A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Memorie Narranti: l'Università Popolare aderisce all'iniziativa del Patto per la Lettura in occasione della giornata della memoria
Si riproduce il comunicato ufficiale sull'evento: MEMORIE NARRANTI – Giornata della memoriaIn occasione della Giornata della memoria, celebrata a livello internazionale il 27 gennaio, il Patto... Leggi tutto...
Home Galleria Video Video vari (2010/14) Il Pupazzo di Neve-Postino (La Fiaba del Capodanno)
Il Pupazzo di Neve-Postino (La Fiaba del Capodanno) PDF Stampa E-mail
Video vari (2010/14)
Lunedì 30 Dicembre 2013 08:54

Снеговик - Почтовик (Новогодняя сказка) / Snow Postman


Traduzione di Tatiana Bogdanova Rossetti

 

Dim lights Embed Embed this video on your site

 


Il primo ragazzino: “Hurrà! Domani è Capodanno!”.

Il secondo ragazzino: “Allora domani ci sarà l’abete di Capodanno!..”.

Un bimbo piccolo: “E chi ce lo regala?”...

Il primo ragazzino: “L’abete ce lo regala Nonno Gelo!”...

Il terzo ragazzino: “E lui come saprà che noi abbiamo bisogno dell’Abete?”.

Il primo ragazzino: “Noi gli mandiamo una lettera!” Mostra la lettera: A Nonno Gelo dai ragazzi,

Il secondo ragazzino: “E chi la porta la lettera?”..

Il primo ragazzino: “La lettera, la porta... eh... Il Pupazzo di Neve!!!”..

Il bimbo piccolo: “Il Pupazzo di Neve? E dove sta?”...

Il primo ragazzino: “Aha-aha! E’ molto semplice! Aha-aha! Ora lo facciamo!”...

Cantano insieme:

Pupazzo, pupazzo tu sarai il postino di noi ragazzini.

Prenderai la lettera e andrai nel fitto del bosco buio...

Nonno Gelo, ricevuta la lettera, sceglierà nel bosco un abete…

Il più bello, il più “piumoso”* e dagli aghi più verdi...

Quest’Abete porterai al più presto per tutti i ragazzi...

Il pupazzo di neve, svegliatosi a mezzanotte: “Tch... Ecco che problema mi hanno assegnato!... Andare nel bosco… Trovale Quello... E da lui portare ai ragazzi Quello”...

Un cagnolino: “Bau! Mi prenda con Lei!”..

Il pupazzo di neve: “Ah!.. E tu chi sarai?”..

Il cagnolino: “Mi chiamano Družok*! Mi prenda con Lei” - supplica Družok, - “Io l’aiuto a trovare la strada!”…

Il pupazzo di neve: “ Ehe- ehe! Giusto! In due è anche molto più allegro!”...

Arrivati nel bosco…

Il pupazzo di neve: “Dove trovi qui Qualcuno e Qualcosa?...  Dài, andiamo là!.. O no...  Ecco... lì... Ma forse... di là... o invece lì... Eheh... di lì, o di là... di là o di lì”...

Un gufo: “Uhu-uhu... uhuhuhuhuhu!!!”..

Il pupazzo di neve: “Eh! Tu, come ti chiami... Dài, dicci, per dove dobbiamo andare… per andare da Quello... com’è che si chiama?”..

Družok: “Da Nonno Gelo!”...

Il pupazzo di neve: “Noi abbiamo tanto bisogno a Lui... consegnare Questa!”..

La volpe: “ E sì, qui c’è qualcosa non senza ragione!”…

Il pupazzo di neve, mostrando la lettera: “Eccola, Questa!.. Perché stai zitto e sbatti gli occhi?!... Non conosci la strada?! Sì!”…

La volpe: “Datela a me e la porto io!”..

Il pupazzo di neve: “No, a me Questa… è più cara di ogni cosa... Per Questa, Egli  mi darà uno Così!”...

La volpe: “Un galletto?!”..

Il pupazzo di neve: “No, è molto meglio!”...

La volpe: “Un  gallo cedrone?!”...

Il pupazzo di neve: “ Ma che dici?! E’ molto più piumoso! Ahi!”…

La volpe: “Non sarà mica un grosso tacchino!”- parlando col Gufo, la volpe: “Quindi, in cambio di questa lettera, Nonno Gelo darà qualsiasi cosa!”…

Il gufo: “Uhu-uhu-uhu... E se noi questa lettera gliela soffiamo?!”...

