Nuovo Consiglio Direttivo, Open Day e nuovo Anno Accademico: pronti per ripartire!
MARIO GRAZIUSO Ripresa dell’attività sociale dell’UNIPOP “A. Vallone” di Galatina Confermato il Presidente e affidati gli incarichi ai consiglieri Trascorso il lungo periodo di inattività... Leggi tutto...
Sfogliando Galatina: una iniziativa per ripartire
Dopo questi mesi di inattività forzata, l'Università Popolare ha aderito con entusiasmo a una iniziativa del Patto Locale per la Lettura di Galatina, firmando la prima delle passeggiate letterarie... Leggi tutto...
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni
Riconvocazione Assemblea dei soci ed elezioni Dopo questo lungo periodo di forzata inattività, il Consiglio Direttivo ha trovato, grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale, la sede... Leggi tutto...
Nuova sospensione delle attività
La presenza di casi di coronavirus sul territorio di Galatina e l'ordinanza di chiusura delle scuole emanata dal sindaco ci hanno consigliato un ulteriore consulto medico dal quale è emersa ... Leggi tutto...
Ripresa attività e nuova data per assemblea ed elezioni
Dopo un consulto medico, il Consiglio Direttivo ha deciso di riprendere le attività lunedì 2 marzo alle ore 18, con la conferenza del prof. Mario Graziuso “L’ultima rappresentazione sacra del... Leggi tutto...
In memoria di Piero Manni, editore
Da qualche giorno il Salento e il mondo della cultura sono più poveri: il 22... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Lecce
In allegato il programma della stagione teatrale del Comune di Lecce (teatri... Leggi tutto...
Stagione teatrale a Cavallino
  CITTA' DI CAVALLINO - TEATRO "IL DUCALE" Stagione teatrale 9 Dicembre 2017 -... Leggi tutto...
Finalmente online!
1° Settembre 2010 nasce il sito dell' "Università Popolare Aldo Vallone... Leggi tutto...
Home Università Popolare
Università Popolare
Profilo di Sigismondo Castromediano PDF Stampa E-mail
Aldo Vallone
Scritto da Aldo Vallone   
Lunedì 04 Luglio 2011 06:59

[Profilo di Sigismondo Castromediano, in “La Zagaglia” Rassegna di scienze, lettere ed arti, a. I, n. 1 (marzo 1959), pp. 83-86].

 

Tra i patriori del Salento un posto particolare spetta a Sigismondo Castromediano (Cavalllino di Lecce 20 gennaio 1811 – 26 agosto 1895), che dopo 11 anni passati nelle galere borboniche (30 ottobre 1848 - 15 gennaio 1859), tornò a vivere con umiltà e dignità, con purezza di ideali sempre, tra i suoi concittadini. Il documento di tutta una vita e del carattere di un uomo è consegnato, alle Memorie, che, almeno nelle parti più vive e drammatiche, meritano oggi di essere ricordate accanto a quelle di altri memorialisti ed esuli meridionali: N. Scavoni Carissimo,  N. Palermo, G. Pica, A. Garcea, S. Spaventa, C. Poerio e così via, fino ai sommi F. De Sanctis e L. Settembrini e ai felici cenni ch’è dato trovare nei Ricordi di un orfano di G. Toma. Ma questa è tutta una zona da riscoprire e studiare accanto a quella, ben più nota e circolante nella cultura storica e letteraria, dei memorialisti piemontesi, lombardi e toscani.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Aldo Vallone, Sigismondo Castromediano.pdf)Aldo Vallone, Sigismondo Castromediano.pdf 175 Kb

Che cos'è una Università Popolare PDF Stampa E-mail
Storia
Scritto da Gianluca Virgilio   
Mercoledì 08 Giugno 2011 16:15

Per sapere che cos'è una Università Popolare, clicca qui.


