Programma maggio 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Maggio 2022 Mercoledì 4 maggio, ore 18:30, Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse: dott. Massimo Graziuso,... Leggi tutto...
Convocazione Assemblea dei Soci 22 aprile 2022
Convocazione Assemblea dei Soci   L’Assemblea dei Soci è convocata nella Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse venerdì 22 aprile alle ore 16,00 in prima convocazione e 17,00 in... Leggi tutto...
Programma Aprile 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Aprile 2022 ●       Venerdì 1 aprile, ore 17:00, Officine di Placetelling - L’Università del Salento... Leggi tutto...
Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Home
La lanterna di Diogene 22. Per i migranti l’Europa non sia solo un approdo geografico PDF Stampa E-mail
Prosa
Lunedì 14 Settembre 2015 06:32

[“Il Galatino” anno XLVIII n. 14 dell’11 settembre 2015, p. 12]

 

È finito il periodo che noi chiamiamo “delle vacanze” e ognuno ritorna al proprio lavoro e alle proprie incombenze. Fare un consuntivo di quello che è avvenuto negli ultimi mesi non è semplice perché abbiamo avuto, come nell’antichità, nuove presenze in quella che noi chiamiamo realtà occidentale. Infatti gruppi di abitanti di paesi dei paesi asiatici e dell’Africa, per eludere le lotte politiche dei loro paesi, con inevitabili riflussi economici, hanno deciso di sbarcare in Grecia e in Italia che, di fatto, costituiscono per loro i primi approdi accessibili nell’area europea. Naturalmente, come avviene quando ci sono sommovimenti politici che ribaltano modelli e prospettano certezze di guerra e di fame, per il futuro, per sfuggire alle guerre ci si trasferisce in zone più tranquille, più garantite, con maggiore possibilità di lavoro. Le nazioni europee, come Italia e Grecia, hanno costituito il primo approdo non solo geografico ma culturale e politico. Questo inatteso travaso di persone in cerca di lavoro e di serenità, in quanto non programmato, hanno trovato impreparati gli altri paesi ma l’Europa istituzionale non deve rimane passiva così come le popolazioni non rimangono passive. Ci sono ancoraggi istituzionali talvolta creati appositamente, ma sempre fedeli ad uno dei primi valori che ogni democrazia deve difendere, cioè il diritto/dovere d’asilo. Democrazia è anche questo e non solo garantire al proprio popolo valori etici, politici e umani, ma anche dimostrare che l’umanità, al di là dei colori e dei linguaggi, è sempre una: quella che anche il mito cristiano rinvia ai primi uomini senza alcuna distinzione.


Torna su