Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Home Sallentina Poesia salentina Traduzione in vernacolo leccese del sonetto 66 di William Shakespeare
Traduzione in vernacolo leccese del sonetto 66 di William Shakespeare PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Venerdì 17 Gennaio 2014 17:26

 

Stancu de tuttu cercu la pace de la morte

Stancu cu bisciu ci mmereta scire sempre demertu

e li  bueni a nulla sempre a festa parati

e la fede cchiù pura continuamente tradita

e l’alti onori spergugnatamente dati a cci nu sse li mmereta

e la virtù certa catisciata e l’onestà delusa

e ci ole agisca bbattutu da cuerpi a tradimentu

e l’arte de ci ni cumanda costretta a llu silenziu

e a llu geniu date recule de parte de pacci ignoranti

e la semplice virtù scangiata pe semplicità

e lu bene in servitù e lu male ca la face de patrunu

stancu de tuttu ulia me ndiau,

ulia lassu tuttu

se nu bbera ca murendu lassu sulu l’amore miu.


Torna su