Contributo alla storia del meridionalismo repubblicano in Puglia: Antonio Vallone PDF Stampa E-mail
Aldo Vallone
Scritto da Aldo Vallone   
Mercoledì 08 Giugno 2011 11:50

 

 

Tre persone, certamente, contarono nella educazione e sugli orientamenti politici di Antonio Vallone prima ancora del suo ingresso attivo nella vita parlamentare: Pietro Siciliani, di cui sostenne l’infelice candidatura “irredentista” nel Collegio di Maglie nel 1882; Antonio De Viti De Marco, di cui prima seguì  e poi affianco in venticinque anni le vicende politiche ed elettorali; e soprattutto Guglielmo Oberdan, amico e collega a Roma in due anni di studi universitari presso la Facoltà d’Ingegneria. Persone diverse per studi, carattere, provenienza, estrazione sociale; ma tutt’e tre promossero in lui una visione laica del mondo e dei rapporti tra gli uomini; lo convinsero, per vie opposte, qualvolta, e per linee discontinue, che la civiltà è in progressione perenne, e la sua validità vera è quando assicura (e non turba) le conquiste del popolo. Su questo cammino egli trovava conferma alla ideologia repubblicana e mazziniana, che non gli creava assolutamente contrasti nell’urto col progressismo scientifico dell’età positivistica.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Aldo Vallone, Antonio Vallone.pdf)Aldo Vallone, Antonio Vallone.pdf 17748 Kb

L'UNIVERSITA' POPOLARE DI GALATINA HA BISOGNO DI UNA SEDE PDF Stampa E-mail
Rassegna stampa
Scritto da Gianluca Virgilio   
Giovedì 12 Maggio 2011 11:17

[“Il Galatino” del 12 maggio 2011]

 

Caro Direttore de “Il Galatino”

Dott. Rossano Marra,

 

Le scrivo per chiederLe di farsi portavoce presso l’opinione pubblica di Galatina (e non solo), attraverso queste colonne, del grave disagio che sta vivendo l’Associazione Università Popolare “Aldo Vallone”, alla quale, or sono due anni, dall’oggi al domani e senza alcun preavviso, è stata tolta la sede del Palazzo della cultura “Zeffirino Rizzelli”, dove per molti anni aveva svolto le sue attività. Da allora l’Associazione non ha avuto più pace, dovendo spostare continuamente le proprie lezioni dalla Sala Francescana alla Sala Contaldo all’Aula Magna del I Circolo Didattico. Gli amici, i simpatizzanti, gli stessi soci non sanno più dove trovarci. Siamo molto grati a tutti coloro che ci hanno ospitato, ma è certo che non si può più andare avanti in questo modo. Chiediamo che l’Amministrazione del Comune di Galatina individui un immobile, tra i numerosi di cui dispone (Santa Chiara, l’ex-Casa del Fascio, per es.), e lo destini alle attività dell’Associazione. Senza tema di scadere nella retorica, credo di poter affermare che l’Università Popolare di Galatina, sin dal 1992, ha operato con serietà per la diffusione della cultura e continui a farlo, come tutti possono apprendere consultando l’elenco delle attività presente nel sito ufficiale www.unigalatina.it. La mole di lezioni e di altre attività, come Lei stesso sa, poiché ha la bontà di pubblicarne notizia in ogni numero, è notevole. La nostra Associazione, pur non ricevendo alcuna sovvenzione pubblica, non ha nulla da invidiare alle analoghe dei Comuni vicini, lautamente sovvenzionate e incrementate da Regione, Provincia e Comune. Tuttavia, per continuare a lavorare occorre una sede, che diventi punto di riferimento per quanti, nella nostra Città e nei paesi vicini, hanno a cuore le sorti della cultura, una sede stabile nella quale poter ricevere degnamente i nostri relatori. Affido a Lei, caro Direttore, la richiesta contenuta in questa lettera, con la fiducia che un Suo interessamento presso l’opinione pubblica possa influire sulle decisioni – che speriamo pronte, poiché il nuovo anno è alle porte -, della nostra classe dirigente, che, se per poco smettesse di litigare, potrebbe fare molto per il vantaggio comune.

