Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home
Università Popolare "Aldo Vallone" - Galatina
Il sogno della Giustizia 1 PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Rino Duma   
Giovedì 16 Giugno 2011 17:29

LA PIRAMIDE UMANA

 

Giorno verrà in cui le montagne scenderanno a valle e le valli s’innalzeranno ad altopiani,

sicché tutto si disporrà sullo stesso livello ed ogni uomo potrà ammirare, con sguardo unico,

lo stupendo spettacolo della natura e godere, in pari misura, dei suoi frutti”. (MdS)

 

 

Parto da una premessa. Come gli esseri umani, anche gli alberi sognano. Solitamente lo fanno d’inverno. Sognano di ricoprirsi di un rigoglioso mantello di foglie, di mettere fiori a bizzeffe e frutti a bizzeffe, per poi donarli all’altrui vita. È questa l’unica finalità che connota la vita degli alberi, oltre a quella legata alla loro riproduzione.

Leggi tutto...

SCRITTI SCOLASTICI E SOCIALI 3 PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Antonio Errico   
Mercoledì 15 Giugno 2011 08:38

I GIOVANI SPENGONO LA TELEVISIONE MA I RISCHI RESTANO

Fra qualche tempo -  fra alcuni, pochi anni -  forse rimpiangeremo anche la televisione kitsch, trash, stupida, rozza, volgare, sfacciata, becera, sguaiata.

Fra qualche tempo ci sembreranno ridicoli e finanche un po’ vili gli anatemi che abbiamo scagliato contro di essa, ci sembreranno assurde e culturalmente puerili, da infanzia della civiltà, le paure che abbiamo avuto,  sciocche le sociologie che abbiamo fatto, pretestuose le argomentazioni che abbiamo elaborato per dire che stava appiattendo le menti, omologando i comportamenti, impoverendo il nostro universo di parole. I gridi di allarme di Karl Popper ci sembreranno esagerati, perché il lupo non era poi così cattivo. In fondo, era una bestia che si poteva facilmente addomesticare.

Accadrà questo fra qualche tempo, fra alcuni, pochi anni.  Quando gli adolescenti di oggi diventeranno giovani, diventeranno uomini e donne, e la televisione per loro sarà soltanto uno sbiadito ricordo di bambino, sarà quello che per gli adulti sono i cantastorie che arrivavano nelle piazze nelle malinconiche sere d’autunno, fino a quarant’ anni fa. Perché Internet sta gradualmente e rapidamente sostituendo la televisione.

Leggi tutto...

SCRITTI SCOLASTICI E SOCIALI 1 PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Antonio Errico   
Mercoledì 08 Giugno 2011 06:56

[Presentiamo in questa rubrica alcuni scritti di Antonio Errico già editi nel “Nuovo Quotidiano di Puglia” nell’ultimo anno]

 

QUALITA’ E MERITO. SLOGAN VUOTI PER LA SCUOLA

Da tempo, da almeno un decennio, in ogni contesto in cui si parla di scuola, circolano due parole che sembrano costituire la soluzione di tutti quei problemi che attraversano il sistema formativo italiano, dalla scuola dell’infanzia all’università. Qualità e merito: queste sono le parole. Con le loro stratificazioni semantiche e tutte le sfumature teoriche, filosofiche, pragmatiche, ideologiche, politiche, sindacali, corporative.

Con tutti i dubbi o le perplessità, i distinguo, le differenze sostanziali e formali, i pregiudizi, gli alibi, i pretesti, le accuse, le difese, le fughe in avanti, i passi indietro.

Leggi tutto...

SCRITTI SCOLASTICI E SOCIALI 2 PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Antonio Errico   
Domenica 12 Giugno 2011 08:30

IL MONDO GIOVANILE E’ LO SPECCHIO DELLE NOSTRE COLPE

Tutto quello che non hanno è quello che non gli abbiamo dato e non gli diamo. Quello di cui li accusiamo sono le nostre stesse colpe, i nostri fallimenti, le nostre assenze, le omissioni, i tradimenti. Quello che non sanno è quello che non siamo stati capaci di insegnargli. Quello che non fanno è quello che non abbiamo saputo fargli fare. Diciamo che sono distanti dalla politica, dall’impegno, ma siamo stati noi ad allontanarli con le nostre proposte senza prospettiva, distanti dai loro codici, dai loro modelli. Diciamo che non hanno valori ma evitiamo di domandarci se siamo riusciti a consegnare qualche valore autentico alla loro sensibilità, alla loro intelligenza, al loro tempo. Non hanno passioni perché non abbiamo avuto motivi e capacità di appassionarli. Non hanno idee di rivoluzione perché nelle rivoluzioni non ci credono. Non si indignano. Protestano blandamente. Non hanno bandiere perché non trovano una bandiera sotto la quale difendere le loro speranze, i loro progetti: gliele abbiamo sottratte, le abbiamo ammainate, le abbiamo strappate. Non hanno santi e non hanno eroi. Hanno malinconie incredibili e stupori favolosi e una fragilità senza misura, sconfinati pudori, provocazioni innocenti. Poi hanno stanchezze tremende: sono stanchi dei nostri discorsi formali, dei pregiudizi, dei preconcetti. Sono stanchi della nostra incapacità di comprendere le loro inquietudini,  le loro asprezze , le loro dolcezze.

Leggi tutto...

Allegro Vivace 4 PDF Stampa E-mail
Prosa
Scritto da Antonio Mele/Melanton   
Venerdì 03 Giugno 2011 07:37

[Già pubblicato ne "IL CARABINIERE", aprile 2009]

 

Viaggio nei

PROVERBI D’ITALIA

Tradizione, filosofia, sorrisi e curiosità nell’antica saggezza popolare

 

Ci sono storie che non finiscono mai. Che non si sa neppure quando siano nate e da chi. Storie sempre attuali, capaci di conservare e rappresentare nel tempo il tessuto più significante e profondo della civiltà di un popolo, della sua cultura e identità.

Le storie dei proverbi, ad esempio: pillole di saggezza impareggiabili e inestinguibili alle quali attingiamo, spesso anche inconsapevolmente, come ad una limpida fonte.

Diffusi fin dall’alba dei tempi in tutte le letterature del mondo, compresa la Bibbia, e tenuti in alta considerazione anche dai grandi filosofi greci (come Aristotele, che ne fu il primo raccoglitore), i proverbi rappresentano un prezioso patrimonio di sapere popolare che compendia tutti gli aspetti distintivi della nostra natura e della nostra vita quotidiana, eternamente cadenzati e contrapposti tra bene e male, tra vizi e virtù, tra sacro e profano, in un multiforme caleidoscopio di varia umanità.

Leggi tutto...

<< Inizio < Prec. 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 Succ. > Fine >>

Pagina 510 di 510
Torna su