Programma aggiornato di marzo e ordine del giorno della prossima assemblea
A causa dell'assenza di soci e membri del Consiglio Direttivo nella data precedentemente indicata, l'Assemblea dei soci programmata per il 1° marzo è stata rimandata a giovedì 7 marzo alle ore 18,... Leggi tutto...
"La signora dello zoo di Varsavia" al cineforum dell'Università Popolare
La scelta di riservare il primo lunedì di ogni mese al nostro cineforum ci permette di cominciare il 2019 con La signora dello zoo di Varsavia: la scelta di Roberta Lisi, alla quale dobbiamo il... Leggi tutto...
Programma gennaio 2019
Dopo le festività natalizie, le attività dell'Università Popolare riprenderanno lunedì 7 gennaio, col consueto appuntamento col cineforum curato da Roberta Lisi, come sempre programmato per il... Leggi tutto...
Anticipo orario conferenza di venerdì 23 marzo
Come anticipato a voce ieri, in occasione della emozionante performance poetica organizzata dal nostro Laboratorio di poesia, la conferenza di venerdì 23 marzo della prof.sa Alberta Giani... Leggi tutto...
Per ricordare meglio la nostra visita a Cavallino
Uno dei momenti più emozionanti della nostra gita culturale a Cavallino, domenica scorsa, è stata la lettura  di un breve estratto dalle memorie del duca Sigismondo Castromediano (Carceri e... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home Università Popolare
Università Popolare
A dieci anni dalla scomparsa di Aldo Vallone 2: Inferno II PDF Stampa E-mail
Aldo Vallone
Giovedì 17 Maggio 2012 11:31

DIVINA COMMEDIA: INFERNO - COMMENTO CANTO II

in

Aldo Vallone e Silvio Pasquazi, nella prestigiosa cornice della biblioteca Vallicelliana di Roma, commentano il Canto II dell`Inferno. Nell`invocazione alle Muse, che apre il canto, si ravvisa il tema, ricorrente, della "memoria storica", ossia delle insicurezze e dei timori di Dante, che ha paura di non riuscire a rappresentare fedelmente ciò che ha visto nel viaggio. A questo tema si collega quello della "viltà", o meglio della sfiducia di Dante in se stesso, del suo non sentirsi più all`altezza di fronte al compito assegnatogli. Perché proprio a lui la possibilità di visitare l`aldilà? Il suo viaggio risponde ad un disegno provvidenziale, ad un volere divino. Solo grazie al conforto di Virgilio e alle rassicurazioni delle tre donne celesti, la Madonna, Santa Lucia e Beatrice, Dante ritroverà la sicurezza che gli serve. Anche nel Paradiso, preannunciano i commentatori, l`avo Cacciaguida sarà orgoglioso che Dante, suo discendente, sia stato prescelto per l`alto compito.

Clicca qui


A dieci anni dalla scomparsa di Aldo Vallone 1: Inferno VI PDF Stampa E-mail
Aldo Vallone
Giovedì 03 Maggio 2012 08:17

DIVINA COMMEDIA: INFERNO - COMMENTO CANTO VI

 

In

Aldo Vallone e Silvio Pasquazi, nella suggestiva cornice della biblioteca Vallicelliana di Roma, commentano il sesto Canto dell`Inferno. Si tratta di un canto breve, ma denso di significato e di rimandi. Tutti i sesti canti infatti contengono il tema politico. Questo, inoltre, è intriso di realismo e cortesia, di contrapposizione tra toni mesti e toni forti, caratteri tipici della tragedia. Tra le anime dei golosi, Dante incontra il fiorentino Ciacco, che è qui personaggio basso, contrapposto all`alta funzione che gli viene affidata nel pronunciare il messaggio politico e nel vaticinare le vicende fiorentine tra il 1300 e il 1302. Al centro dell`invettiva contro Firenze, dicono i commentatori, dominata da superbia, invidia e avarizia, aleggia, per contrapposizione, una precisa nozione di "umanesimo civile". Dove si trovano le anime più insigni della Firenze di Dante? Nei cerchi più bassi: tra eretici, sodomiti e seminatori di discordie, risponde Ciacco. Qui Vallone e Pasquazi rimarcano il tema della imprevedibilità dei disegni divini. "Quando tu sarai nel dolce mondo..." è il dolcissimo commiato di Ciacco a Dante, il quale subito ripiomba, per contrapposizione, in uno stato di ebetudine. Il canto si chiude, infine, con una "questio filosofica" sul ricongiungimento di anima e corpo dopo il giudizio universale.

Clicca qui


COMUNICATO STAMPA PDF Stampa E-mail
Rassegna stampa
Lunedì 31 Ottobre 2011 07:23

Oggi, lunedì 31  ottobre 2011, alle ore 18.00, presso il Museo “Pietro Cavoti” nel Palazzo della Cultura (1° piano) a Galatina, si terrà l’INAUGURAZIONE DELL’ANNO ACCADEMICO 2011-2012 dell'Università Popolare "Aldo Vallone" di Galatina.

Le attività dell'Associazione quest'anno saranno inaugurate da Antonio Mele/Melanton.