Con una stretta di mano, Le auguro buon lavoro

Gianluca Virgilio

Presidente dell’Associazione

Università Popolare “Aldo Vallone”

Galatina

 

Caro Professore,
oltre che pubblicare la Sua lettera posso solo perorare la causa del'Università Popolare "Aldo Vallone" che, nata per volontà del prof. Zeffirino Rizzelli e di alcuni amici, dopo la morte del Nostro non ha più avuto pace. Invito la nostra Amministrazione comunale a farsi promotrice di un'azione veramente di grande contenuto culturale e di mettere a disposizione una sede in cui le attività dell'Associazione possano essere regolarmente svolte.
Carissimi saluti
Rossano Marra"

***

La  stessa lettera è stata mandata al Direttore di www.galatina2000.it Tommaso Moscara, che ringraziamo per la seguente risposta (15 maggio 2011):

Carissimo Gianluca (mi permetto di darti del Tu), anche io ho notato questo eccessivo nomadismo delle ultime lezioni dell’ Università Popolare. Di certo la sede del Palazzo della cultura “Zeffirino Rizzelli” è in questo periodo chiusa per lavori di ristrutturazione, come suppongo ben sai si sta provvedendo a sistemare l’infrastruttura per rendere agibile e fruibile al meglio la sala. Comunque il problema resta per un’Associazione che da tanti anni contribuisce a elevare il livello culturale della nostra Città. Ringraziandoti per l’eccessiva importanza che mi attribuisci, pur non potendoti promettere nulla se non il mio personale interessamento, ti posso anticipare che mi muoverò convinto che riusciremo a trovare una soluzione permanente per l’Università Popolare “Aldo Vallone”. Galatina non può permettersi di perdere ciò, sono convinto che con l’inizio del prossimo anno i cittadini galatinesi potranno avere un punto certo dove assistere alle interessantissime lezioni. Intanto questa tua lettera può servire per far conoscere, a chi ancora non lo sapesse, che l’Università Popolare “Aldo Vallone” è aperta a tutti ed è per tutte l’età. Carissimo Gianluca il nostro paese ha bisogno di cultura, questo le varie Amministrazioni lo devono sapere e se ne devono far carico, senza relegarlo tra i problemi minori. Io sono ottimista! Un saluto. T.M.

Tra le voci  intervenute nel  blog di galatina2000 si registra la seguente risposta di Angela Beccarisi, coordinatore culturale di IO SUD:

scritto da angela beccarisi, maggio 16, 2011

Caro sig. Virgilio rispondo pubblicamente su questo blog, perché la stessa domanda era stata posta anche dal prof. Abbate a cui vanno i miei più cari saluti. Si sta cercando di risolvere la situazione e come lei ben saprà e come ha scritto anche il Direttore ci sono delle esigenze infrastrutturali che si sta cercando di risolvere. Comunque è stato assicurato che da settembre l'Università Popolare avrà una sua sede definitiva. Dovrete solo pazientare un po’. Ma credo che ne varrà la pena.

Cordialmente
Angela Beccarisi (coordinatore culturale IO SUD)

 

Sollecitato con la stessa lettera anche il Direttore di www.galatina.it Dino Valente, così ci risponde (e noi lo ringraziamo) in data 17 maggio 2011:

Caro Presidente, sono andato su www.unigalatina.it ed ho prelevato la foto del professor Aldo Vallone che vede qui pubblicata. La ringrazio per l'autorizzazione che non Le ho chiesto ma, sono sicuro, che non mi avrebbe negato. Non lo visitavo da molto e sono rimasto veramente colpito dalla quantità di materiali preziosi che siete riusciti a mettere a disposizione di tutti. Proprio ieri mattina mi è capitato, fra l'altro,  di toccare l'argomento Università "Aldo Vallone". Non credo di rivelare segreti particolari scrivendo che è stato  proprio l'Assessore alle politiche giovanili a dire: "Dobbiamo anche sistemare l'Università popolare e lo faremo senz'altro quando ci verrà consegnato il Convitto i cui lavori dovrebbero terminare nel giro di un mese. Avremo anche la Sala Contaldo bene attrezzata. Nel giro di un paio d'anni, poi, saranno pronti il Centro polifunzionale, inserito nei Pirp, e quello della vecchia scuola elementare di Noha". A detta dell'assessore, dunque, basta avere pazienza. Teniamoci informati. (d.v.).