La volpe: “E chiediamo a Nonno Gelo per questa lettera per noi stessi ogni cosa migliore!”...

Il lupo: “Che cosa stai portando, comare-Volpe? Spartiamocela! Aha!”.

La volpe: “Non voglio spartire...  a me stessa serve!”...

Il lupo: “Non vuoi condividere?! Allora ti prendo tutto!”..

L’orso: “Dove, dove stanno i cani?! Non sarà mica una battuta?! Ah! Ecco chi si è permesso di svegliarmi!”..

Il pupazzo di neve: “Ma noi non volevamo svegliarLa!.. Noi stiamo cercando Questo... Ma come si chiama Questo?!”..

Družok: “Bau!.. Nonno Gelo! Noi non sappiamo dove abita!”...

L’orso: “E a che cosa lui vi serve? (E per quale motivo lo state cercando?)”...

Il pupazzo di neve: “I ragazzini mi hanno fatto e mi hanno detto a Quello, portare Questa!”..

L’orso: “Una lettera!”…

Il pupazzo di neve: “Sì, sì! E’ Questa proprio! Ma dove dobbiamo andare, noi non lo sappiamo!”...

L’orso: “M..sì... Si vede che la faccenda è importante! Bene, allora andiamo, vi accompagno io!”...

Il pupazzo di neve: “Grazie... Lei mi ha salvato! Ohi, ma dove sta Questa... Questa... ma come è che si chiama?!”...

L’orso, tirando il Pupazzo fuori dalla buca nel ghiaccio: “Uno, due.. issa, uno due... issa!”...

Nonno Gelo: “Per chi è?.. E’ per me, volpe?.. A Nonno Gelo! Eh! Dai ragazzini! Molto bene bene... Vediamo, vediamo... Caro Nonno Gelo, mandaci, per favore, un..”...

La volpe: “Un galletto... Un  gallo cedrone...”..

Il gufo: “Un leprotto...”…

Nonno Gelo: “State zitti… zitti!”...

Il lupo: “Un capretto...”…

Nonno Gelo: “ Zitti, vi sto dicendo... Mandaci, per favore, un Abete!”...

La volpe: “Un Abete?”…

Nonno Gelo: “Mandaci, per favore, un Abete, ne abbiamo tanto bisogno... La lettera ti porterà il Pupazzo di neve... Aha-aha-aha... E chi è di voi, chi sarebbe il Pupazzo di neve?.. Ah!”…

Il pupazzo di neve: “Ehe-ehe! Mi hanno fatto e mi dissero... che dovevo portare Questa... com’è che si chiama?..”…

Družok: “La lettera!”..

L’orso: “Invece questi qua… La lettera...”…

Družok: “L’hanno rubata!”...

Nonno Gelo: “Ah, ecco di che cosa si tratta... Ah, voi così vili e cattivi! La prossima volta vi passerà la voglia di fare altrettanto! Ecco!... Invece a te, Pupazzo di neve, il coraggioso postino dei ragazzini,… Darò un Abete Stupendo e un sacco con dei regali... Li porterai ai ragazzini e dirai loro: - “Nonno Gelo fa tanti auguri a tutti a Capodanno per il Nuovo Anno!!! ”...

I ragazzini parlano fra loro: “Venite qua, ragazzi, presto... Ma guardate quanto è stato bravo il Pupazzo di neve... E sì, ha fatto il proprio dovere... Nonno Gelo in persona, glielo ha dato!.. Il migliore!... Il più piumoso! Tutto pieno di aghi verdi!”...

FINE

Ndt: Družok è un nome che spesso si dà ai cagnolini in Russia, che significa Piccolo Amico.

Ndt: Sono stati adattati gli animali piumosi al genere maschile dell’Abete in italiano, in quanto in russo il sostantivo Abete è del genere femminile. Non potevo conciliare il “piumoso” Abete con la gallinella, l’anatra e l’oca che si immaginava di avere la volpe russa!  :)

 

* L’Abete “Piumoso” (Пушистая ёлка, ag.f+st.f.) è un termine improprio che si usa in russo per dire di un abete in questo caso (non solo riferito agli abeti) ricco di rami e di aghi verdi e consistenti. Da cui nasceranno gli equivoci...

* Družok, è amichetto in russo, tantissimi cagnolini in Russia hanno questo nome!


Torna su