A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile
Ed ecco anche il link per rivedere la conferenza di Marcello Aprile... https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/579035319735696 
Link per rivedere la conferenza di Maria Luisa Quintabà
Ecco il link per rivedere l'interessante conferenza di Maria Luisa Quintabà: buona visione a tutti! https://www.facebook.com/universitapopolare.avallone.3/videos/578470189792209 
Programma febbraio 2021
Programma Febbraio 2021 Giovedì 4 febbraio, ore 18,00 – Prof. Mario Capasso (papirologo, Università del Salento), Un giallo in Egitto. Conversazione sul romanzo “Il dr. Cavendish e il... Leggi tutto...
Memorie Narranti: l'Università Popolare aderisce all'iniziativa del Patto per la Lettura in occasione della giornata della memoria
Si riproduce il comunicato ufficiale sull'evento: MEMORIE NARRANTI – Giornata della memoriaIn occasione della Giornata della memoria, celebrata a livello internazionale il 27 gennaio, il Patto... Leggi tutto...
Home Poesia Poesia Il Vecchio e l’Ombra 3. La visita
Il Vecchio e l’Ombra 3. La visita PDF Stampa E-mail
Poesia
Domenica 15 Marzo 2015 10:28

 

 

 

 

 

 

(andante  scherzoso)

 

[Brogliaccio Salentino di “Presenza Taurisanese”, n. 8-9 / Agosto-Settembre 2014, p. 7]

 

 

 

 

 

 

 

Quattro donne intorno al cor

gli son venute.

Pensionate scolare settantenni

a lui daccanto entrato ai novantuno.

Reca cioccolatini,

capitana di lor, la Pulli Pina,

preside ieri dal ferrato pugno.

Anna Rita di più parla che l'altre.

Italia (evviva!) è colei

che Matteo si noma.

Ben due volte caduta in grave coma,

il tunnel vide,

ma non s'è inoltrata,

poiché ignote parvenze o pur reali

l'hanno santamente rinviata.

Pina porta triste novella

proprio di quella

senza dubbio bella:

Rosi, diciassettenne fresca

che al giovin professor

tese un'abil esca,

in matta ormai cangiata,

alla buona sorella sta affidata.

Al vecchio il labbro trema

ricordando a Vira originale tema.

Lei ride: "Professore mio,

allor dicesti ch'era uno schifìo.

E, magari un po' distratto,

m'affibbiasti un arcirosso quattro".

Affettuose chiedono la firma

al vecchio vecchio professore,

or un tantin noto scrittore.

Egli gentil la pone.

Quando se ne vanno,

stanco, emozionato,

sul tardi nel sonno

è sprofondato.

"Peccato, -osserva Pina

il giorno dopo-

potevamo almen fare una foto".

"Meglio, -risponde il vecchio-

è stata una salvezza,

per non vedermi

ridotto una schifezza!"

 


Torna su