Programma maggio 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Maggio 2022 Mercoledì 4 maggio, ore 18:30, Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse: dott. Massimo Graziuso,... Leggi tutto...
Convocazione Assemblea dei Soci 22 aprile 2022
Convocazione Assemblea dei Soci   L’Assemblea dei Soci è convocata nella Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse venerdì 22 aprile alle ore 16,00 in prima convocazione e 17,00 in... Leggi tutto...
Programma Aprile 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Aprile 2022 ●       Venerdì 1 aprile, ore 17:00, Officine di Placetelling - L’Università del Salento... Leggi tutto...
Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Home Sallentina Poesia salentina La festa de San Pietru
La festa de San Pietru PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Venerdì 29 Giugno 2012 16:27

[La poesia in dialetto galatinese, intitolata La festa de San Pietru, è apparsa nelle pagine de "Il Titano", n. 12 del 26 giugno 2008, p. 39]

 

San Pietru ede ‘na festa de culori,

de luci, de profumi  e de sapori;

quantu mi piace quandu ‘rriva la stagione

e bbisciu muntare la parazione!

De ‘nu viculu a ll’addhru, de ogni vanda,

se sentanu le note de la banda :

ogni  loggia e balcone a ll’apertu

diventa comu ‘nu grande concertu;

ogni corte, ogni chiazza, ogni via,

se anima d’incantu e de magia.

Ede comu nu sentimentu già pruvatu,

ca ritorna de lu tiempu passatu.

 

Lu cchiù speciale pe’ ogni famija,

ede lu giurnu de la viscija:

lu vintottu giugnu, dopu la funzione,

de la Chiesa Mathre esse la prucessione

e ‘rriva  finu a lle casine cchiù luntane

lu sonu festosu de le campane.

Monaci, prevati, confratelli e consorelle

de le cungreche, chierichetti e verginelle

ca s’anu fattu la prima comunione,

vanu secutandu la prucessione.

 

Lu bustu de San Pietru, de lu Seicentu,

lu dese Don Lorenzu Mungiò, tuttu d’argentu,

e la statua de San Paulu, è statu  stabilitu,

la porta a spaddhra  ‘na famija de Culumìtu.

A rretu a lli santi, cu tutti l’onori,

l’autorità, lu sindacu e l’assessori;

mmienzu a lli tamburi, de l’addhra vanda,

ave lu scemu ca secuta la banda

e lu sacrestanu,  cu ‘nu buccacciu, de retu,

ccoje l’offerte  pe’ San Pietru.

 

‘Na fiata venìanu ddhre povere cristiane

ca la taranta  pizzacava sotta a lle suttane,

quandu a campagna, cu lla fagge a mmanu,

sotta a llu sole ccujìanu lu cranu.

Scapiddhrate, su lli thraìni, la matina

le purtavanu a San Paulu, a Galatina,

cu lla speranza ca pe’sta discrazia

lu Santu li putìa fare la crazia.

Ci l’ave viste comu se sturtijàvanu,

dice ca suffrìanu de veru, e nu cabbàvanu!

Se vidìa unu cu lla camisa culurata,

comu ‘na diavula ssìa ‘na tarantata

de la cappella d’umidu e de tanfa,

e se menava cu llu scaranfa !

Se dice puru mòi, quando unu stè agitatu,

ca la taranta l’ave pizzacatu!!!...

 

A lla funzione, le cristiane la matina

si fannu vientu cu ‘na cartulina;

‘na zzingara crida finu a llu schiaccu:

“Ci vole le cuceddhre pe llu tabaccu!?!”.

E a ci la farina sape ‘mpasta,

li vinde li fierri pe lla pasta.

“Coccu friscu, cupèta, passatiempi,

scapèce, lupini, nuceddhre, semienti!!!”.

Lu “cratta-cratta”, cu ll’essenza culurata,

ìnchie li bicchieri de cremulata.

De coste a lla bancarella de nuceddhre,

ficurìne, ventaji, zacareddhre:

tante fileddhre russe, gialle, verdi, vianche,

comu li culori de le tarante!

 

La sera de San Pietru, pe’ tradizione,

a Galatina se mangia lu spumone.

Ma fra tutte, la cchiù antica usanza

ede cu sse bacia la pethra santa,

a ddhru San Pietru se ssettau, sfinitu,

cu sse riposa, fore a Santu Vitu.

Ogni famija, pe’ soddisfazione,

si mangia li primi frutti de stagione:

su lla banca, tajatu a feddhre, friscu friscu,

tene lu primu sargeniscu

e li primi culumbi de lu sciardinu,

ccoddi la matina prestu, cu ll’uncinu.

 

A menzanotte, lu meju spettaculu

se dduma a ncielu comu pe’ miraculu

e se scatena tra le luci e li rumori

‘na cascata de mille culori.

Ogni fiuru se apre a ncielu e poi scumpare

comu ‘na stella cadente inthru mmare,

finché l’urtimu focu sparatu

vene ‘nghiuttutu de lu cielu stellatu!....


Torna su