A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Memorie Narranti: l'Università Popolare aderisce all'iniziativa del Patto per la Lettura in occasione della giornata della memoria
Si riproduce il comunicato ufficiale sull'evento: MEMORIE NARRANTI – Giornata della memoriaIn occasione della Giornata della memoria, celebrata a livello internazionale il 27 gennaio, il Patto... Leggi tutto...
Home Poesia Poesia Antonio Prete tradotto da Walter Noia
Antonio Prete tradotto da Walter Noia PDF Stampa E-mail
Poesia
Giovedì 05 Luglio 2012 11:32

Pubblichiamo di seguito la traduzione francese di Walter Noia di due poesie di Antonio Prete, Cade tempo dal cielo (in italiano) e Matrima lu ientu (in dialetto copertinese). Le poesie originali, tratte dalla raccolta Se la pietra fiorisce, Roma, Donzelli 2012, si possono leggere in questo sito in Otto poesie I e II.

 

Le temps infini tombe du ciel

 

Le chien flaire l’effluve des mottes

Qui annonce le soir.

 

Sur l’onde rose-gris des argiles

Des files d’arbres sombres remontent

Vers les coteaux. Déferlant de l’horizon

Le jaune du couchant

Se répand sur les extremes collines.

 

Le temps infini tombe du ciel

Et silencieux s’éteint dans les feuillages.

 

Les animaux et les hommes

Sont étreints dans l’adieu,

Le coeur qui palpite en accord

Avec le souffle des plantes;

en ce moment, la terre cherche le sommeil

et la première étoile transperce souveraine

le manteau de la voute lointaine.

 

 

 

 

Ma  mère, le vent

 

Le vent murmure à travers les eucaliptus

Et dans les  pins chuchote et rit,

La lune se cache derrière le nuage,

pareille à une mariée qui, avec son voile à fleurs,

se couvre le front et  les cheveux.

 

C’est  ta  voix  qui a pris  le son du  vent

Chaque son  une feuille  de l’arbre,

chaque mot  un drap de lit d’air.

Quand  j’entends le murmure dans le jardin

Et dans le ciel il y a la lune,splendide,

je regarde  là-dehors: c’est toi qui raconte

des  histoires de lutins et  de sorcières,

les histoires  de vent  tissues de néant.


Torna su