A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Memorie Narranti: l'Università Popolare aderisce all'iniziativa del Patto per la Lettura in occasione della giornata della memoria
Si riproduce il comunicato ufficiale sull'evento: MEMORIE NARRANTI – Giornata della memoriaIn occasione della Giornata della memoria, celebrata a livello internazionale il 27 gennaio, il Patto... Leggi tutto...
Home Sallentina Poesia salentina Traduzione in vernacolo leccese del sonetto 66 di William Shakespeare
Traduzione in vernacolo leccese del sonetto 66 di William Shakespeare PDF Stampa E-mail
Poesia salentina
Venerdì 17 Gennaio 2014 17:26

 

Stancu de tuttu cercu la pace de la morte

Stancu cu bisciu ci mmereta scire sempre demertu

e li  bueni a nulla sempre a festa parati

e la fede cchiù pura continuamente tradita

e l’alti onori spergugnatamente dati a cci nu sse li mmereta

e la virtù certa catisciata e l’onestà delusa

e ci ole agisca bbattutu da cuerpi a tradimentu

e l’arte de ci ni cumanda costretta a llu silenziu

e a llu geniu date recule de parte de pacci ignoranti

e la semplice virtù scangiata pe semplicità

e lu bene in servitù e lu male ca la face de patrunu

stancu de tuttu ulia me ndiau,

ulia lassu tuttu

se nu bbera ca murendu lassu sulu l’amore miu.


Torna su