Programma maggio 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Maggio 2022 Mercoledì 4 maggio, ore 18:30, Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse: dott. Massimo Graziuso,... Leggi tutto...
Convocazione Assemblea dei Soci 22 aprile 2022
Convocazione Assemblea dei Soci   L’Assemblea dei Soci è convocata nella Sala Convegni dell’ex Monastero delle Clarisse venerdì 22 aprile alle ore 16,00 in prima convocazione e 17,00 in... Leggi tutto...
Programma Aprile 2022
Università Popolare “Aldo Vallone” Anno accademico 2021-2022 Programma di Aprile 2022 ●       Venerdì 1 aprile, ore 17:00, Officine di Placetelling - L’Università del Salento... Leggi tutto...
Immagine
Inaugurazione Anno accademico 2021-2022
Venerdì 22 ottobre alle ore 18:00, nell’ex Convento delle Clarisse in piazza Galluccio, avrà luogo l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Popolare “Aldo Vallone”:... Leggi tutto...
A rivederci. In presenza, Forse anche a distanza. Ma sempre attivi. E comunque uniti.
Il nostro Anno Accademico è finito, come sempre, con l'arrivo dell'estate, anche se il contemporaneo "sbiancamento" della nostra Regione e la possibilità, finalmente, di organizzare incontri in... Leggi tutto...
Home Autori Luigi Scorrano
Luigi Scorrano PDF Stampa E-mail
Autori
Venerdì 03 Settembre 2010 16:41

Luigi Scorrano, dopo esperienze di lavoro, ha condotto studi irregolari e conseguito la maturità magistrale. Frequentò per un biennio, a Milano, l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Nell’Università di Lecce, dove intanto si era trasferito, conseguì la Laurea in Materie Letterarie con il massimo dei voti e la lode. Con Aldo Vallone, di cui fu allievo, ha curato un commento alla Divina Commedia (Napoli, Ferraro, 1985-1988).

Ha collaborato e collabora a riviste di critica letteraria (L’Alighieri, Otto/Novecento, Studi e problemi di critica testuale, Studi Rinascimentali e altre) I suoi interessi di studio riguardano soprattutto la “presenza” di Dante nella letteratura italiana del Novecento ma anche, in senso generale, l’interpretazione di Dante (attraverso le tradizionali Lecturae Dantis). Né mancano, nella sua produzione, escursioni in altri campi e momenti di storia letteraria con interventi da “critica militante”.

A documentare il suo lavoro si tengano presenti le seguenti indicazioni bibliografiche riguardanti i suoi scritti raccolti in volume: Modi ed esempi di dantismo novecentesco, Lecce, Adriatica Editrice Salentina, 1976; Alberto Bevilacqua, Firenze, La Nuova Italia, 1983; La fenice, la cenere. Saggi e note su Gabriele d’Annunzio, Napoli, Ferraro, 1988; Presenza verbale di Dante nella letteratura italiana del Novecento, Ravenna, Longo, 1994; Il polso del presente. Poesia, narrativa e teatro di Cesare Giulio Viola, Modena, Mucchi, 1994; Tra il “banco” e “l’alte rote”. Letture e note dantesche, Ravenna, Longo, 1996; Il Dante “fascista”. Saggi, letture, note dantesche, Ravenna, Longo, 2001; Carte inquiete. Maria Corti Biagia Marniti Antonia Pozzi, Ravenna, Longo, 2002; Don Francesco Pedretti. Uno sguardo largo quanto il mondo, Milano, Centro Ambrosiano, 2009.

Leggi il bel ritratto di Luigi Scorrano scritto da Augusto Benemeglio, clicca qui.

Per la Presentazione di Cesare Giulio Viola, "Pricò", in questo sito, clicca qui.

Su Aldo Vallone, vedi l'intervento, in questo sito, dal titolo 'La storia della letteratura meridionale' nell'opera di Aldo Vallone.

 

Articoli di questo autore:


Torna su