Programma maggio 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Maggio 2022 Mercoledì 4 maggio, ore 18:30, Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse: dott. Massimo Graziuso,... Leggi tutto...
Convocazione Assemblea dei Soci 22 aprile 2022
Convocazione Assemblea dei Soci   L’Assemblea dei Soci è convocata nella Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse venerdì 22 aprile alle ore 16,00 in prima convocazione e 17,00 in... Leggi tutto...
Programma Aprile 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Aprile 2022 ●       Venerdì 1 aprile, ore 17:00, Officine di Placetelling - L’Università del Salento... Leggi tutto...
Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Home
Prodi Salentini PDF Stampa E-mail
Sallentina
Martedì 09 Luglio 2013 11:09

[Le immagini nel Pdf allegato sono di Angela Serafino]

 

Possiamo, e dovremmo, essere doppiamente grati al Presidente Prodi, per averci ricordato che il Salento è uno dei più interessanti spicchi del pianeta, grazie alla stratificazione di millenni di civiltà, a portata non di click, ma di pedale di bicicletta – e per averci autorevolmente ricordato che la “risorsa” turismo richiede competenza, cultura, ed innovazione: lu sule lu mare lu ientu – e le chiacchiere – non bastano (Pdf pag 1). Troppo spesso, infatti, gli sferzanti innovatori diventano d’improvviso cantori dell’antico “fai-da-te” – familistico e famigerato – non appena odono il solo sussurro della voce che nomina i “costi della qualificazione dei servizi e dell’offerta culturale”; nonché nostalgici dei salari del bracciantato latifondista quando si tratta di retribuire le professionalità “che fanno la differenza”. Come mostra, invece, la pagina odierna (9/luglio/2013) de il Messaggero (Pdf pag 2), quando la qualità viene coltivata sul medio termine, e non mirando solo a fare cassa a breve, e ciò accade più spesso di quanto non s’immagini, o non si voglia vedere, da parte di singoli imprenditori e ricercatori, ci porta a riconoscimenti almeno nazionali, senza eccessivi sforzi.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Prodi Salentini.pdf)Prodi Salentini.pdf 4045 Kb

Torna su