Accanto ai tradizionali incontri con studiosi di vari ambiti disciplinari che tengono le proprie relazioni su argomenti che spaziano dalla letteratura al diritto, dall'economia alla tutela dell'ambiente, dalla medicina alla storia locale - solo per fare qualche esempio -, le attività dell'Università Popolare prevedono per quest'anno accademico un'offerta diversificata: il cineforum a cura di Stella Fanelli; la presentazione di  libri e opere d'artista; una serie di seminari che saranno attivati progressivamente nel corso dell'anno, a cominciare da un seminario sulle strategie della comunicazione tenuto da Elisa Albano.

Si invita la cittadinanza a prendere parte alla serata inaugurale, alla quale sono stati invitati il sindaco e l'Amministrazione comunale, con l'augurio che l'intera comunità possa crescere nei prossimi mesi, in nome di una cultura che ci rende vivi e va considerata un bene irrinunciabile.



L’Università Popolare “Aldo Vallone” di Galatina PDF Stampa E-mail
Rassegna stampa
Scritto da Gianluca Virgilio   
Domenica 30 Ottobre 2011 07:15

Il 31 ottobre 2011 si inaugura la nuova stagione di lezioni e incontri con un saluto di Antonio Mele/Melanton.


[ne "il Galatino" del 28 ottobre 2011]


Crisi dell’associazionismo?

Essendo giunto l’autunno, come ogni anno riprendono le lezioni dell’Università Popolare “Aldo Vallone” di Galatina. Credo sia necessario accompagnare questo nuovo inizio con una riflessione.

Negli anni scorsi, mi sono accostato all’Università Popolare “Aldo Vallone” per gradi, dapprima frequentando alcune lezioni di particolare interesse, avendone notizia dalle pagine de “il Galatino”, poi perché, cooptato da un gruppo di amici, mi sono trovato e mi trovo tuttora a dare un contributo alla gestione dell’Associazione.

Avendo constatato che perlopiù le lezioni erano frequentate da anziani – il che non era per me motivo di meraviglia, dal momento che l’associazione è nata nel 1992 come Università della Terza Età -, ho cercato di favorire l’avvicinamento all’Associazione di tutte le fasce d’età,  dagli studenti di scuola media superiore ai trenta, quaranta, cinquantenni, e soprattutto di stringere i rapporti con il mondo della Scuola.

Leggi tutto...

«La comunità è sempre una cosa buona» PDF Stampa E-mail
Rassegna stampa
Scritto da Francesco Luceri   
Domenica 23 Ottobre 2011 06:47

[Articolo apparso in www.galatina2000.it e in www.galatina.it]

 

«La comunità è sempre una cosa buona» scriveva Zygmunt Bauman. Quando questa comunità, aggiungiamo noi, si rende – con altre, poche realtà – funzionale alla costruzione di uno spazio culturale partecipativo, inclusivo e, dunque, democratico, essa non è solo una cosa “buona”, ma anche “utile”. A questo scopo l’Università popolare “Aldo Vallone” di Galatina ha dedicato la sua, ormai, ventennale attività. Fondata, infatti, nel 1992 da Zeffirino Rizzelli, Pietro Giannini ed altri quale “Università della Terza Età”, si è aperta al più vasto pubblico sotto la direzione del prof. Gianluca Virgilio, col nome di “Università Popolare”. Principio ispiratore dell’Università Popolare di Galatina è quello di offrire un aperto spazio culturale finalizzato ad avvicinare alla cultura tutta la cittadinanza, senza distinzione di età, sesso, confessione religiosa, etnia o ceto sociale. Anche per quest’anno l’Università Popolare offrirà alla cittadinanza galatinese e non un ricco calendario di incontri, relazioni e dibattiti ma, rispetto agli anni passati, gli abituali incontri settimanali saranno arricchiti da una giornata dedicata al cineforum ed un’altra dedicata ad incontri con autori locali, artisti, giovani studiosi ed altri personaggi differentemente legati al mondo della cultura. Attualmente è già stato stabilito il calendario delle attività per i primi due mesi (novembre e dicembre) del corrente anno, nel quale saranno presenti anche delle lezioni programmate in collaborazione con la fondazione onlus Popoli e Costituzioni Salento. Nel calendario che conterrà la prossima programmazione sarà, poi, inserita un’altra giornata dedicata ad un costituendo club di lettura per i soci dell’Università. Insomma, un’offerta culturale maggiormente arricchita al fine, come detto, di estendere sempre più il bacino di utenza dell’Università. Inoltre, da questo anno accademico le lezioni potranno, finalmente, a seguito dell’impegno dell’amministrazione comunale di Galatina, svolgersi in un luogo stabile: una delle sale del museo Pietro Cavoti, presso il Palazzo della Cultura intitolato alla memoria di Zeffirino Rizzelli. Vengo al punto con l’auspicio, rivolto a tutta la cittadinanza galatinese, di una collaborazione e di un responso, presso di essa, sempre maggiori, per far crescere e mantenere attiva un’istituzione che da vent’anni opera a servizio della società e della cultura del nostro territorio, avendo per scopo la sua elevazione qualitativa. A tal fine, per chiudere, invitiamo la cittadinanza galatinese a prendere parte all’inaugurazione del nuovo anno accademico, lunedì 31 ottobre, con una relazione del Prof. Gino Pisanò sulla Storia della biblioteca medievale con riferimenti alle biblioteche storiche salentine.


<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 4
Torna su