Da ultimo, in data 31 maggio 2011, l’Assessore Francesco Carrozzini ha rilasciato questa dichiarazione al pubblico dell’Università Popolare: clicca qui per il video.

Ringraziamo tutti e... speriamo bene...!


L’Università per tutte le età della vita PDF Stampa E-mail
Rassegna stampa
Scritto da Gianluca Virgilio   
Domenica 24 Ottobre 2010 06:40

[ne "Il filo di Aracne", anno V, n.  4, settembre-ottobre 2010]

Riprendono le lezioni dell’Università Popolare “Aldo Vallone”


Ho il piacere di annunciare a tutta la comunità cittadina (e non solo) che le attività dell’Università Popolare “Aldo Vallone” di Galatina (anno accademico 2010-2011) ricominciano a pieno ritmo, secondo il calendario pubblicato nella pagina a fianco. Dico che è un piacere, perché, finita la lunga estate salentina fatta di clamori e di eventi, all’approssimarsi dell’autunno i nostri paesi sembrano piombare improvvisamente nel silenzio, come se tutte le energie fossero state profuse durante i mesi estivi e non fosse rimasta più la forza per fare nulla. L’Università Popolare, allora, rompe questo silenzio e dà vita a una serie di lezioni e di attività che accompagneranno i cittadini fino alla primavera inoltrata.

Ancora una volta è necessario ripetere che l’Università Popolare di Galatina è un’associazione aperta a tutti, ovvero a tutti i mestieri, le professioni, le età, gli individui, e soprattutto – qualcuno, infatti, sembra non averlo capito – che non è un ghetto di anziani. Secondo la nostra concezione delle età della vita, l’anziano, quando non sia il vecchio malvissuto di manzoniana memoria, è il principale interlocutore del giovane, cui fornisce, con la sua esperienza, esempio e indirizzo di vita. Come potrebbe accadere ciò se tra giovane e anziano (ma intendi: tra tutte le età della vita) non corresse uno stretto rapporto?

Nessuna barriera, dunque, deve separare gli individui gli uni dagli altri, se non quell’abisso che naturalmente divide coloro i quali riconoscono e apprezzano i valori della cultura da quelli che invece non li riconoscono e non li apprezzano. Ora, non chiedetemi che cosa intendo per “valori della cultura”, perché il direttore di questo foglio mi ha intimato di essere breve. Ma sono certo che intelligenti pauca e che, dunque, non c’è bisogno di appulcrar parole.

Non solo l’Università Popolare è un luogo di elaborazione culturale che coinvolge tutti, ma altresì la sua vocazione non potrà che indirizzarla in particolare verso il mondo della Scuola, cui la nostra Associazione guarda con attenzione, sollecitando quell’apertura al territorio che è sulla bocca di tanti operatori scolastici, ma poi, se si bada ai risultati effettivamente raggiunti, rimane sempre lettera morta. Già l’anno scorso questa apertura al mondo della Scuola ha dato ottimi risultati, stando alla partecipazione alle lezioni di numerosi studenti e docenti di varie scuole. Ora si tratta di proseguire su questa strada.

Quest’anno l’Associazione mette a disposizione di tutti, per qualunque informazione sull’Università Popolare (e non solo), un nuovo sito, cui si potrà accedere digitando www.unigalatina.it. In esso è nostra intenzione raccogliere le lezioni e i contributi che gli studiosi nostri ospiti e nostri amici vorranno donare per la pubblica utilità. Consultatelo, dunque, e fateci pervenire i vostri consigli.

Infine i ringraziamenti: innanzitutto ai monaci della Basilica di Santa Caterina d’Alessandria, nella persona di Padre Massimo, che ci hanno concesso l’uso della Sala di Cultura Francescana, dove quest’anno si terranno le lezioni dell’Università Popolare; e anche alla Dirigente del I Circolo Didattico di Galatina, dott.ssa Anna Antonica, che con la sua solita gentilezza, ospiterà per il secondo anno consecutivo alcune attività dell’Università Popolare.

Bene, è tempo di andare a lezione. Auguro a tutti un sereno anno accademico.


<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 5
Torna su