Programma maggio 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Maggio 2022 Mercoledì 4 maggio, ore 18:30, Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse: dott. Massimo Graziuso,... Leggi tutto...
Convocazione Assemblea dei Soci 22 aprile 2022
Convocazione Assemblea dei Soci   L’Assemblea dei Soci è convocata nella Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse venerdì 22 aprile alle ore 16,00 in prima convocazione e 17,00 in... Leggi tutto...
Programma Aprile 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Aprile 2022 ●       Venerdì 1 aprile, ore 17:00, Officine di Placetelling - L’Università del Salento... Leggi tutto...
Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Home
Un pensiero di Natale PDF Stampa E-mail
Poesia
Sabato 22 Dicembre 2012 18:37

Per non dimenticare (26 Novembre 2012)


Dietro orme di pastori antichi

disegnati con innocente sogno,

avanza un corteo di bimbi

in desiderio di conoscere Dio

nato da madre come un bambino:

un canto allegro d’uguaglianza

rinforza sensi d’amicizia

e a festa trascina palloni e biciclette,

lettere scritte da mano incerta,

elenchi di doni sfiancati da miseria,

ricordi  avvolti da risate.

 

 

Poi

improvvisa da un cielo

cupo di stelle e di comete

cade una pioggia di razzi,

che una Morte precisa ha pilotato

su abbracci in grida di gioco,

su bocche poppanti,

su piedini senza passi,

su gambe in corsa per un gol.

Dove il cuore si trastullava felice,

ora sulla terra impoverita di vita

una pozza di sangue e pietà raccoglie

memorie di breve vissuto,

orfani brandelli spenti al tempo.

Noi  sbandati,

impietriti, restiamo abbracciati

a queste ombre pigiate nelle bare

per nascondere il peso della strage,

e fermo è il passo:

ma tu Bambino Gesù

con altra luce, con altro amore

riscrivi i nostri umani percorsi

in un muto marciare di buona volontà

che mai come adesso

a te, e solo a te, chiede “PACE”.

 


Torna su