentì la risposta

ma sentì  nna ndore de crema e cannella

ca te menà a nterra.

Aprì  l’ecchi e bbiddi l’Ornella

cu nna spasa  te buccunotti

ca puru an cielu su canusciuti

te l’Angelieddhi cannaruti.


Traduzione in vernacolo leccese del sonetto 66 di William Shakespeare PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Scritto da Giovanna Scaramella Barone   
Venerdì 17 Gennaio 2014 17:26

 

Stancu de tuttu cercu la pace de la morte

Stancu cu bisciu ci mmereta scire sempre demertu

e li  bueni a nulla sempre a festa parati

e la fede cchiù pura continuamente tradita

e l’alti onori spergugnatamente dati a cci nu sse li mmereta

e la virtù certa catisciata e l’onestà delusa

e ci ole agisca bbattutu da cuerpi a tradimentu

e l’arte de ci ni cumanda costretta a llu silenziu

e a llu geniu date recule de parte de pacci ignoranti

e la semplice virtù scangiata pe semplicità

e lu bene in servitù e lu male ca la face de patrunu

stancu de tuttu ulia me ndiau,

ulia lassu tuttu

se nu bbera ca murendu lassu sulu l’amore miu.


Allu Mmamminu (Al Bambin Gesù) PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Scritto da Giovanna Scaramella Barone   
Martedì 24 Dicembre 2013 20:48


Quando li rre maggi iddera

ddha stella ca lucia

e bbenchia lu celu te sprendore

dissera:

“Eccu ha scisu sulla terra lu Messia,

ca ete te lu mundu sarvatore ».

 

Se misera an caminu

e quandu rriara a llu paise

de Erote, ni dissera :

«Canusci ssignuria

lu paise addunca è natu lu messia ? »

 

 

“None -  ni respuse – ete la prima fiata

ca nde sentu parlare

ma  se lu ttruati

me avvisati

cussì   puru ieu lu pozzu onorare

e quarche  cosa ni pozzu rrecalare.

 

Camenara e camenara li rre maggi

secutandu la stella ca lucia

e lu ttruara intru alla  crotta

ddunca ncora stia.

Se ngenucchiara nnanti allu Messia

e oru, argentu e mirra ni dunara,

ma alla reggia de Erote nu turnara

percè capera

ca quiddhu ia dittu nna buscia

e ulia lu Mmamminieddhu

cu llu ccia

percè già se sapia

ca lu Messia

lu mundu ia rreutare.

 

Leggi tutto...

"Cari frati e care soru, bongiornu..." PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Scritto da Giovanna Scaramella Barone   
Mercoledì 20 Novembre 2013 06:51

Cussì Papa Frangiscu

a lli fedeli s’ha presentatu

lu giurnu ca su llu tronu

te San Pietru s’ha ssettatu.


La ggente ca nu se spettà

n’approcciu cussì a lla bbona

ha penzatu scuncertata:

“Nàh, pare unu te nui,

uei bbiti ca l’imu nduenata

e ca lu papa neu

ndrizza le cose torte

e chiude le porte

a llu malaffare

e sape ccenca ha fare

cu lli potenti

cu iuta li nullatenenti?”


Leggi tutto...

La ecchiezza (De senectute) PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Scritto da Giovanna Scaramella Barone   
Sabato 15 Dicembre 2012 07:09

Cu llu Peppinu me fici ieri

nna cumbersazione, ni dissi

ca alla chiazza, la matina

ia ttruatu nn’amica,

la Cosimina,

ca tutta presciata m’ia cercatu:

“ comu me ttrei? m’ha dittu la Dora

ca su ringiovanita”.

 

“Nu te fidare - ni repusi –

quando nn’amica se complimenta

pe l’aria toa giovanile

ole ddire ca sta pensa

ca l’eta’ t’ha rimbambita

perce’ uei te scundi l’anni

cu nnu picca te russettu

e ricchi panni."

 

“Perce’ me sta mmini peccussine

a nterra,

cce t’aggiu fattu

cu me faci tanta guerra?”

 

Leggi tutto...

<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2
Torna su