A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Memorie Narranti: l'Università Popolare aderisce all'iniziativa del Patto per la Lettura in occasione della giornata della memoria
Si riproduce il comunicato ufficiale sull'evento: MEMORIE NARRANTI – Giornata della memoriaIn occasione della Giornata della memoria, celebrata a livello internazionale il 27 gennaio, il Patto... Leggi tutto...
Home Sallentina Poesia salentina Allu Mmamminu (Al Bambin Gesù)
Allu Mmamminu (Al Bambin Gesù) PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Martedì 24 Dicembre 2013 20:48


Quando li rre maggi iddera

ddha stella ca lucia

e bbenchia lu celu te sprendore

dissera:

“Eccu ha scisu sulla terra lu Messia,

ca ete te lu mundu sarvatore ».

 

Se misera an caminu

e quandu rriara a llu paise

de Erote, ni dissera :

«Canusci ssignuria

lu paise addunca è natu lu messia ? »

 

 

“None -  ni respuse – ete la prima fiata

ca nde sentu parlare

ma  se lu ttruati

me avvisati

cussì   puru ieu lu pozzu onorare

e quarche  cosa ni pozzu rrecalare.

 

Camenara e camenara li rre maggi

secutandu la stella ca lucia

e lu ttruara intru alla  crotta

ddunca ncora stia.

Se ngenucchiara nnanti allu Messia

e oru, argentu e mirra ni dunara,

ma alla reggia de Erote nu turnara

percè capera

ca quiddhu ia dittu nna buscia

e ulia lu Mmamminieddhu

cu llu ccia

percè già se sapia

ca lu Messia

lu mundu ia rreutare.

 

Gesù Cristu

l’urtimi primi fice ddentare,

alli perieddhi nni dese

nnu picca te regettu

e  scunfundau all’infiernu

li ricchi e li potIenti

senza rispettu.

 

Moi, mamminieddhu miu,

te stu mundu

t’ha scerratu

percè tuttu comu prima

ha turnatu:

 

li ricchi e li potienti vivenu

felici e  cuntenti

e li perieddhi trascinanu la vita

tra mille e mille stienti.

 

Nnanti allu presepiu

ngenucchiati

te preamu cu tuttu lu core

scunsulati:

iuta ci a mpauta nu ttene  nna lira,

ci a stientu la carretta tira,

ci stae senza fatia e

senza nisciunu progettu,

 

ci stae malatu intru allu liettu

senza regettu.

 

Stuta lu fuecu ca arde e cunsuma

l’amore e lu core.

 

Lassani an pace nu picca

stare an vita

e fanne la ggente

cu stescia tutta unita.

 

La religgione

cristiani e nun cristiani nu divida.


Torna su