Programma maggio 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Maggio 2022 Mercoledì 4 maggio, ore 18:30, Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse: dott. Massimo Graziuso,... Leggi tutto...
Convocazione Assemblea dei Soci 22 aprile 2022
Convocazione Assemblea dei Soci   L’Assemblea dei Soci è convocata nella Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse venerdì 22 aprile alle ore 16,00 in prima convocazione e 17,00 in... Leggi tutto...
Programma Aprile 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Aprile 2022 ●       Venerdì 1 aprile, ore 17:00, Officine di Placetelling - L’Università del Salento... Leggi tutto...
Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Home I mille racconti I mille racconti FAVOLE di EVGENIJ PERMJAK 25. Fratelli intransigenti
FAVOLE di EVGENIJ PERMJAK 25. Fratelli intransigenti PDF Stampa E-mail
I mille racconti
Domenica 30 Marzo 2014 20:19

Traduzione di Tatiana Bogdanova Rossetti

 

Velocemente dai monti Altaj correvano-scorrevano nelle terre del nord due fratelli: Katun' e Bija. Ardenti, ciarlieri, allegri, uno più bello dell'altro.

Scorrevano ognuno per conto proprio, scorrevano e a un certo punto si incontrarono. Si unirono, si fusero. Insieme fluirono nello stesso letto. Corsero-fluirono i due fratelli fiumi, Katun' e Bija, nello stesso letto e all'improvviso si misero a discutere: come si sarebbe dovuto chiamare adesso il fiume composto da loro due?

«Io correvo-scorrevo per conto mio» – disse Katun' a Bija, – «e tu mi sei sfociato dentro. Perciò adesso questo grande fiume deve essere chiamato con il nome mio – Katun’.»

Ma pure l'altro fratello apparteneva alla stessa razza, quella dei poco malleabili.

«Non sono stato io, Katun', a sfociarti dentro, ma sei stato tu ad affluire dentro le mie acque. Quindi il grande fiume dovrebbe chiamarsi come me, Bija

Avrebbero discusso ancora a lungo, agitandosi, schiumando, uscendo dagli argini, ma incontrarono un uomo. Un esploratore di terre nuove. Un uomo russo. Cominciarono ambedue i fiumi a cercare di erodere, di scavare sotto i piedi dell'uomo, volendo piegare il suo giudizio a proprio favore. Ognuno buttava per lui sulla riva il suo pesce migliore. Ognuno dei fratelli-fiumi voleva suggerirgli il proprio nome, per portarlo dai monti Altaj al mar freddo di mezzanotte e glorificare soltanto se stesso.

L'uomo russo, però, era una di quelle persone semplici. Non gli piaceva chi metteva se stesso davanti a tutto e tutti, chi rincorreva la gloria e la fama a discapito degli altri, non risparmiando perfino dei fratelli. Perciò disse ai due fiumi: «Deciderò, fratelli, la vostra contesa. Né uno né l’altro rimarrà offeso. Ob[1]: entrambi vivrete nel nome del fiume.»

Così disse e chiamò il grande fiume – Ob.

Così gli intransigenti, testardi, cocciuti fratelli, con molte rapide, fondendo le loro acque, persero i nomi loro e si misero a correre-scorrere ambedue come Ob. Un grande fiume russo della Siberia. Tutti lo conoscono, stupendo, magnifico, e di Katun’ e Bija in pochi si ricordano.

 

 


[1] Obe,f., oba, m. (russo) entrambi.


Torna su