Un viaggio di Capodanno... Stampa
Video vari (2010/14)
Martedì 31 Dicembre 2013 11:31

 

Новогоднее путешествие (New Year's journey)


Traduzione di Tatiana Bogdanova Rossetti

 

Dim lights Embed Embed this video on your site


Un bambino a casa... si ferma davanti ad una foto grande su cui c’è una dedica:

Al caro Kolja da papà

Villaggio Mirnyj (di Pace)

Antartide

Il bambino: “Mamma, papà oggi avrà l’Abete di Capodanno?!”...

La mamma: “No figliolo, in Antartide non crescono gli abeti!”...

Il bambino: “Ehee... Allora papà non avrà oggi l’Abete di Capodanno!... No, papà deve avere l’Abete!”...

Il taxista: “Si accomodi!... Dove ordina di portarLa?”...

Il bambino: “ in Antartide!”...

Il taxista: “Dove?!”...

Il bambino: “in Antartide... Al Polo Sud... Lì lavora il mio papà!”...

Il taxista: “Il papà!... ehe!.. Ma vedi, c’è un intoppo... Non mi basterà la benzina... Come potrei aiutarti?!... Ah! Guarda, quello lì, è Nonno Gelo!... Ecco chi ti aiuterà!”...

Il bambino: “Salve a Lei, caro Nonno Gelo!”...

Nonno Gelo: “Salve, Kolja!... Allora, quale regalo vorresti ricevere da me?!”...

Kolja: “Io, io, Nonno Gelo...”.

Nonno Gelo: “Lo so... E’ molto lontano, dove ti sei preparato ad andare... Bene, d’accordo, ti aiuterò... Ricordati, Kolja, quando l’orologio rintocca dodici volte, tu dovrai fare in tempo ad arrivare al volo da tuo papà in Antartide... Col primo rintocco dell’orologio inizierai il volo... Ma devi precipitarti, perché coll’ultimo rintocco svanirà l’incantesimo (la magia) del Capodanno!... Hai capito?”...

Kolja: “Ho capito!.. Ohia! E’ già il primo rintocco!”...

Nonno Gelo: “ Dài, vola!”...

Kolja: “Nonno Gelo, è Lei come farà adesso?!”...

Nonno Gelo: “Oh! Io ora anche con un taxi arriverò per tempo dappertutto!”...

Kolja sorvola la Moldavia... con la sua danza tipica, l’Ungheria... idem...

Kolja: “Il secondo rintocco!”...

Vola sopra l’Italia... con la danza napoletana di P. Čajkovskij... Il Mar Mediterraneo...

Kolia: “Fa caldo!... Si vede l’Africa è vicina... (AFRICA)...”

Kolja: “E’ il Simun... Sono spacciato!... Il terzo rintocco!”...

Il leone: “Fermati!”...

Kolja: “Il quarto rintocco!”...

Il leone: “Fermati!... Ti sto dicendo...”...

Kolja: “Non mi mangi, per favore, caro zio Leone!”...

Il leone: “Sciocchino di un bambino!... E secondo te io aggredirei un piccolo... Anch’io ho dei figlioli! Io volevo solo di domandarti, dove sei riuscito a trovare l’Abete?”...

Kolja: “Sulla via Arbat, a Mosca!”...

Il leone: “Ehehe!... Io invece, capisci, corro per l’Africa inutilmente!”...

Kolja: “Io Le darei volentieri il mio Abete... ma lo sto portando a papà in Antartide!... Oh! E’ il quinto rintocco..”... Si sta per andare, ma ritorna: “Mi dica, per piacere, dov’è il Polo Sud?”...

Il leone: “Sempre dritto e poi a destra”...

Kolja: “Grazie! Caro Leone, La prego, mi aiuti ad arrivare da papà...”...

Il leone: “Monta su... Tieniti forte!”...

Kolja: “E’ il sesto!... Più veloce, più veloce, caro zio Leone!”...

Il leone: “Uff... io ho finito!... Eh! Ragazzi, aiutate Kolja a costruire una zattera!”..

Kolja: “E’ il settimo rintocco!”...

Una balena: “Perché sei venuto qui a nuoto, piccolo e debole uomo?”...

Kolja: “Porto l’Abete di Capodanno a papà in Antartide! Cara Balena, mi aiuti a giungere velocemente in Antartide!”...

Kolja: “E’ l’ottavo!”...

La balena: “Se tuo padre sta lì, io ti porto!”...

La scritta in russo: ANTARTIDE.

Kolja: “Grazie, Balena!”... “Papà non teme la burrasca di neve... e io non ho paura!... E’ il nono!”...

Un pinguino: “Tu chi sei?.. Un pinguino?”...

Kolja: “Sei tu stesso, un pinguino! Sono un uomo, Kolja!”...”E’ il decimo!”...

Il pinguino: “E sì, l’uomo! Aspetta, aspetta... ma non sarai per caso il figlio di Ivan Semjenovič?!”...

Kolja:”Sì....”...

Il pinguino: “Ma quanto gli somigli!.. Ma tanto proprio tanto gli somigli! Ragazzi, è vero che gli somiglia?!”... Tutti gli altri pinguini: “Gli somiglia, gli somiglia..”... “E che cosa stai facendo qua?”...

Kolja: “Io stavo portando l’Abete.. a papà... e ihiii... ihiii...”...

Il pinguino: “Non piangere... Noi ti aiuteremo...”...

Kolja: “E’ l’undicesimo... Non c’è più nulla da fare! ... Ehe! Non farò in tempo!”...

Un pinguino cucciolo: “Questa, Lei l’ha perso?”...

Kolja: “Papà!”.. Si sente un rintocco... “Eh! E’ tutto perso! Non ho fatto in tempo!”...

Un trillo... Un altro trillo...

Un postino: “Piccolo, ricevi un telegramma dall’Antartide!”...

Kolja: “Grazie! Un grazie davvero!... Mammina! Papà ci ha mandato un telegramma! Leggilo!”...

La mamma legge il telegramma: “Felice Anno Nuovo! Un aereo da Mosca ci ha portato un grande Abete di Capodanno! Baci, papà!”...

Kolja: “Lo dicevo, che papà avrà l’Abete di Capodanno...”...

Il postino: “Felice Anno Nuovo!”

FINE