Programma maggio 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Maggio 2022 Mercoledì 4 maggio, ore 18:30, Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse: dott. Massimo Graziuso,... Leggi tutto...
Convocazione Assemblea dei Soci 22 aprile 2022
Convocazione Assemblea dei Soci   L’Assemblea dei Soci è convocata nella Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse venerdì 22 aprile alle ore 16,00 in prima convocazione e 17,00 in... Leggi tutto...
Programma Aprile 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Aprile 2022 ●       Venerdì 1 aprile, ore 17:00, Officine di Placetelling - L’Università del Salento... Leggi tutto...
Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Home
La lettura 13. Sic rebus stantibus PDF Stampa E-mail
Prosa
Venerdì 12 Settembre 2014 07:24

["Il Galatino" anno XLVII n. 14 del 12 settembre 2014]

 

Nell’ultimo numero de “Il Galatino”, prima della pausa estiva di questo 2014, Gianluca Virgilio si chiedeva se fosse il caso o meno, alla ripresa settembrina delle pubblicazioni, di continuare la sua rubrica “Come stanno le cose”, i cui interventi sono ora insieme a testi del 2007 e del 2008 nella raccolta “Così stanno le cose”, stampata da Santoro e disponibile nelle librerie e nelle edicole galatinesi. Non si trattava di mancanza di argomenti: la rubrica raccoglieva opinioni, spigolature, vagabondaggi analoghi alle passeggiate di Walter Benjamin, di cui il nostro è appassionato lettore; una materia potenzialmente infinita. Quello che lo frenava era il timore che il discutere in quelle pagine delle cose minime della propria esperienza potesse essere e/o essere giudicato come una forma di narcisismo di cui non importava nulla a nessuno. Implicitamente, quel timore solleva una questione letteraria e una psicologica.

Invitato, ormai è qualche anno, a parlare alla cerimonia di assegnazione dei diplomi in una qualche scuola americana (vado a memoria), Jonathan Franzen cominciò chiedendosi se gli organizzatori si fossero resi conto che chiamare a parlare uno scrittore (in particolare un romanziere) voleva dire avere un relatore che alla fine chiacchierava solo della propria esperienza, sperando che gli altri ne potessero trarre vantaggio. Non credo che le cose stiano proprio così, ma l’indicazione di Franzen è un’ottima approssimazione. Ognuno di noi, infatti, quando scrive, lo fa attraverso la propria cultura, la propria psicologia, se stesso, in sintesi. Perfino la semplice lettura di un testo scritto da altri è filtrata attraverso la precomprensione che si esercita anche solo implicitamente per quello che siamo. Hans Georg Gadamer ha scritto pagine illuminanti in merito. D’altra parte, però, uno scrittore che sia tale, cosciente di attraversare la propria esperienza e quella di chi gli sta intorno, cerca di enucleare (consciamente o inconsciamente ha poca importanza) quegli aspetti che possono avere una natura universale e quindi trascendono il caso singolo: il suo. Questo mi sembra distingua uno scrittore da uno scrivente – la classificazione è di Roland Barthes. Una volta che si riconosce uno scrittore si può poi discutere del grado di qualità che è a lui/lei pertinente, non prima, altrimenti si tenderebbe a perdere tempo.

Ben altra questione è il comportamento narcisista. Non voglio qui invocare categorie psicologiche cliniche per mancanza di competenza in merito e per il sospetto che esse possano essere talvolta definite principalmente per convenienza – in ogni caso il narcisismo è classificato come disturbo della personalità. Semmai mi propongo di ricordare alcuni aspetti che possono emergere dalla semplice osservazione di chi non ha una precisa formazione in psicologia clinica.

Un narcisista appare genericamente sordo alle espressioni dell’altro. Non esprime nella sostanza delle sue azioni il concetto di rispetto reciproco perché implicitamente pretende uno statuto speciale per il solo fatto di esistere (s’invocano regole di comportamento per gli altri, ma si pretende di essere sopra di esse). Un narcisista vede chi gli è intorno essenzialmente in funzione di “servitù”. E il servizio ha il fine di soddisfare lo smodato bisogno di avere riconoscimento, per quanto vacuo e illusorio esso possa essere.  La ricompensa per chi è “domestico” alla bisogna è esaltazione e deciso credito che gli è concesso dal narcisista, pronto però a spegnere immediatamente il fervore nel momento in cui il “famiglio” avanza una minima critica al comportamento dell’oggetto delle sue attenzioni. E questo desiderio di riconoscimento nel narcisista, che vuole stima e non affetto ed è disposto persino a comprarla se può, rimane sempre insoddisfatto perché ciò che agita il fondo è una drammatica insicurezza e uno spasmodico desiderio di essere accettato. Abbondo di aggettivi contro ogni mio istinto di scrittura nella speranza che le iperboli possano tracciare con una qualche accettabile chiarezza quanto mi sembra pertinente alla situazione – vari sono, infatti, i gradi possibili di narcisismo. Andiamo avanti, però. Nel dialogo che non sia indirizzato a immediate questioni di lavoro (dove il fine è spesso il primeggiare tra i colleghi, considerando le altrui realizzazioni come detrimento alla propria persona), parla di sé. Null’altro argomento attrae concretamente la sua attenzione; preferisce, infatti, la mancanza di cultura perché conoscenza implica paragone, vista fuori di sé, mentre l’ignoranza favorisce l’ammirazione. E se scrive, essenzialmente narra il suo io e la sua quotidianità in maniera quasi pedissequa: la riproposizione del tipo di monologo che ha con gli altri, senza alcun bisogno di estrazione di aspetti universali, forse perché egli/ella, anche solo inconsciamente, ritiene di essere di per se stesso/a tutta l’universalità necessaria. Tendenzialmente, quindi, e indipendentemente dalla collocazione editoriale, finisce troppo di frequente con l’essere solo uno scrivente nel senso di Barthes. E in tutto ciò alla fine c’è il pericolo, spesso la realizzazione, di un progressivo distacco da una percezione chiara della realtà (cui si contrappone naturalmente il continuo elogio delle proprie capacità di discernimento): la bugia diventa una necessità quotidiana per illudersi e plasmare la realtà, soprattutto la disponibilità degli altri – tutto il processo è una forma di auto-illusione. Alla fine tende a subentrare in varie forme la depressione, cui porta la sua “fame” che non può essere saziata.

Tutto quanto ho appena sintetizzato con rozzezza sul narcisismo credo che non abbia nulla a che vedere con Gianluca Virgilio, il cui timore penso possa essere velocemente fugato. Semmai mi auguro di rivederlo impegnato nel preparare i suoi interventi, anche per una rubrica diversa, con cura e attenzione sempre crescenti (un tentativo che ciascuno di noi – la cura e l’attenzione crescenti, intendo – dovrebbe sempre cercare di fare nello scrivere un testo).

Credo che meriterebbe uno scenario editoriale più vasto. Limitare la distribuzione (si va da un editore per la distribuzione essenzialmente, la stampa può essere fatta altrimenti) è una sua precisa scelta. Non cerca il successo. E questo gli fa tremendamente onore.


Torna su